Ducati ottimista anche se ad Aragon non vince dal 2010

La Casa di Borgo Panigale è stata la prima a vincere sul tracciato alle porte di Alcaniz, con Casey Stoner nel 2010, ma da allora non è più riuscita a centrare il bersaglio grande. Questo fine settimana ci proveranno Pecco Bagnaia e Jack Miller, con l'italiano voglioso di riscattare una gara al di sotto delle aspettative a Silverstone.

Ducati ottimista anche se ad Aragon non vince dal 2010

Il Ducati Lenovo Team torna in Spagna questo fine settimana per disputare il tredicesimo Gran Premio della stagione MotoGP 2021, il Gran Premio d’Aragona. Ad ospitare l’evento sarà ancora una volta il celebre MotorLand Aragón di Alcañiz, disegnato dal noto architetto tedesco Hermann Tilke e introdotto per la prima volta in calendario nel 2010, un anno dopo la sua inaugurazione.

Nella prima edizione del Gran Premio, fu Casey Stoner a trionfare, siglando l’unico successo finora ottenuto da Ducati sulla pista spagnola. Oltre alla vittoria del pilota australiano, la casa bolognese conta altri sei piazzamenti sul podio, gli ultimi il secondo e terzo posto ottenuti da Andrea Dovizioso e Jack Miller nel 2019.

Francesco Bagnaia, quarto al momento in classifica generale, torna in pista ad Aragón motivato a riscattarsi dopo la difficile gara disputata a Silverstone due settimane fa, che lo ha visto chiudere solo quattordicesimo dopo un inizio promettente.

"Sono contento di tornare in azione questo fine settimana! Durante questa breve pausa dopo il GP di Gran Bretagna ho cercato di rilassarmi, ma ho anche continuato ad allenarmi con la mia Panigale V4 S a Misano e ora sono pronto per ritornare in sella alla mia Desmosedici GP. L’ultima gara a Silverstone non è sicuramente andata come speravamo ma, sia in prova che in qualifica, la nostra moto ha funzionato bene nonostante ci trovassimo su una pista solitamente non favorevole alle sue caratteristiche", ha detto Bagnaia.

"Questo weekend correremo ad Aragón, dove nel 2020 abbia avuto delle difficoltà a causa delle basse temperature. Quest’anno arriviamo però con un mese di anticipo ed il clima è ancora estivo. Inoltre, anche la Desmosedici ha dimostrato di essere migliorata molto rispetto alla scorsa stagione, perciò sono fiducioso di poter essere tra i protagonisti anche in questo Gran Premio", ha aggiunto

Anche Jack Miller, attualmente quinto in classifica e reduce da una solida prestazione in Inghilterra, dove ha chiuso quarto dopo un’accesa battaglia per il terzo gradino del podio all’ultimo giro, punta ad essere tra i principali protagonisti nel Gran Premio d’Aragona in programma questa domenica.

"Sono entusiasta di tornare a correre al MotorLand Aragón! Lo scorso anno purtroppo non abbiamo avuto due fine settimana facili su questa pista, ma era fine ottobre e le basse temperature dell’asfalto non ci hanno sicuramente aiutato. Ora però siamo agli inizi di settembre e le condizioni della pista saranno ben diverse rispetto al 2020", ha detto Miller.

"Anche la Desmosedici GP21 ha dimostrato finora di essere competitiva anche su tracciati dove in passato abbiamo avuto qualche difficoltà in più, perciò sono ottimista. In generale, il circuito mi piace ed ho anche ottenuto un podio qui, perciò sono convinto che, se lavoreremo bene fin da subito, potremo disputare un altro buon fine settimana qui in Spagna", ha concluso.

Cal Crutchlow, Yamaha Factory Racing, Jack Miller, Ducati Team

Cal Crutchlow, Yamaha Factory Racing, Jack Miller, Ducati Team

Photo by: Dorna

condividi
commenti
Raul Fernandez: mano fratturata, ma proverà a correre ad Aragon
Articolo precedente

Raul Fernandez: mano fratturata, ma proverà a correre ad Aragon

Articolo successivo

Mir: “Le gomme possono condizionare le gare e il Mondiale”

Mir: “Le gomme possono condizionare le gare e il Mondiale”
Carica i commenti