Ezpeleta: "I piloti dovranno negoziare i contratti al ribasso"

Carmelo Ezpeleta, grande boss della MotoGP, ha assicurato che dopo la crisi globale del COVID-19, i piloti dovranno adeguare i loro contratti al ribasso, compresi quelli che hanno già firmato il rinnovo.

Ezpeleta: "I piloti dovranno negoziare i contratti al ribasso"

La crisi globale derivante dalla pandemia del Coronavirus ha lasciato in sospeso il Campionato del Mondo MotoGP 2020, senza una data precisa per il ritorno all'attività.

La crisi globale derivante dalla pandemia di Covid-19 ha lasciato in sospeso il Campionato del Mondo MotoGP 2020, senza una data precisa per il ritorno all'attività.

Questo stop colpisce tutti e la maggior parte degli sport, cosa che ha portato alcune grandi star mondiali a concordare riduzioni dei loro contratti, come nel caso dei calciatori.

Questa domenica, in un'intervista radiofonica, all'amministratore delegato di Dorna, Carmelo Ezpeleta, è stato domandato se a loro volta i piloti della MotoGP avranno una riduzione dell'ingaggio a causa della mancanza di attività.

"I piloti hanno contratti direttamente con le squadre, i costruttori hanno parlato tra loro e non so se hanno raggiunto un qualche tipo di accordo. In ogni caso non ci occuperemo di questo" ha spiegato Ezpeleta in un'intervista a Radioestadio del Motor di Onda Cero.

Al momento solo cinque dei 22 piloti della griglia della MotoGP hanno un contratto oltre il 2020, questo suggerisce che i rinnovi saranno negoziati al ribasso.

"Penso che tutti negozieranno verso il basso, non solo quelli che non hanno già rinnovato. I motociclisti possono avere un contratto, ma gli accordi vengono sempre firmati in una situazione normale, in caso di forza maggiore è diverso e penso che non sarà un problema. Tutti capiscono che si guadagna legittimamente quando si fa il proprio lavoro, ma che è un'altra cosa quando si è a casa a vivere una situazione che nessuno vuole affrontare.

Leggi anche:

Dorna riduce gli stipendi

Durante l'intervista, l'amministratore delegato di Dorna ha spiegato che nell'azienda che promuove il campionato, saranno ridotti gli stipendi dei dipendenti.

"A livello di Dorna, quello che abbiamo previsto sono una serie di misure. Così come le squadre avranno raggiunto un accordo con i loro lavoratori sul fatto che non stanno facendo nulla per pagarli di meno, abbiamo abbassato i nostri stipendi. Tutti noi, di comune accordo, ridurremo i nostri stipendi fino a quando il Mondiale non sarà di nuovo in pista come previsto".

Altre preoccupazioni emerse nei giorni scorsi sono le possibili difficoltà che il fornitore unico di pneumatici, Michelin, potrebbe avere nell'avere a disposizione materiale adatto alle condizioni imposte dalle variazioni del calendario, visto che ha dovuto fermare la produzione in Francia.

"Non ci sarà nessun problema, Michelin può fornire pneumatici per ogni range di temperatura e in ogni caso, se corriamo lo faremo su circuiti dove siamo già stati, e hanno l'esperienza degli anni passati" ha concluso rapidamente.

Ezpeleta ha insistito sul fatto che la cancellazione completa della stagione è prevista solo "come ultima opzione". "Saremmo degli sciocchi a non contemplarlo, ma è l'ultimo scenario a cui stiamo pensando" ha aggiunto.

Ha poi spiegato che in questo momento Dorna sta lavorando "per fare le gare da agosto", e che "tutte le possibilità" sono allo studio, tuttavia ha escluso che le categorie Moto2 e Moto3 saranno sacrificate.

"Abbiamo pensato di ridurre il numero di persone che possono entrare nel paddock e in questi calcoli includiamo tutte e tre le categorie" ha detto.

"Questo problema è stato discusso con i costruttori ed è escluso. Se il reddito principale sono le TV e i soldi della pubblicità, dobbiamo dare un certo numero di gare, sarebbe uno spettacolo molto meno interessante. Quando tutto questo sarà finito, la gente sarà ansiosa di vedere le gare e dobbiamo dare loro un prodotto che abbia una certa durata" ha concluso l'amministratore delegato di Dorna.

condividi
commenti
Mercato MotoGP: solo 5 piloti hanno già il contratto per il 2021
Articolo precedente

Mercato MotoGP: solo 5 piloti hanno già il contratto per il 2021

Articolo successivo

Ciabatti: "Un ritorno di Iannone in Pramac, perché no?"

Ciabatti: "Un ritorno di Iannone in Pramac, perché no?"
Carica i commenti