Gardner: “Mi aspettavo peggio da KTM in MotoGP”

Il campione del mondo della Moto2 Remy Gardner ammette che si aspettava qualcosa di peggio dalla KTM in MotoGP prima del suo debutto nella classe regina.

Gardner: “Mi aspettavo peggio da KTM in MotoGP”

Gardner disputerà la stagione 2022 della MotoGP su una KTM Tech3 dopo aver battuto il compagno di squadra Raul Fernandez nella lotta per il titolo Moto2 di quest'anno. L'australiano, figlio del campione del mondo MotoGP 1987 Wayne Gardner, ha concluso il test di Jerez in 22esima posizione nella classifica combinata dei tempi a 1.8 secondi dal primo riferimento.

KTM ha vinto due volte nel 2021, ma tutti i piloti della Casa austriaca hanno avuto una stagione piuttosto difficile. La RC16 è anche una moto non convenzionale sulla griglia della MotoGP, in quanto è l’unica costruita intorno a un telaio tubolare ibrido e dotata di sospensioni WP. Quando Motorsport.com ha chiesto a Gardner come avesse trovato il passaggio al telaio in acciaio, dopo aver utilizzato un telaio in alluminio convenzionale questa stagione in Moto2, ha risposto: “In realtà non è troppo male”.

“Ovviamente abbiamo avuto un inizio un po’ lento, ma questo succede a tutti i debuttanti in MotoGP. Ma onestamente, questo è più perché non sappiamo com'è la potenza, i controlli, l'altezza di marcia e altre cose. È una moto diversa, dal punto di vista del telaio e delle sospensioni. Quindi non è così male, onestamente”.

Leggi anche:

Il rookie prosegue poi parlando delle sensazioni avute sulla KTM: “Mi sentivo abbastanza a mio agio anche se era abbastanza rigida e non stavo guidando in modo troppo folle. Penso che la moto stesse facendo quello che doveva fare. Ovviamente diventerà molto più difficile una volta che inizierai a ottenere quei tempi sul giro più veloci, ma la moto non è male. Probabilmente deve migliorare, ma mi aspettavo un po' peggio se sono onesto, quindi sono abbastanza contento della moto”.

Si sa che Remy Gardner preferisce le moto più grandi, quindi ammette che guidare la KTM è già comodo nonostante abbia un infortunio alle costole. Tuttavia, ha notato al test che sentiva troppe interferenze elettroniche sulla moto e faticava a far scivolare il posteriore come avrebbe voluto: “Venivo dalle piste di sterrato da bambino, quindi sono sempre stato abituato alle sbandate e alla moto di traverso e a girare con il posteriore. Casey Stoner, mio padre e tutti quei ragazzi venivano dal dirt track che facevamo in Australia, quindi questo mi aiuta sicuramente, soprattutto sulle moto grandi”.

“Sulla Moto2, con la Triumph era un po'’più in stile big bike, ma era un po’ un mix tra Moto2 e Moto3 quando avevamo il motore CBR, prima del 2019. Ma la Triumph era uno stile di moto un po' più grande e la MotoGP è il secondo. Quindi va bene. Al momento sento troppa elettronica sulla moto, quindi mi sta togliendo troppa potenza. Quindi, è proprio su questo che abbiamo lavorato negli ultimi due giorni per essere in grado di far derapare la moto un po' di più nell'accelerazione iniziale”.

Remy Gardner, KTM Tech3

Remy Gardner, KTM Tech3

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Morbidelli sfrutterà l'inverno per la riabilitazione
Articolo precedente

Morbidelli sfrutterà l'inverno per la riabilitazione

Articolo successivo

MotoGP | Combustibili sostenibili al 100% entro il 2027

MotoGP | Combustibili sostenibili al 100% entro il 2027
Carica i commenti