Espargaro vuole una spiegazione per le tante cadute di Austin

Aleix Espargaro ha detto di aver bisogno di una spiegazione per l'incubo vissuto al Gran Premio delle Americhe, nel quale è caduto per ben cinque volte con la sua Aprilia.

Espargaro vuole una spiegazione per le tante cadute di Austin

Espargaro e l'Aprilia sembrano aver sofferto più delle concorrenza sui dossi presenti sull'asfalto di Austin, con lo spagnolo che si è ritrovato al 19° posto in griglia dopo essere incapatto in un incidente anche in qualifica.

I guai del portacolori della Casa di Noale sono continuati anche alla domenica, con la sua gara che si è conclusa nel corso del nono dei venti giri in programma, a causa di una scivolata alla curva 13.

Questo è stato addirittura il suo quinto incidente in tre giorni in Texas, cosa che ha fatto infuriare Aleix, che ritiene che la RS-GP non avrebbe dovuto patire così tanto il fondo sconnesso del Circuit of the Americas rispetto alla concorrenza.

"Sono molto frustrato, è stato un incubo sinceramente", ha detto Espargaro dopo quello che è stato il suo quarto ritiro del 2021. "In realtà, la mia frustrazione è tanta perché non ho una risposta chiara. Ovviamente i dossi non hanno aiutato, la mia moto era molto difficile da guidare, ma i bump erano lì per tutti".

"Quindi, si può andare più o meno veloce su un circuito piuttosto che su un altro. Ho finito i test di Misano davanti a tutti, ma può capitare di essere per esempio ottavi da un'altra parte. Il livello però è sempre più o meno simile. Su questa pista invece non ho mai trovato la strada".

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Aleix Espargaro, Aprilia Racing Team Gresini

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

"Non stavo neanche spingendo troppo in gara, perché l'obiettivo era quello di arrivare alla fine, portare a casa un paio di punto e tornare a casa. Ho iniziato a fare diversi sorpassi: ho passato Morbidelli, Lecuona, Dovizioso ed Alex Marquez".

"Ma il mio passo non era buono, perdevo circa un secondo dai ragazzi in testa, forse anche di più, ma sono caduto di nuovo. Non ho spiegazioni, sono molto dispiaciuto per la mia squadra, perché cinque cadute sono tante".

"E avere una sola Aprilia in America, vederla cadera cinque volte e tornare a casa senza punti non va bene. Quindi, sono arrabbiato ma speriamo di poter trovare una spiegazione. Possiamo dimenticare questo weekend, perché la stagione è stata molto buona, ma ho bisogno di una spiegazione".

Come ha detto Aleix, la sua è stata la sola Aprilia in pista in occasione della trasferta statunitense, visto che il suo compagno di squadra Maverick Vinales ha deciso di non scendere in pista, essendo ancora troppo scosso dalla tragica scomparsa del cugino 15enne Dean Berta, avvenuta il weekend precedente a Jerez durante la gara della Supersport 300.

Leggi anche:

condividi
commenti
Morbidelli: "Sono tornato molto presto, ma è la mossa giusta"

Articolo precedente

Morbidelli: "Sono tornato molto presto, ma è la mossa giusta"

Articolo successivo

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"
Carica i commenti