Honda: se Marquez si riopera c'è una chance per Dovizioso?

Le voci su una terza operazione di Marc si fanno insistenti, anche se per ora non ci sono conferme. Questo però metterebbe a rischio anche l'inizio del 2021 e Dovizioso potrebbe essere il sostituto part-time ideale per la Casa giapponese.

Honda: se Marquez si riopera c'è una chance per Dovizioso?

L'allarme ormai è nell'aria da qualche settimana e ieri è stato rilanciato nuovamente da Mundo Deportivo. Marc Marquez potrebbe essere costretto a sottoporsi ad un terzo intervento chirurgico per risolvere definitivamente l'infortunio all'omero rimediato in occasione della prima gara della stagione, il Gran Premio di Spagna. E questa potrebbe essere una grande occasione per Andrea Dovizioso.

Al momento, l'unica certezza è che il pilota della Honda non rientrerà in questa stagione, dopo che la Casa giapponese martedì ha confermato che nelle ultime due gare della stagione sulla sua RC213V ci sarà ancora il collaudatore Stefan Bradl. Segno quindi che il recupero non sta procedendo come sperato in seguito alla seconda operazione.

Gli errori sono stati la prima operazione, con l'inserimento di una placca troppo piccola, ed il tentativo di un recupero lampo, che lo ha riportato in pista appena quattro giorni più tardi, sempre sul tracciato catalano.

E Marc lo ha pagato a distanza di poco, quando la placca ha ceduto, costringendolo ad un secondo intervento chirurgico per la sostituzione, che ha finito per indebolire ulteriormente l'osso e costringendolo ad un recupero decisamente più prudente, che era stato stimato dai due ai tre mesi.

Leggi anche:

Ora siamo certi che si andrà oltre a questa soglia e la voce sempre più insistente è che ci sia il rischio di un terzo intervento, che secondo la Gazzetta dello Sport potrebbe comportare anche un trapianto osseo, necessario per provare a rinforzare un osso che sarebbe uscito piuttosto indebolito dalle due precedenti.

Sempre parlando con la Rosea, il manager Emilio Alzamora ha provato a calmare le acque: "C'è un comunicato e comunque abbiamo già detto che ci sarebbero voluti dai due ai tre mesi dopo la seconda operazione. Ognuno può dire la sua, ma quando avremo qualcosa di nuovo da dire, parleremo. Ora serve pazienza ed aspettare, se ci sono problemi è perché le cose non sono state fatte bene all'inizio".

Il problema è che se si dovesse confermato questo scenario, si parla di tempi di recupero che potrebbero essere stimati in sei mesi. Dunque, sarebbe a rischio anche l'inizio della stagione 2021 per l'otto volte campione del mondo e la Honda sarebbe costretta a correre ai ripari.

E la soluzione potrebbe essere proprio quel Dovizioso che solo un paio di giorni fa ha annunciato la sua intenzione di prendersi un anno sabbatico in attesa del progetto giusto per lui, con le giuste ambizioni. E' difficile immaginarne uno più adatto di questo, seppure come possibile sostituto part-time del grande rivale delle sue stagioni migliori in MotoGP.

E' chiaro che è ancora tutto molto nel campo delle ipotesi, ma per il forlivese questo sarebbe uno spiraglio decisamente interessante e per la HRC sarebbe sicuramente l'uomo giusto, visto che parliamo di un pilota di grande esperienza, che potrebbe anche dare una mano con lo sviluppo della RC213V.

condividi
commenti
Suzuki: la miglior fucina di talenti della MotoGP

Articolo precedente

Suzuki: la miglior fucina di talenti della MotoGP

Articolo successivo

Clamoroso: Valentino Rossi è di nuovo positivo al COVID-19!

Clamoroso: Valentino Rossi è di nuovo positivo al COVID-19!
Carica i commenti