Iannone: "Potevo fare la pole, ma abbiamo sbagliato cambiando solo la gomma posteriore"

condividi
commenti
Iannone:
Marco Di Marco
Di: Marco Di Marco
17 nov 2018, 15:37

Il pilota della Suzuki non è riuscito a ripetere nella Q2 i tempi fatti segnare nel Q1 a causa di un errore del team che ha montato solamente la gomma nuova al posteriore. Andrea spera in una gara asciutta per non dover essere costretto a soffrire col bagnato.

Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Thomas Luthi, Estrella Galicia 0,0 Marc VDS, Andrea Dovizioso, Ducati Team, Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP

L’ultima sessione di qualifiche della stagione ha lasciato l’amaro in bocca ad Andrea Iannone. Il pilota della Suzuki, infatti, dopo aver ottenuto il miglior riferimento nella Q1, precedendo anche Maverick Vinales, non è riuscito a ripetersi nella Q2 e, complice qualche piccola sbavatura, ha chiuso con il settimo tempo ed un ritardo di 3 decimi dallo spagnolo della Yamaha.

Iannone non è riuscito a ripetere il tempo ottenuto nella prima fase del turno, che gli avrebbe consegnato agevolmente la prima fila, ed ha indicato i motivi che l’hanno penalizzato.

Andrea ha affermato, infatti, di aver deciso di adottare soltanto una seconda gomma nuova al posteriore, senza cambiare anche quella anteriore. Questa scelta ha stravolto il comportamento della propria Suzuki in staccata ed ha compromesso il buon feeling visto sino al Q1. 

“La Q1 è andata molto bene, meno la Q2 nonostante il settimo tempo. Siamo tutti molto vicini. Se avessi fatto lo stesso tempo della Q1 avrei fatto la pole. Abbiamo cambiato la gomma anteriore ed il feeling con la seconda gomma nuova al posteriore non era uguale. Vediamo domani come si metterà la gara, faremo del nostro meglio”.

Leggi anche:

La mancanza di fiducia in frenata ha compromesso entrambi i tentativi di Iannone. Il pilota di Vasto ha ammesso candidamente l’errata scelta da parte di tutto il team di non montare una gomma nuova all’anteriore.

“Quando abbiamo cambiato la gomma posteriore non abbiamo pensato di cambiare anche quella anteriore e non riuscivo a frenare bene. Per questi problemi ho compiuto due dritti in curva 8 che mi hanno fatto perdere i decimi fondamentali per la pole. Abbiamo sbagliato noi perché sappiamo che con la Michelin è fondamentale cambiare entrambe le gomme”.

Le condizioni di asciutto viste oggi in qualifica non dovrebbero ripetersi in gara. Per domani, infatti, è atteso il ritorno della pioggia che ha condizionato il weekend sin dal venerdì.

In caso di gara bagnata, Iannone si aspetta di soffrire parecchio vista l’impossibilità di utilizzare la gomma media così come gli altri piloti.

“Sull’asciutto non siamo messi male, anche se manca un po’ di grip al posteriore, mentre col bagnato la situazione non è delle migliori. Questa mattina, con poca acqua, ho fatto molta fatica, sono caduto e non riesco ad utilizzare la gomma media come tutti gli altri. Appena l’ho messa sono scivolato e non so perché. E’ una situazione che dobbiamo capire”. 

 
Articolo successivo
MotoGP, Valencia: Vinales si prende la pole, Marquez cade ma è quinto nonostante il dolore

Articolo precedente

MotoGP, Valencia: Vinales si prende la pole, Marquez cade ma è quinto nonostante il dolore

Articolo successivo

Marquez: "Dopo Motegi la mia spalla non è al massimo, ma domani voglio provare a vincere"

Marquez: "Dopo Motegi la mia spalla non è al massimo, ma domani voglio provare a vincere"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Valencia
Sotto-evento Sabato, qualifiche
Autore Marco Di Marco