Ducati resta in MotoGP fino al 2026

Ducati e Dorna hanno raggiunto un accordo e il costruttore di Borgo Panigale resterà in MotoGP fino alla fine del 2026.

Ducati resta in MotoGP fino al 2026

Dorna e i grandi costruttori della MotoGP hanno un accordo siglato fino alla fine del 2021, ma Ducati ha confermato che sarà presente sulla griglia di partenza della classe regina dei prototipi per altre cinque stagioni. La casa di Borgo Panigale prosegue così la sua avventura in MotoGP iniziata ufficialmente nel 2003 e che andrà avanti fino al termine del 2026.

Sin dall’anno del suo esordio, Ducati ha mostrato una grande competitività, riuscendo a vincere già dalla sesta gara disputata, uno storico successo che porta la firma di Loris Capirossi. Il primo titolo piloti è arrivato nel 2007, grazie a Casey Stoner, che ha portato a Ducati anche il campionato costruttori e marche. Fino ad ora quello dell’australiano è l’unico titolo piloti dell’era moderna, ma la Casa di Borgo Panigale affronterà il 2021 da campione del mondo in carica, avendo vinto il mondiale costruttori nel 2020.

Nella stagione che inizierà a marzo, Ducati sarà il costruttore che porterà in griglia il maggior numero di moto: le due ufficiali che saranno affidate a Jack Miller e Francesco Bagnaia, mentre Jorge Martin e Johann Zarco saranno incaricati di portare in pista le due moto del team Pramac. La struttura Esponsorama invece avrà una GP19 guidata dai due debuttanti Enea Bastianini e Luca Marini.

Claudio Domenicali, CEO Ducati, commenta l’accordo raggiunto: “Le corse sono da sempre una parte veramente fondamentale della marca Ducati e lo rimarranno anche nel futuro. Rappresentano infatti non solo un modo per alimentare la passione e il tifo dei Ducatisti di tutto il mondo ma anche un laboratorio di ricerca avanzata dove vengono testati i materiali più sofisticati e i metodi di progettazione più innovativi. È anche la palestra dove facciamo crescere i giovani ingegneri, allo scopo di fornire ai nostri clienti moto sempre allo stato dell’arte per quanto riguarda la tecnologia e l’emozionalità d’uso, come dimostrato recentemente dalla Superleggera V4 e dalla Multistrada V4”.

“In entrambi i casi, pur con declinazioni molto diverse, l’esperienza maturata in MotoGP è stata fondamentale. Questo rinnovato accordo è una conferma che, pur avendo in programma una continua espansione della nostra gamma di prodotto anche al di fuori del mondo delle sportive, la pista e le moto ad alte prestazioni rimangono per Ducati un elemento centrale. Voglio ringraziare Dorna Sports ed in particolare Carmelo Ezpeleta per il loro grande lavoro in tutti questi anni che ha fatto diventare la MotoGP una piattaforma mediatica davvero straordinaria”.

Luigi Dall’Igna dichiara: “Siamo molto soddisfatti di poter confermare la nostra partecipazione in MotoGP fino alla fine del 2026. Negli ultimi anni la Desmosedici GP ha dimostrato di essere una delle moto più competitive in griglia, e il titolo costruttori 2020 ne è un’ulteriore dimostrazione. Anche se quest’anno il regolamento non permetterà grandi sviluppi tecnici, affronteremo la stagione 2021 con la stessa passione e dedizione: l’obiettivo è lottare per il titolo MotoGP con i nostri piloti e preparare le basi per il nostro impegno futuro nel Campionato”.

Anche Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna, esprime il proprio entusiasmo: “Dorna Sports è orgogliosa di poter continuare la sua partnership con Ducati e ringrazia l’azienda italiana per aver confermato la fiducia nel campionato. Siamo onorati di aver potuto accompagnare Ducati fino ad oggi nel suo percorso ricco di successi e non vediamo l’ora di condividere insieme questo nuovo capitolo della sua storia, con due promesse come Jack Miller e Pecco Bagnaia. Il potenziale e il talento di questi due giovani piloti sarà sicuramente uno degli aspetti più interessanti del Campionato Mondiale MotoGP 2021 che sta per iniziare”.

condividi
commenti
Pol Espargaró: "Sono in Honda anche per sfidare Marquez"
Articolo precedente

Pol Espargaró: "Sono in Honda anche per sfidare Marquez"

Articolo successivo

Martin: "Zarco tra i più forti in MotoGP, voglio imparare da lui"

Martin: "Zarco tra i più forti in MotoGP, voglio imparare da lui"
Carica i commenti