Giacomo Agostini inaugura la sua sala dei trofei a Bergamo

Il 15 volte campione del mondo ha realizzato un museo privato con tutti i cimeli della sua straordinaria carriera. E' possibile però organizzare delle visite guidate, che includono anche una cena con "Ago".

Giacomo Agostini inaugura la sua sala dei trofei a Bergamo

15 titoli iridati, 123 Gran Premi vinti, dieci dei quali al Tourist Trophy. Numeri che da soli bastano per raccontare tanto di quella leggenda vivente di nome Giacomo Agostini, il pilota più vincente della storia del motociclismo.

Una leggenda che da oggi è possibile toccare con mano, visto che "Ago" ha deciso di regalarsi uno museo personale a lui dedicato. Una sala dei trofei davvero da pelle d'oca per gli appassionati delle due ruote.

Non capita tutti i giorni di vedere nella stessa stanza, infatti, oltre 300 trofei e le pergamente di 15 titoli Mondiali, ma anche le moto (le MV Agusta e le Yamaha con cui è stato iridato, ma anche quella con cui ha vinto a Daytona), le tute e di caschi con cui Agostini ha scritto la storia del motociclismo a cavallo degli anni '60 e '70.

"Era da tempo che stavo pensando all'idea di realizzare un museo che raccontasse la mia carriera: ne avevo parlato anche con l'amministrazione comunale, ma alla fine ho deciso di farlo mio" ha detto Agostini, che lo ha inaugurato oggi, tagliando il nastro insieme al sindaco di Bergamo Giorgio Gori.

"Ho sentito la necessità di avere una sala di trofei mia, concepita come la sognavo per poter passare i momenti liberi e ricordando i miei successi".

"Nella sala dei trofei c'è tutta la mia storia motociclistica. Tutti i miei ricordi: dalle moto alle tute, fino ai caschi e ad oggetti personali che usavo in gara. E poi i miei 360 trofei: per me è una grande gioia rivedere il mio passato racchiuso in questa sala".

L'evento era di quelli importanti ed infatti ad ammirare la collezione di "Ago" sono arrivati anche dei volti noti della MotoGP, come il direttore generale di Ducati Corse, Gigi Dall'Igna, ed il managing director Yamaha, Lin Jarvis. Non poteva mancare poi Lino Dainese, fondatore dell'omonima azienda, visto che nella sala dei trofei è esposto un bel campionario delle sue creazioni. Ma si sono visti anche diversi Vip, come il cantante Roby Facchinetti e Cristina Parodi, entrambi amici di Giacomo.

Il 15 volte iridato ha spiegato anche il senso con cui è stata allestita la sala: "Ho dato una logica cronologica, lasciando però spazio anche alle emozioni. La scelta dei materiali è stata dettata dal fatto che le moto nascevano in un'officina meccanica e, pertanto, con l'architetto Michele Giavarini, abbiamo ideato tutto il contenuto, racchiuso come se fosse in una scatola di Cartier".

Una vera chicca, per esempio, è la bacheca nella quale è esposta la "telemetria" dell'epoca, ovvero gli appunti che Agostini scriveva a mano sui tracciati e sui risultati delle gare.

Il museo è privato, ma è possibile partecipare a delle visite guidate, nelle quali a fare da Cicerone sarà Agostini stesso. Villa Vittoria Charme & Relax organizza pacchetti per gruppi di 8 minimo persone, che includono pernottamento, visita al museo ed una cena in compagnia del campione. La frequenza di queste visite dovrebbe essere di circa una al mese.

Ora però non vogliamo più "spoilerarvi" troppo. Intanto godetevi alcune foto della sala dei trofei, ma a breve arriveranno anche un servizio video dettagliato con l'intervista al campionissimo.

Yamaha TZ 750
Yamaha TZ 750
1/41

Foto di: Matteo Nugnes

Yamaha TZ 750
Yamaha TZ 750
2/41

Foto di: Matteo Nugnes

Tute in esposizione
Tute in esposizione
3/41

Foto di: Matteo Nugnes

Trofei e fotografie
Trofei e fotografie
4/41

Foto di: Matteo Nugnes

Trofei
Trofei
5/41

Foto di: Matteo Nugnes

Trofei
Trofei
6/41

Foto di: Matteo Nugnes

Trofei
Trofei
7/41

Foto di: Matteo Nugnes

Targa per la vittoria del Mondiale del 1975
Targa per la vittoria del Mondiale del 1975
8/41

Foto di: Matteo Nugnes

Pubblicità
Pubblicità
9/41

Foto di: Matteo Nugnes

Memorabilia in esposizione
Memorabilia in esposizione
10/41

Foto di: Matteo Nugnes

Medaglie
Medaglie
11/41

Foto di: Matteo Nugnes

Lino Dainese e Giacomo Agostini
Lino Dainese e Giacomo Agostini
12/41

Foto di: Matteo Nugnes

Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha e Giacomo Agostini
Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha e Giacomo Agostini
13/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giorgio Gori, sindaco della Città di Bergamo e Giacomo Agostini
Giorgio Gori, sindaco della Città di Bergamo e Giacomo Agostini
14/41

Foto di: Matteo Nugnes

Gigi Dall'Igna, direttore generale Ducati
Gigi Dall'Igna, direttore generale Ducati
15/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini, Roby Facchinetti, frontman dei Pooh e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
Giacomo Agostini, Roby Facchinetti, frontman dei Pooh e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
16/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini, Roby Facchinetti, frontman dei Pooh e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
Giacomo Agostini, Roby Facchinetti, frontman dei Pooh e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
17/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini, posa per una foto con Roby Facchinetti, frontman dei Pooh
Giacomo Agostini, posa per una foto con Roby Facchinetti, frontman dei Pooh
18/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini taglia il nastro, alla presenza di Cristina Parodi e Giorgio Gori, sindaco della Città di Bergamo
Giacomo Agostini taglia il nastro, alla presenza di Cristina Parodi e Giorgio Gori, sindaco della Città di Bergamo
19/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini taglia il nastro, alla presenza di Cristina Parodi e Giorgio Gori, sindaco della Città di Bergamo
Giacomo Agostini taglia il nastro, alla presenza di Cristina Parodi e Giorgio Gori, sindaco della Città di Bergamo
20/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini e Roby Facchinetti, frontman dei Pooh
Giacomo Agostini e Roby Facchinetti, frontman dei Pooh
21/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini e Roby Facchinetti, frontman dei Pooh
Giacomo Agostini e Roby Facchinetti, frontman dei Pooh
22/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini e Lino Dainese
Giacomo Agostini e Lino Dainese
23/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
Giacomo Agostini e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
24/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
Giacomo Agostini e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
25/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
Giacomo Agostini e Lin Jarvis, Managing Director, Yamaha
26/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini
27/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini
28/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini
29/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini
30/41

Foto di: Matteo Nugnes

Giacomo Agostini
Giacomo Agostini
31/41

Foto di: Matteo Nugnes

Fotografie
Fotografie
32/41

Foto di: Matteo Nugnes

Fotografie
Fotografie
33/41

Foto di: Matteo Nugnes

Fotografie
Fotografie
34/41

Foto di: Matteo Nugnes

Dettaglio di una delle tute in esposizione
Dettaglio di una delle tute in esposizione
35/41

Foto di: Matteo Nugnes

Casco
Casco
36/41

Foto di: Matteo Nugnes

Casco
Casco
37/41

Foto di: Matteo Nugnes

Attestati e trofei
Attestati e trofei
38/41

Foto di: Matteo Nugnes

Attestati
Attestati
39/41

Foto di: Matteo Nugnes

Appunti
Appunti
40/41

Foto di: Matteo Nugnes

Appunti
Appunti
41/41

Foto di: Matteo Nugnes

condividi
commenti
Rossi: "Yamaha in crescita, ma se paghi 10 km/h a Jerez..."
Articolo precedente

Rossi: "Yamaha in crescita, ma se paghi 10 km/h a Jerez..."

Articolo successivo

Agostini: "Felice se Marquez vincesse 15 titoli"

Agostini: "Felice se Marquez vincesse 15 titoli"
Carica i commenti