Gresini: c'è l'ufficialità dell'accordo biennale con Ducati

La squadra faentina ha annunciato l'accordo con la Casa di Borgo Panigale per le prossime due stagioni, ufficializzando anche la sua line-up tutta italiana: accanto al debuttante Fabio Di Giannantonio ci sarà il "figliol prodigo" Enea Bastianini.

Gresini: c'è l'ufficialità dell'accordo biennale con Ducati

Il futuro della Gresini Racing si tinge di “rosso”. Dal prossimo anno la Gresini Racing tornerà ad essere un “team indipendente” MotoGP con moto Ducati. Un futuro fortemente voluto dalla famiglia di Fausto che ha dato vita ad un progetto completamente nuovo e legato al costruttore di Borgo Panigale per le prossime due stagioni.

Il Team Gresini tornerà così a gestire in maniera totalmente autonoma la propria partecipazione nella classe regina e lo farà con una line-up tutta italiana formata da Fabio Di Giannantonio ed Enea Bastianini: due piloti giovanissimi, ma già storicamente legati a Fausto e alla Gresini Racing. Per il primo si tratterà dell'esordio in MotoGP, mentre il secondo fa già parte della pattuglia Ducati in questa stagione, con la Desmosedici GP dell'Avintia Esponsorama.

Il comunicato non entra nei dettagli delle moto che dovrebbero avere a disposizione, ma Enea, avendo un contratto direttamente con il marchio, dovrebbe disporre di materiale ufficiale, anche se il diretto interessato ritiene molto difficile questa opzione, mentre Di Giannantonio sarà sicuramente in sella ad una GP21, una moto che in questa stagione ha già dimostrato di poter essere competitiva praticamente su ogni genere di tracciato.

"È un momento molto emozionante per ognuno di noi. Nei mesi scorsi il nostro impegno si è fuso con una forte spinta emotiva, con l’obiettivo di dare forma al futuro della Gresini Racing. Arrivare a poterlo annunciare ci riempie di orgoglio e soddisfazione.  È un progetto nato nel segno della continuità e che si fonda sui valori con i quali Fausto ha costruito questa bellissima realtà", ha detto il team owner Nadia Padovani, moglie dell'indimenticato Fausto. 

"I miei ringraziamenti vanno anzitutto a Carmelo Ezpeleta per non averci mai fatto sentire soli in questi mesi, a Ducati per la fiducia nei nostri progetti, a Flex-Box che è salito a bordo di questa sfida come title sponsor e ovviamente a Fabio ed Enea…sono certa che daranno tutto per tenere alto il nome della Gresini Racing", ha aggiunto.

Anche sul fronte Ducati c'è soddisfazione per un accordo che dovrebbe allargare il contingente Rosso a ben otto moto presenti in griglia, visto che a breve è atteso anche l'annuncio dell'accordo con la VR46.

"Siamo davvero contenti di aver raggiunto questo accordo con Gresini Racing per le prossime due stagioni in MotoGP. Verso la fine dello scorso anno avevamo già delineato insieme a Fausto le basi di un possibile accordo e vogliamo ringraziare di cuore la sua famiglia per aver voluto portare avanti questo progetto insieme a noi. Gresini Racing è una realtà importante in MotoGP ormai da molti anni e siamo convinti che questa nostra partnership, che potrà contare su due piloti di sicuro talento come Enea e Fabio, potrà dare molte soddisfazioni a tutte le parti coinvolte", ha detto Gigi Dall'Igna, direttore generale di Ducati Corse.

Dal canto suo, si è complimentato dell'operazione anche Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna Sports: "Innanzitutto, è un piacere continuare a lavorare con la Gresini Racing come team indipendente. So quanto Fausto tenesse a questo progetto e sono sicuro che ne sarebbe molto orgoglioso ora. Ho avuto modo di parlare con Nadia in queste settimane e rivedo in lei, nei suoi figli e in tutto il team la determinazione e la grande passione per questo sport che tanto lo caratterizzava. Siamo molto felici che la Gresini Racing rimarrà con noi nella classe regina almeno per le prossime cinque stagioni".

Con questo accordo messo nero su bianco, diventa abbastanza scontato che ormai l'Aprilia sia destinata a proseguire con due sole moto, quelle del team ufficiale che prenderà vita il prossimo anno. La Casa di Noale aveva provato a convincere Gresini a proseguire insieme l'avventura iniziata diversi anni fa, ma con il suo nuovo status di indipendente la squadra faentina ha preferito virare verso altri lidi.

condividi
commenti
Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Articolo precedente

Il Sachsenring può essere la "medicina" di Marc Marquez?

Articolo successivo

Taramasso: "La KTM mi ricorda la Honda di 3-4 anni fa"

Taramasso: "La KTM mi ricorda la Honda di 3-4 anni fa"
Carica i commenti