Guintoli: "Il congelamento è un bene per la Suzuki"

Il collaudatore della Suzuki, Sylvain Guintoli, pensa che il congelamento delle MotoGP per il 2021 sia un vantaggio, visto che ad Hamamatsu sono molto felici del loro attuale pacchetto.

Guintoli: "Il congelamento è un bene per la Suzuki"

A causa della pandemia del Coronavirus, i costruttori di MotoGP hanno deciso l'anno scorso di congelare lo sviluppo. Dunque, tranne che per alcuni dettagli, le moto 2021 saranno molto simili a quelle della scorsa stagione. Il collaudatore della Suzuki, Sylvain Guintoli, crede che dovrebbe essere un vantaggio per loro.

"C'è un blocco dello sviluppo. E' un bene per noi perché siamo molto contenti della nostra moto, ma stiamo ancora lavorando per il futuro", ha detto Guintoli, che è più preoccupato semmai dall'addio di Davide Brivio.

Leggi anche:

Il manager italiano ha accettato l'offerta dell'Alpine che lo porterà in F1 e si è dimesso da team manager della Suzuki. Brivio è stato determinante nella crescita del marchio di Hamamatsu dopo il suo ritorno in MotoGP nella stagione 2015, guidandola al suo primo titolo nella classe regina dopo 20 anni, ottenuto nel 2020 con Joan Mir.

"Per la Suzuki sarà diverso, perché Davide ha lasciato la squadra. Mi è piaciuto lavorare con lui e lo ringrazio per avermi portato nel team. Abbiamo condiviso dei bei momenti", ha ricordato Guintoli, al quale l'occasione di diventare collaudatore era stata data proprio da Brivio.

Sylvain Guintoli, Team Suzuki MotoGP

Sylvain Guintoli, Team Suzuki MotoGP

Originariamente, Guintoli era stato ingaggiato per sostituire Alex Rins quando si è infortunato nel 2017. All'epoca, il francese correva con la Suzuki nel British Superbike (BSB), ma è offerto per il ruolo di collaudatore e da allora ha assistito lo sviluppo della GSX-RR.

Secondo Guintoli, la Suzuki ha raggiunto un grande equilibrio sulla sua moto: "L'equilibrio è stato decisivo. In effetti, è la caratteristica più importante, perché alla fine queste moto sono troppo potenti per i circuiti e per il grip a disposizione. Quindi la chiave del successo è sfruttare al massimo ciò che si ha a disposizione ed ottenere il massimo", ha detto.

MotoGP 2021: tutti gli ingegneri di pista dei piloti

Esteban García - Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
Esteban García - Maverick Vinales, Yamaha Factory Racing
1/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Diego Gubellini - Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Diego Gubellini - Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
2/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Cristhian Pupulin - Jack Miller, Ducati
Cristhian Pupulin - Jack Miller, Ducati
3/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Christian Gabarrini - Francesco Bagnaia, Ducati
Christian Gabarrini - Francesco Bagnaia, Ducati
4/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

José Manuel Cazeaux - Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
José Manuel Cazeaux - Alex Rins, Team Suzuki MotoGP
5/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Carchedi - Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Francesco Carchedi - Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
6/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Santi Hernández - Marc Márquez, Repsol Honda Team
Santi Hernández - Marc Márquez, Repsol Honda Team
7/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Ramón Aurín - Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Ramón Aurín - Pol Espargaró, Repsol Honda Team
8/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrés Madrid - Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
Andrés Madrid - Brad Binder, Red Bull KTM Factory Racing
9/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Paul Trevathan - Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing
Paul Trevathan - Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing
10/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Antonio Jiménez - Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
Antonio Jiménez - Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini
11/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Matteo Caprara - Lorenzo Savadori, Aprilia Racing Team Gresini
Matteo Caprara - Lorenzo Savadori, Aprilia Racing Team Gresini
12/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Marco Rigamonti - Johann Zarco, Pramac Ducati
Marco Rigamonti - Johann Zarco, Pramac Ducati
13/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Daniele Romagnoli - Jorge Martín, Pramac Ducati
Daniele Romagnoli - Jorge Martín, Pramac Ducati
14/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Nicolas Goyon - Iker Lecuona, KTM Tech 3
Nicolas Goyon - Iker Lecuona, KTM Tech 3
15/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Sergio Verbena, Danilo Petrucci, KTM Tech 3
Sergio Verbena, Danilo Petrucci, KTM Tech 3
16/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Ramón Forcada - Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
Ramón Forcada - Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
17/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

David Muñoz - Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
David Muñoz - Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT
18/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Christophe Bourguignon - Alex Márquez, Team LCR Honda
Christophe Bourguignon - Alex Márquez, Team LCR Honda
19/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Giacomo Guidotti - Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
Giacomo Guidotti - Takaaki Nakagami, Team LCR Honda
20/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Giribuola - Enea Bastianini, Esponsorama Ducati
Andrea Giribuola - Enea Bastianini, Esponsorama Ducati
21/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Luca Ferracioli (de pie) - Luca Marini, Esponsorama Ducati
Luca Ferracioli (de pie) - Luca Marini, Esponsorama Ducati
22/22

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Termas de Rio Hondo: in forse la gara di MotoGP a novembre?
Articolo precedente

Termas de Rio Hondo: in forse la gara di MotoGP a novembre?

Articolo successivo

Ciabatti: "Miller sarà uno dei contendenti al titolo"

Ciabatti: "Miller sarà uno dei contendenti al titolo"
Carica i commenti