Iannone: "Che soddisfazione il risultato di oggi. Peccato per il turno perso ieri..."

Andrea Iannone è stato autore del sesto tempo assoluto nelle Qualifiche di Sepang al rientro in MotoGP dopo 4 gare d'assenza forzata. Il rider di Vasto recrimina: "Se avessi fatto il turno bagnato di ieri avrei avuto più informazioni".

Iannone: "Che soddisfazione il risultato di oggi. Peccato per il turno perso ieri..."
Andrea Iannone, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team
Andrea Iannone, Ducati Team

Il team Ducati ufficiale esulta per la pole position conquistata questa mattina da Andrea Dovizioso sul tracciato malese di Sepang, ma le ottime notizie non finiscono qui per la realtà di Borgo Panigale. Dopo quattro gare d'assenza a causa di un infortunio, Andrea Iannone è tornato in sella alla sua Desmosedici GP numero 29 e ha centrato il sesto tempo assoluto nelle Qualifiche, a poco più di un secondo di distacco dal compagno di squadra.

Il divario è ampio, ma Iannone è contento per la sua prestazione. Il suo fisico non è ancora perfettamente guarito e il dolore è ancora ben presente, eppure ha mostrato comunque un'ottima competitività anche su pista bagnata.

"Sono assolutamente contento e soddisfatto, potevamo ottenere qualcosa di più ma il turno che abbiamo perso ieri a causa della pioggia lo bbiamo un po' pagato data la situazione. Solo ora abbiamo potuto capire un po' di cose, dove poter migliorare, ma sono felice perché sull'asciutto siamo stati molto competitivi e vicini ai primi, a 2-3 decimi. Sono contento del lavoro che abbiamo fatto, ma soprattutto del mio rientro, perché rientrare dopo tutto questo tempo siamo riusciti a migliorare molto la moto nonostante sia stato fermo 4 gare".

Il rider di Vasto recrimina per non aver potuto sfruttare il secondo turno di libere di ieri, perché questo gli ha impedito di prendere preziosi riferimenti riguardo l'assetto della moto, l'elettronica e le gomme.

"Se avessi potuto effettuare il turno di ieri avrei portato a casa informazioni importanti sull'assetto della moto e sulle gomme. Credo che oggi siamo stati penalizzati per il 50% dalla messa a punto della moto, dal setting dell'elettronica, e il restante 50% dal fatto che gli altri sono riusciti ad andare forte con la gomma dura mentre io ieri l'ho provata e scivolata veramente tanto. Abbiamo capito solo ora che migliorava molto dopo 4-5 giri. Io invece mi sono basato sui primi due e non era completamente pronta. Non era al massimo delle sue performance".

Il Gran Premio che scatterà nella mattinata italiana di domani sarà di 20 giri. Tanti, se teniamo in considerazione le condizioni di Andrea. Ieri e oggi ha preferito non assumere antidolorifici, ma per domani sarà difficile evitare qualche aiuto medico se Andrea vorrà disputare per intero la gara in Malesia.

"In questi due giorni ho guidato sempre senza antidolorifico. Per quanto riguarda la gara di domani sono sicuro che dovrò fare qualcosa perché penso sarà impossibile fare 20 giri in queste condizioni fisiche. Il dolore è un po' aumentato rispetto a ieri ed è normale che sia così. Non sarà una gara come tutte le altre, sarà più complicata ma ho comunque buone sensazioni e credo che potremo difenderci. non partiremo per fare cose incredibili. Restiamo con i piedi per terra, starò tranquillo e cercherò di prendere il meglio possibile".

condividi
commenti
Alvaro Bautista regala all'Aprilia un'ottima terza fila a Sepang
Articolo precedente

Alvaro Bautista regala all'Aprilia un'ottima terza fila a Sepang

Articolo successivo

Vinales: "Sull'asciutto sono tra quelli con il ritmo migliore"

Vinales: "Sull'asciutto sono tra quelli con il ritmo migliore"
Carica i commenti