MotoGP
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
14 mag
-
17 mag
Evento concluso
28 mag
-
31 mag
Evento in corso . . .
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
6 giorni
18 giu
-
21 giu
Canceled
25 giu
-
28 giu
Canceled
09 lug
-
12 lug
Canceled
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
69 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
76 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
90 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
104 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
119 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
126 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
139 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
147 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
153 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
168 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
175 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
182 giorni

Jack Miller assicura che non era l'unico pilota a voler correre a Silverstone

condividi
commenti
Jack Miller assicura che non era l'unico pilota a voler correre a Silverstone
28 ago 2018, 07:27

Jack Miller ha rivelato che domenica non era l'unico pilota a voler disputare il GP di Gran Bretagna di MotoGP. Oltre a lui, anche Johann Zarco si era detto favorevole a correre nella riunione della Safety Commission.

Jack Miller, Pramac Racing
Carmelo Ezpeleta, CEO Dorna Sports, Jack Miller, Pramac Racing, lasciano la riunione della Safety commission
Scott Redding, Aprilia Racing Team Gresini
Johann Zarco, Monster Yamaha Tech 3
Johann Zarco, Monster Yamaha Tech 3, lascia la riunione della Safety commission

L'australiano era stato indicato come l'unico pilota presente alla Safety Commission di domenica che avrebbe voluto correre la gara di Silverstone, nonostante la maggior parte (era stato detto tutti tranne uno) ritenessero che la pista non rispettasse le condizioni minime di sicurezza.

Tuttavia, Miller stesso ha rivelato di non essere stato l'unico pilota a chiedere di aspettare almeno fino a quando ci fosse stata luce, ovvero fino a poco prima delle 19:30 locali, il limite di tempo che era stato imposto dall'organizzatore come accettabile per il livello di luce naturale.

"Il problema è che gli altri ragazzi non volevano correre" ha detto Miller alla televisione britannico BT Sport.

"Era un problema di sicurezza. Come potete capire, anche io non sono contento delle condizioni dell'asfalto e del drenaggio della pista. Basta guardare all'incidente di sabato che ha coinvolto Tito" ha detto in riferimento all'infortunio di Rabat.

"E' un peccato che la gara sia stata annullata, stavamo parlando di aspettare ancora un po' per vedere se il tempo sarebbe migliorato. Annullare tutto così presto è stata un'anomalia, specialmente per i tifosi".

Sia Jorge Lorenzo che Marc Marquez hanno assicurato che tutti i piloti erano concordi sulla cancellazione, tranne Miller.

L'australiano però ha dichiarato: "Gli unici piloti che volevano correre eravamo io e Johann (Zarco)".

Va detto però che, quasi in contemporanea, Zarco ha parlato su Movistar TV, dicendo che era stata presa la decisione corretta. Al francese è stato chiesto se qualche pilota aveva chiesto di aspettare ancora per provare a correre e quando è stato citato Miller, ha detto: "E' australiano, ha delle gran palle..." ha detto mimando due cerchi delle dimensioni di due cocomeri.

Articolo successivo
Ducati smentisce la Direzione Gara: "Non c'è stata nessuna convocazione ufficiale"

Articolo precedente

Ducati smentisce la Direzione Gara: "Non c'è stata nessuna convocazione ufficiale"

Articolo successivo

I piloti di MotoGP si scusano con i tifosi per l'annullamento del GP di Gran Bretagna

I piloti di MotoGP si scusano con i tifosi per l'annullamento del GP di Gran Bretagna
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Scott Redding , Johann Zarco , Jack Peter Miller