I rivali rendono onore a Marquez: "Marc è unico"

condividi
commenti
I rivali rendono onore a Marquez:
Oriol Puigdemont
Di: Oriol Puigdemont
13 nov 2017, 11:06

Andrea Dovizioso e Maverick Vinales, i due principali rivali di Marc Marquez, sottolineano la sua capacità di essere veloce in ogni singola condizione.

Worldchampion Marc Marquez, Repsol Honda Team with Alex Marquez, Marc VDS
Worldchampion Marc Marquez, Repsol Honda Team
Worldchampion Marc Marquez, Repsol Honda Team with the team
Worldchampion Marc Marquez, Repsol Honda Team celebrate with the team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Worldchampion Marc Marquez, Repsol Honda Team celebrate with the team
Worldchampion Marc Marquez, Repsol Honda Team celebrate with the team
Worldchampion Marc Marquez, Repsol Honda Team celebrate with the team
Worldchampion Marc Marquez, Repsol Honda Team celebrate with the team
Podium: Marc Marquez, Repsol Honda Team
Worldchampion Marc Marquez, Repsol Honda Team celebrate with the team

Nonostante sia stato il primo a rimanere escluso dalla lotta per il titolo, Vinales è probabilmente il più adatto a dare una definizione dei punti di forza di Marquez, visto che loro si sfidano in pista da quando erano bambini.

Essendo due anni più giovane rispetto al connazionale, Maverick si è inserito per la prima volta nella lotta per il titolo quest'anno. Ma la cosa incredibile è che per ora non c'è ancora stato un vero e proprio duello corpo a corpo tra lui e Marc per la vittoria.

Tuttavia, il pilota della Yamaha non ha alcun problema a riconoscere che il suo avversario probabilmente è il più veloce, il più coraggioso ed il più costante. Tutti motivi per cui ha meritato di laurearsi campione.

"Abbiamo dei modi diversi di avvicinarci ad un weekend di gara. Io cerco il limite senza superarlo, lui cerca sempre qualcosa in più. L'abbiamo visto quando è caduto in Argentina o a Le Mans, perché poi a Silverstone è stato tradito dalla moto, per un guasto al motore. Si prende dei rischi nelle prove, ma poi in gara è sempre lì" ha spiegato Vinales.

Al contrario, Dovizioso ha vissuto un paio di duelli molto accesi con il #93, in particolare quelli in Austria ed in Giappone, nei quali è uscito sempre vincitore all'ultima curva.

Probabilmente il pilota della Ducati ha perso la sua miglior chance di laurearsi campione, ma il forlivese non ha avuto problemi a parlare dei punti di forza di Marc.

"E' pazzesco quanto sia veloce. Ma non solo. Una delle sue caratteristiche è quella di essere in grado di essere veloce ogni volta che ne ha bisogno. Un grande campione come Valentino deve prepararsi per essere veloce, Marc non ne ha bisogno" ha detto Dovizioso, che in questo 2017 è anche caduto meno rispetto a Marquez.

"Lui è abituato a cadere. Lo fa per trovare il limite, quindi è bravo a gestire queste situazioni. Ma per farlo bisogna avere la mentalità giusta. E' unico. Non credo che abbia sviluppato questa caratteristica nel tempo, ma che se la porti dietro fin da quando ha iniziato a gareggiare" ha proseguito il pilota della Ducati, prima di aggiungere ancora qualche altro dettaglio.

"L'unici punto negativo è che in questo modo è più facile farsi male. Ma a parte questo, ha diversi vantaggi perché lui riesce a non abbattersi mentalmente nel caso di una caduta. Inoltre lo aiuta a gestire il suo limite" ha concluso il #04.

"E' il migliore nei duelli corpo a corpo"

Se qualcuno più vantarsi di aver battuto Marquez nei duelli spalla a spalla, questo è proprio Dovizioso. Lo ha piegato sia in Austria che in Giappone, al termine di due straordinari duelli che si sono conclusi all'ultima curva.

Questo, probabilmente, lo rende la voce più accreditata a dare un giudizio sulle capacità dello spagnolo nel duello corpo a corpo.

"Marc probabilmente è il migliore di tutti nel duello corpo a corpo. Lui ci prova sempre. Credo che la moto lo aiuti un pochino in queste situazioni, ma in ogni caso è il migliore in battaglia" ha aggiunto il portacolori della Ducati.

Articolo successivo
Vinales: "Mi piacerebbe continuare con il telaio 2016 della Yamaha"

Articolo precedente

Vinales: "Mi piacerebbe continuare con il telaio 2016 della Yamaha"

Articolo successivo

Fotogallery: il gala FIM chiude la stagione 2017 della MotoGP

Fotogallery: il gala FIM chiude la stagione 2017 della MotoGP
Carica i commenti