Ezpeleta: “La MotoGP non correrà in paesi con l’obbligo di quarantena”

Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna, si mostra deciso nell’affermare che il mondiale inizierà il prossimo 6 marzo in Qatar e che non andrà in alcun paese che richieda la quarantena all’arrivo.

Ezpeleta: “La MotoGP non correrà in paesi con l’obbligo di quarantena”

Le dichiarazioni di Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna, coincidono con il conflitto ancora aperto tra il Ministero dell’Immigrazione australiano e Novak Djokovic: il tennista non ha rispettato la quarantena obbligatoria che impone lo stato ai non vaccinati contro il Covid-19 e resta a Melbourne, in attesa della risoluzione del caso, per poter partecipare agli Australian Open che iniziano lunedì prossimo.  

Alle luce di questo caso, Ezpeleta ha chiarito che la MotoGP si muoverà solamente negli stati liberi dalla quarantena, anche se questo implica che tutti i membri del paddock debbano essere vaccinati. Il CEO Dorna ha affermato che l’obiettivo del 2022 è arrivare a disputare un minimo di 19 gare delle 22 attualmente in calendario.

“Se ci dicono che dobbiamo fare 14 giorni di quarantena, la risposta è chiara: no, non andiamo! Questo è il limite”, ha sottolineato Ezpeleta in alcune dichiarazioni rilasciate all’agenzia di stampa spagnola EFE. Per il CEO Dorna, l’esempio di ciò che si deve seguire è quello di Austin dello scorso anno. “Quello che abbiamo vissuto negli Stati Uniti è ciò che ci piacerebbe ottenere, è lo status per cui siamo preparati”, ha aggiunto Ezpeleta, il cui obiettivo è tornare man mano alla normalità per quanto riguarda la partecipazione nel paddock, per quanto possibile. Riconosce però che la capacità non sarà mai la stessa come prima della pandemia, per questioni non legate al virus: “È come entrare nello spogliatoio di una squadra di calcio”.

Per Carmelo Ezpeleta, i test pre-stagione che si svolgeranno nelle prime due settimane di febbraio tra Malesia e Indonesia, saranno un buon metro di misura per farsi un’idea approssimata del numero di eventi che si svolgeranno. Nel 2021 il calendario è stato completato con 18 appuntamento, anche se quattro di questi sono stati disputati sullo stesso circuito. “Il nostro obiettivo è che ci siano 19 gran premi. Nel calendario ce ne sono 21 perché dobbiamo rispettare i contratti firmati, ma probabilmente può esserne cancellato qualcuno”, ha concluso il CEO Dorna.

Calendario MotoGP 2022

Data

Gran Premio

Circuito

6 marzo

Qatar

Losail

20 marzo

Indonesia*

Mandalika

3 aprile

Argentina

Termas

10 aprile

Americhe

COTA

24 aprile

Portogallo

Algarve

1 maggio

Spagna

Jerez

15 maggio

Francia

Le Mans

29 maggio

Italia

Mugello

5 giugno

Catalunya

Barcelona

19 giugno

Germania

Sachsenring

26 giugno

Olanda

Assen

10 luglio

Finlandia*

KymiRing

7 agosto

Gran Bretagna

Silverstone

21 agosto

Austria

Red Bull Ring

4 settembre

San Marino

Misano

18 settembre

Aragón

Motorland

25 settembre

Giappone

Motegi

2 ottobre

Thailandia

Chang

16 ottobre

Australia

Phillip Island

23 ottobre

Malesia

Sepang

6 novembre

Comunitat Valenciana

Cheste

condividi
commenti
Marc Marquez è tornato in moto e ora Honda spera per Sepang
Articolo precedente

Marc Marquez è tornato in moto e ora Honda spera per Sepang

Articolo successivo

Marquez: "La mia vista è perfetta, ma i test a Sepang sono in forse"

Marquez: "La mia vista è perfetta, ma i test a Sepang sono in forse"
Carica i commenti