Ezpeleta: "MotoGP rafforzata da come ha gestito il COVID"

Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna, ritiene che l'immagine della MotoGP sia stata rafforzata dalla gestione del COVID, e accenna alla cancellazione del Gran Premio d'Australia di quest'anno.

Ezpeleta: "MotoGP rafforzata da come ha gestito il COVID"

Per il manager spagnolo, e per la maggior parte delle parti coinvolte nell'evento, il fatto che la scorsa stagione si sia disputata (ci sono stati 14 Gran Premi, 15 per Moto2 e Moto3) è stata una prova di impegno e di responsabilità dell'organizzatore, ma anche delle squadre.

Ora che il peggio sembra essere alle spalle, la valutazione fatta dal capo della Dorna è più che positiva, al punto che non cambierebbe nessuna delle decisioni prese nell'ultimo anno, quando è iniziata la stagione più innaturale della storia.

"In questo momento, tutto quello che abbiamo fatto lo rifarei. Non vedo nulla che non abbiamo fatto che potrebbe migliorare le cose", ha detto Ezpeleta a Motorsport.com. "Penso che il Mondiale sia stato rafforzato dal modo in cui abbiamo gestito il COVID. Non ci piace vantarci, ma sia in Spagna che all'estero, lo sforzo che è stato fatto per realizzare quello che volevamo fare è stato preso in considerazione", ha aggiunto il dirigente.

La pandemia e i suoi terribili effetti hanno fatto sì che il calendario dell'anno scorso fosse il più atipico di sempre, con cinque doppi appuntamenti sullo stesso circuito (Jerez, Red Bull Ring, Misano, Aragon e Valencia).

Leggi anche:

Con i piloti e le squadre già in vacanza, si prevede che nelle prossime ore verrà ufficializzato il calendario definitivo della seconda parte della stagione 2021, nel quale, se non ci saranno imprevisti, potranno essere completati i 19 eventi previsti a marzo.

Pochi giorni fa è stato annunciato l'annullamento del Gran Premio del Giappone, previsto per il 3 ottobre, e invece è stato confermato l'inserimento, nella stessa data, del Gran Premio delle Americhe, ad Austin.

Il Gran Premio d'Australia, inizialmente previsto per il 24 ottobre, non sarà nel calendario definitivo, date le restrizioni imposte dal paese, che ha ancora le frontiere chiuse e conta di riaprirle a giugno del 2022.

"In Australia c'erano due problemi: la quarantena e il concetto di bolla, che a Phillip Island è molto complicato, perché ci sono pochi hotel, quindi il personale deve stare nelle case", ha detto Ezpeleta.

Lo scenario più logico è che la data dell'Australia venga occupata dalla Malesia, che andrebbe così a formare una doppietta con la Thailandia (17 ottobre). L'uscita di Phillip Island significherà anche un ritorno a Portimao, che ha già ospitato la terza gara del 2021, mentre l'Argentina resterà fuori dal giro anche quest'anno. Il Mondiale, come al solito, finirà a Valencia.

condividi
commenti
Aleix Espargaro frustrato: "Mi sento come un'idiota"

Articolo precedente

Aleix Espargaro frustrato: "Mi sento come un'idiota"

Articolo successivo

Denning: "Razgatioglu e Gerloff candidati alla MotoGP"

Denning: "Razgatioglu e Gerloff candidati alla MotoGP"
Carica i commenti