MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Postponed
G
GP delle Americhe
15 apr
Postponed
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
5 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
21 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
35 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
49 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
56 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
70 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
77 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
91 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
126 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
140 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
154 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
161 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
175 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
196 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
203 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
217 giorni

Honda: il time attack è la prima preoccupazione

In casa Honda sembrano non esserci troppi dubbi su quale sia il primo problema da risolvere sulla RC213V: sia Alex Marquez che Pol Espargaro ritengono che migliorare il time attack sia fondamentale per fare un salto di qualità.

Honda: il time attack è la prima preoccupazione

Alex Marquez ha ammesso di essere "un po' preoccupato" per il potenziale in qualifica della sua Honda alla vigilia del Gran Premio di Doha di questo fine settimana.

Il pilota della Honda LCR ha faticato a prendere le misure alla RC213V nel suo anno da rookie, riuscendo a centrare le prime quattro file dello schieramento di partenza solamente due volte in tutta la stagione.

La Honda è una moto da cui è storicamente difficile tirare fuori il potenziale durante il time attack, ma Alex è convinto di aver fatto un passo avanti nel 2021 da questo punto di vista.

Tuttavia, non è andato oltre il 16esimo posto in griglia nel Gran Premio del Qatar dello scorso fine settimana - nel quale è caduto in gara - ed ha ammesso di aver bisogno di capire come massimizzare il potenziale della gomma nuova.

"L'anno scorso è stato abbastanza difficile", ha detto lo spagnolo riguardo alle qualifiche. "Ora, non è che sia più facile, ma questa volta il gap è minore, circa due decimi, non sono rimasto fuori dalla Q2 di un secondo come l'anno scorso".

"In passato, in Moto2, sono stato bravo sul giro secco, quindi sono un po' preoccupato perché è importante, ma con il tempo capirò. Spero non ci voglia troppo tempo".

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Pol Espargaro, Repsol Honda Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Le qualifiche sono una preoccupazione anche per chi ha preso il suo posto nel factory team, Pol Espargaro, 12esimo in griglia al suo debutto in Honda lo scorso fine settimana.

Espargaro ha detto di essere ancora lontano dallo sfruttare la moto al punto giusto da poter lottare per le posizioni migliori, anche se domenica è stato in grado di rimontare fino all'ottavo posto tenendo un ritmo non distante da quello del vincitore Maverick Vinales.

"E' la cosa che mi preoccupa di più", ha detto quando gli è stato domandato delle qualifiche. "Se vediamo i tempi sul giro, siamo molto vicini a Maverick sul passo gara, più di quanto mi aspettassi. Ma poi sul time attack in qualifica siamo molto lontani".

Leggi anche:

"Ed è esattamente la stessa cosa con le Ducati: per esempio, guardate il giro di Miller sabato e dove ha finito domenica (partito quinto, finito nono) o dove ha chiuso la gara Valentino (partito quarto, finito 12esimo)".

"Per le priorità al momento è il giro al sabato, anche se in realtà più o meno posso spiegare quello che è successo: ho fatto sette giorni di long run a Losail, ma quante volte ho fatto il time attack?".

"Prima di sabato ho fatto tipo 12 time attack, quindi ho spinto al limite solo 12 volte e questo è troppo poco. Sto cercando di capire cosa possiamo fare per fare un lavoro migliore sabato. Se ci riusciremo, domenica potremo lottare per qualcosa di più importante".

condividi
commenti
Motorsport.com e GPOne.com: l'unione fa la forza

Articolo precedente

Motorsport.com e GPOne.com: l'unione fa la forza

Articolo successivo

MotoGP: GP di Francia confermato a maggio nonostante il lockdown

MotoGP: GP di Francia confermato a maggio nonostante il lockdown
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Doha
Autore Lewis Duncan