Ezpeleta: "Il caso di Rossi molto diverso da quello di Lorenzo in Honda"

Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna, ritiene che nonostante gli scarsi risultati di Valentino Rossi in questa stagione, la peggiore della sua carriera, la sua situazione non è paragonabile a quella di Jorge Lorenzo alla Honda nel suo ultimo anno in MotoGP.

Ezpeleta: "Il caso di Rossi molto diverso da quello di Lorenzo in Honda"

I numeri dei due sono abbastanza simili: dopo le prime nove gare della stagione, Lorenzo era 16esimo nel Mondiale ed aveva totalizzato 19 punti, due in più di Rossi, che attualmente è 19esimo.

Mentre il pesarese ha preso parte a tutti i round finora, il maiorchino ne aveva persi due (Olanda e Germania) a causa di un incidente ad Assen nel quale si era fratturato due vertebre.

In questa fase della stagione Lorenzo aveva quattro zero contro cinque di Rossi, ma al Mugello è stato in grado di tagliare il traguardo nella top ten (ha finito decimo), qualcosa che il #99 non aveva raggiunto tutto l'anno.

Per Ezpeleta, il contesto in cui Lorenzo si è trovato è molto diverso da quello che ora circonda Rossi, fondamentalmente a causa dell'aumento del livello generale di competitività che sta vivendo la MotoGP.

"Penso che il caso di Valentino e quello di Jorge non abbiano niente a che vedere l'uno con l'altro. La MotoGP è ora molto più competitiva di quanto non sia mai stata. Rossi ha dovuto adattarsi a una nuova squadra, e il suo adattamento è stato migliore di quello di Lorenzo alla Honda", ha spiegato a Motorsport.com il più alto funzionario della Dorna, il promoter del campionato.

Per il manager, la chiave nel caso di Lorenzo era il contrasto che ha dovuto affrontare dopo le nove stagioni trascorse in Yamaha e le due in Ducati. Secondo lui, la Honda che ha trovato nel box della Repsol era troppo lontana da ciò che conosceva, e questo gli ha fatto male. Questo è qualcosa che Rossi non deve affrontare al momento. "Come succede sempre nelle corse, le auto o le moto più radicali sono molto competitive se si sa come gestirle. Il problema è che sono molto difficili da gestire", ha sostenuto Ezpeleta.

Leggi anche:

Lo spagnolo, tre volte campione del mondo MotoGP (2010, 2012 e 2015) e compagno di squadra Yamaha di Rossi per sette stagioni, ha annunciato il suo ritiro a novembre a Valencia, l'ultimo round della stagione, dopo aver rinunciato al restante anno del suo contratto con HRC.

Anche se il pilota del Sepang Racing Team (Petronas SRT) ha mantenuto la parola di non annunciare i suoi piani immediati (2022) fino a dopo la pausa estiva, tutto è pronto per il pilota #46 per appendere casco e tuta al chiodo dopo più di un quarto di secolo in MotoGP e intraprendere i nuovi progetti che ha già in cantiere.

Il FIA WEC attende lui come pilota e la squadra che porta il suo nome, la VR46, nel 2022 materializzerà il suo sbarco in MotoGP. Il pilota di Tavullia ha già chiarito che non ha intenzione di assumere alcun ruolo di responsabilità che richiederebbe di essere collegato durante la gestione quotidiana della squadra, ma Ezpeleta crede che Rossi sarà nel paddock più spesso di quanto si pensi.

"Il fatto che Valentino sia ancora qui con la sua squadra è fantastico. È qualcosa di cui abbiamo parlato per molto tempo e alla fine si è realizzato. Sono sicuro che Vale si vedrà ancora nel paddock", ha detto il catalano.

condividi
commenti
La crisi della Honda affossa Pol Espargaro

Articolo precedente

La crisi della Honda affossa Pol Espargaro

Articolo successivo

Morbidelli: "Vorrei realizzarmi come pilota, ma non avere la vita di Marquez e Rossi"

Morbidelli: "Vorrei realizzarmi come pilota, ma non avere la vita di Marquez e Rossi"
Carica i commenti