MotoGP
23 ago
-
25 ago
Evento concluso
13 set
-
15 set
Evento concluso
20 set
-
22 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Prossimo evento tra
9 giorni
G
GP della Malesia
01 nov
-
03 nov
Prossimo evento tra
16 giorni
G
GP di Valencia
15 nov
-
17 nov
Prossimo evento tra
30 giorni

Iannone: "Ad Aprilia chiedo almeno di far andare due moto uguale"

condividi
commenti
Iannone: "Ad Aprilia chiedo almeno di far andare due moto uguale"
Di:
24 set 2019, 15:36

Il pilota di Vasto è contento per i risultati positivi conquistati ad Aragon, ma ha anche sottolineato che la sua RS-GP perde in termini di velocità di punta e di accelerazione rispetto a quella di Aleix Espargaro, pur essendo identica, quindi spera che la cosa possa essere risolta.

La gara di Motorland Aragon è stata particolarmente positiva per l'Aprilia. Aleix Espargaro ha centrato la seconda fila ed in gara è riuscito a tenere il ritmo dei migliori per buona parte della corsa, chiudendo alla fine in settima posizione, ma a circa cinque secondi dal gradino più basso del podio.

Con una spalla non ancora al 100% dopo l'infortunio di Misano, anche Andrea Iannone ha mostrato dei segnali incoraggianti. Il pilota di Vasto è riuscito a centrare la Q2 e poi anche in gara ha sfiorato la top 10, piazzandosi 11esimo.

Tra le altre cose, lo abbiamo rivisto particolarmente aggressivo nella lotta, anche se il diretto interessanto ci ha tenuto a sottolineare che in questo aspetto per lui non era mai cambiato nulla.

Leggi anche:

"Non mi stupisco, perché io ho sempre battagliato nella mia vita. Non è una cosa che ho perso, quindi se sono in condizioni di potermela giocare, me la gioco" ha detto Iannone.

Il cruccio semmai per "The Maniac" è che la sua RS-GP al momento sembra non volerne sapere di garantirgli la stessa velocità di punta e la stessa accelerazione della moto gemella affidata ad Espargaro.

"Non sono contento perché perdiamo molto in termini di velocità massima e di accelerazione, anche rispetto al mio compagno di squadra. E' dall'inizio dell'anno che c'è questo problema e facciamo fatica a capire come mai. Un pilota può arrivare fino ad un certo punto e io credo di essere andato oltre i miei limiti, con tutto il dolore che ho avuto in questo weekend, stando sempre in silenzio" ha spiegato Andrea.

"Da Aprilia mi aspetto sicuramente qualcosa di importante. Non tanto a livello di pezzi o di cose innovative sulla moto da qui alla fine dell'anno, ma almeno riuscire a far andare due moto uguale, perché adesso non è così. Sono due moto uguali, ma hanno prestazioni diverse, quindi dobbiamo capire perché" ha aggiunto.

 

Con questo non ha voluto togliere dei meriti al suo compagno di squadra, ma ha anche evidenziato che anche lui solitamente è andato forte ad Aragon in passato: "Aleix è stato bravo, ma io comunque sono uno che l'anno scorso qui aveva fatto podio, giocandomela fino alla fine. Per crescere, bisogna riuscire ad essere sullo stesso livello".

Sicuramente il doppio risultato di Aragon è incoraggiante per la Casa di Noale, anche se Iannone teme che sia più figlio di una pista che si sposa particolarmente bene con la RS-GP che di un reale passo in avanti dal punto di vista tecnico.

"Da quel punto di vista sono molto contento, ma per me questa è una pista molto favorevole per Aprilia. Penso che le prossime gare saranno difficili, ma bisogna stare con i piedi per terra, perché per il momento non abbiamo fatto passi in avanti, ma è la pista che ci è venuta incontro" ha concluso.

Informazioni aggiuntive di German Garcia Casanova

Scorrimento
Lista

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
1/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
2/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
3/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
4/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team, Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Danilo Petrucci, Ducati Team, Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
5/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team, Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Danilo Petrucci, Ducati Team, Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
6/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
7/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
8/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
9/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
10/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team, Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Danilo Petrucci, Ducati Team, Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
11/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Danilo Petrucci, Ducati Team, Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Danilo Petrucci, Ducati Team, Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
12/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini

Andrea Iannone, Aprilia Racing Team Gresini
13/13

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Articolo successivo
Fotogallery: le ombrelline del GP di Aragon di MotoGP

Articolo precedente

Fotogallery: le ombrelline del GP di Aragon di MotoGP

Articolo successivo

Altro che dream team, Jorge Lorenzo può costare alla Honda la tripla corona

Altro che dream team, Jorge Lorenzo può costare alla Honda la tripla corona
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Aragon
Sotto-evento Gara
Location Motorland Aragon
Piloti Andrea Iannone Acquista adesso
Autore Matteo Nugnes