Ecco il nuovo sistema per non far aprire la tuta di Quartararo

L’incidente con la tuta di Fabio Quartararo a Barcellona ha portato Alpinestars, fornitore dell’attrezzatura del pilota francese, a ideare un sistema con cui si proverà ad evitare che la zip si possa aprire nuovamente.

Ecco il nuovo sistema per non far aprire la tuta di Quartararo

Le immagini di Fabio Quartararo con la tuta completamente aperta durante gli ultimi giri del Gran Premio di Catalogna hanno avuti quasi la stessa rilevanza della vittoria di Miguel Oliveira in quella stessa gara.

Dopo la gara, il francese è stato penalizzato di tre secondi per non aver indossato la tuta ‘dovutamente allacciata’, come si legge nel regolamento. Nonostante non siano stati forniti troppi dettagli sulla dinamica di quanto successo con la tuta – Quartararo si è limitato a dire che la zip si è aperta alla Curva 1 e che il paracostole è saltato – questo fatto clamoroso ha aperto un dibattito al Sachsenring, che due settimane dopo l’accaduto ancora tiene banco.

Le immagini della camera soggettiva nel giro di formazione del pilota Yamaha in Catalogna mostrano chiaramente che la cerniera con cui si apre e si chiude la zip è rimasta sotto il velcro di sicurezza. Se la avesse posizionata correttamente, è difficile pensare che la tuta si fosse potuta aprire.
Tuttavia, oggi Quartararo ha commentato nella conferenza stampa del Gran Premio di Germania che confida nel fatto che quanto successo a Barcellona non si ripeta più: “Alpinestars ha lavorato a un nuovo sistema per evitare che accada di nuovo ciò che è successo a Barcellona”. Nonostante la suspence creata, Motorsport.com apprende che questa evoluzione consiste semplicemente in una sicurezza in velcro un po’ più larga del solito per evitare che la chiusura lampo possa scendere giù.

Ad ogni modo, la nota azienda di tute italiana, che veste anche Marc Marquez, Maverick Vinales e Alex Rins, tra gli altri, ha deciso di implementare questa novità solamente sulla tuta di Quartararo, dato che gli altri piloti non hanno avuto alcun tipo di problema in questo senso.

condividi
commenti
Rossi ringrazia Dall'Igna, ma il 2022 rimane un rebus

Articolo precedente

Rossi ringrazia Dall'Igna, ma il 2022 rimane un rebus

Articolo successivo

Regolamenti: la MotoGP sta diventando troppo rigida?

Regolamenti: la MotoGP sta diventando troppo rigida?
Carica i commenti