Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?
Prime

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Di:

Il recupero dell'otto volte campione del mondo procede più a rilento del previsto anche a causa di una Honda poco competitiva. Questo fine settimana però si va al Sachsenring, dove è imbattuto dal 2010 comprese le classi minori: sarà l'occasione giusta per rivederlo al top?

La stagione 2021 della MotoGP sta vivendo sul duello tra Fabio Quartararo e lo squadrone Ducati, ma nel prossimo fine settimana gli occhi degli appassionati potrebbero essere puntati altrove. Dopo aver saltato l'edizione 2020 a causa della pandemia, il Motomondiale torna infatti a disputare il Gran Premio di Germania e a fare rotta verso il Sachsenring.

Trattandosi del tracciato della Sassonia, avrete sicuramente capito che stiamo parlando del suo re incontrastato, ovvero Marc Marquez. Il pilota spagnolo è imbattuto in Germania da ben 10 stagioni: ha vinto in 125cc nel 2010, poi ha aggiunto due successi nella sua parentesi in Moto2, seguiti da ben sette trionfi nella classe regina.

condividi
commenti

Fotogallery MotoGP: le Prove Libere bagnate del GP di San Marino

Sul circuito "Marco Simoncelli" di Misano sono cominciati i lavori in vista dell'appuntamento romagnolo del Motomondiale, con la pioggia che ha rimescolato le carte. Riviviamo la giornata di venerdì attraverso le più belle immagini.

Rossi: "Bello confrontarsi con Dovi, ma abbiamo moto diverse"

La pioggia non ha permesso al "Dottore" di trarre indicazioni troppo chiare sulla prima giornata di prove a Misano, quindi si è soffermato molto sull'inizio positivo del rapporto con il nuovo compagno di squadra, anche se l'avere M1 differenti non permette un confronto diretto. Poi si è stizzito di fronte alle ennesime richieste sulla situazione del suo futuro team in MotoGP...

Marquez: “Il podio di Aragon ci spinge ad andare avanti”

Nonostante la mancata vittoria di domenica scorsa ad Aragon, Marc Marquez ha ammesso che il podio e il modo in cui lo ha ottenuto rappresentano un grande stimolo per Honda.

Viñales: “Essere davanti dimostra che la velocità c’è ancora”

Maverick Viñales, il più rapido nelle libere per la prima volta da quando ha firmato con Aprilia, riconosce di sentirsi molto meglio a Misano, dove aveva già girato con la nuova moto, rispetto ad Aragon, dove invece si è visto come un pivello.

Quartararo: "Zero feeling con la Yamaha nelle curve veloci"

Il leader del campionato è apparso in crisi su un tracciato di Misano reso insidioso dalla pioggia ed ha chiuso il secondo turno di Libere con un modesto 18° tempo e 2 secondi di ritardo dalla vetta.

Bagnaia: “Funziona tutto da subito, proprio come ad Aragon”

Pecco Bagnaia è terzo nella classifica combinata del venerdì di Misano, ma è considerato uno dei grandi favoriti per la gara di domenica. Il pilota Ducati è estremamente soddisfatto della sua prima giornata e ricorda di sentirsi come ad Aragon, dove ha trovato la sua prima affermazione mondiale.

Morbidelli: "La MotoGP mi è sembrata come un’astronave!"

Il pilota romano al debutto con la Yamaha ufficiale è stato il pilota più veloce con la M1: Franco ha fatto il suo debutto nel factory team dopo l'operazione al ginocchio che lo ha costretto a una sosta di tre mesi. "Nei primi quattro o cinque giri mi sono davvero impressionato, poi ho cercato di riprendere la mano il più in fretta possibile e sono stato più veloce di quanto pensassi".

SRT diventa RNF Racing e resta in MotoGP fino al 2026

La struttura di Razlan Razali ha annunciato la sua nuova identità insieme alla permenenza in MotoGP fino al 2026. Al momento la certezza per il 2022 è la firma di Andrea Dovizioso, che disporrà di una Yamaha Factory.

Ducati in difesa: "Sachsenring poco adatta alle Desmosedici"

Articolo precedente

Ducati in difesa: "Sachsenring poco adatta alle Desmosedici"

Articolo successivo

Gresini: c'è l'ufficialità dell'accordo biennale con Ducati

Gresini: c'è l'ufficialità dell'accordo biennale con Ducati
Carica i commenti