Forcada: "Stoner sapeva distinguere due fornitori dello stesso cerchio"

condividi
commenti
Forcada:
Oriol Puigdemont
Di: Oriol Puigdemont
17 gen 2018, 13:08

Ramon Forcada, ingegnere di pista di Maverick Vinales, è stato accanto a Casey Stoner quando l'australiano ha mosso i suoi primi passi in MotoGP ed è ancora stupito della sua grande sensibilità.

Casey Stoner, Ducati Team
Casey Stoner
Casey Stoner, Ducati Team
Ramon Forcada, Yamaha Factory Racing
Casey Stoner
Casey Stoner
Casey Stoner
Ramon Forcada, Yamaha Factory Racing, Mark Elder, Yamaha Factory Racing

Forcada ha lavorato con il pilota di Southport quando ha fatto il suo debutto in MotoGP (2006) con una Honda satellite della squadra di Lucio Cecchinello. L'irruzione dell'australiano nella classe regina è stata messa in ombra dall'arrivo di Dani Pedrosa in HRC, come principale scommessa della Casa giapponese.

Tuttavia, questo non ha impedito a Stoner di impressionare tutti con il suo enorme talento: la prova di ciò, ad esempio, è stata la pole position ottenuta in Qatar, al secondo round del Mondiale, nonostante sia arrivato a Losail in ritardo, avendo avuto dei problemi con i voli.

La maggior parte dei 23 incidenti che Stoner ha patito quell'anno sono avvenuti perdendo l'anteriore (gomma Michelin). Un problema che ha risolto nel 2007, quando è salito sulla Ducati gommata Bridgestone, ottenendo il primo dei suoi due titoli iridati.

Anche se Forcada ha lavorato una sola stagione con Stoner, ha capito subito che l'australiano aveva un grande potenziale, con alcune caratteristiche uniche rispetto al resto della griglia.

Per il tecnico di Moià, Stoner è un pilota con una sensibilità incredibile: "Ad esempio: un team poteva disegnare i cerchi della moto e poi farli realizzare a due fornitori differenti. Erano cerchi identici in tutto, in termini di disegno, peso e forma. Ma Stoner era capace di distinguerli in base al feeling che aveva alla guida" ha spiegato Forcada a Motorsport.com.

"Casey si è divertito molto sulla moto, ma non aveva bisogno della moto perfetta per farlo. Lui voleva sempre vincere quando stava guidando" ha aggiunto lo spagnolo.

Il ritiro di Casey nel 2012 però non è stato per niente una sorpresa per lui: "Amava andare in moto, ma il resto delle cose non gli piacevano. Quando ha fatto il suo esordio non era in un team factory e, nonostante questo, sentiva che gli obblighi pubblicitari erano troppi per lui. Posso solo immaginare come si sia sentito in seguito" ha concluso Forcada.

Prossimo articolo MotoGP
Il Pramac Racing cambia title sponsor: sarà Alma fino al 2020

Previous article

Il Pramac Racing cambia title sponsor: sarà Alma fino al 2020

Next article

Furto a casa della mamma di Morbidelli: rubati i trofei di Franco

Furto a casa della mamma di Morbidelli: rubati i trofei di Franco

Su questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Casey Stoner
Autore Oriol Puigdemont
Tipo di articolo Intervista