Dovizioso: "Ultimo anno al Sachsenring? Credo che dormirò meglio alla notte!"

condividi
commenti
Dovizioso:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
12 lug 2018, 15:08

Il pilota della Ducati ha scherzato sulle voci di addio alla pista tedesca a partire dall'anno prossimo, visto che storicamente non è un tracciato amico, anche se quest'anno si aspetta di essere più competitivo.

Podio: Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team

Dall'inizio della stagione della MotoGP, il Sachsenring è cerchiato come uno degli appuntamenti della MotoGP sicuramente più critici per la Ducati e quindi per Andrea Dovizioso. Il circuito tedesco ha delle caratteristiche molto particolari, con curve molto strette, la maggior parte delle quali a sinistra, che in passato hanno reso molto complicata la vita ai piloti della Rossa.

Nonostante tutto, "Desmodovi" sembra guardare con ottimismo al weekend che lo attende, forte di una Desmosedici GP cresciuta molto su tutte le piste. Anche se ha ammesso di gradire parecchio le voci secondo cui questa potrebbe essere l'ultima edizione del GP di Germania al Sachsenring, scherzandoci sopra.

"Sinceramente, senza il Sachsenring dormirò meglio alla notte (ride). Non è una delle piste migliori del nostro campionato: è molto piccola, molto stretta ed ha un po' troppe curve a sinistra per i miei gusti. Poi è chiaro che bisognerà vedere dove andremo, perché non è mai detto che non si possa finire in una situazione peggiore" ha detto il forlivese.

Come detto, le aspettative per il weekend sono in linea con quelle che il vice-campione del mondo aveva ad Assen, anche se resta sempre l'incognita legato al fatto che al momento la Ducati non è in grado di sfruttare le gomme al 100%.

"Obiettivamente, sappiamo benissimo quanto è difficile questo weekend, ma quasi per tutti i piloti, perché quando corri su una pista piccola e stretta si complicano le cose. Soprattutto quando ci sono tante curve da un lato e di conseguenza un grande consumo di gomme. Quest'anno le gomme sono diverse dall'anno e quello ha una grandissima influenza, quindi solo quando saremo in moto capiremo il nostro potenziale, anche se mi aspetto di essere competitivo, come mi aspettavo di esserlo ad Assen prima del weekend. Io credo che quest'anno abbiamo una moto un pochettino migliore dell'anno scorso, ma non sono ancora soddisfatto al 100% di come gestiamo le gomme ed è un qualcosa su cui dobbiamo lavorare, anche se sto parlando di piccoli dettagli".

Il Sachsenring è da otto anni il regno incontrastato di Marc Marquez (5 vittorie in MotoGP, 2 in Moto2 ed una in 125), ma secondo Dovizioso sarebbe uno sbaglio partire sconfitti, anche se lo spagnolo della Honda resta il favorito.

"Di imbattibile non c'è mai nessuno. Non approccio il weekend senza considerare il primo posto, ma essendo una persone obiettiva devo dire che parte con una percentuale molto alta di possibilità di vittoria. In questo momento però non siamo particolarmente concentrati sul fermare Marquez, perché abbiamo tanti punti di distacco in campionato. Io e la mia squadra siamo più concentrati sul cercare di sfruttare il nostro pacchetto al meglio, ed in particolare le gomme. Secondo me siamo più veloci dell'anno scorso, però ci sono anche altre moto ed altri piloti che sono messi meglio del 2017. Di conseguenza siamo nel gruppo e quello che dobbiamo cercare di fare è essere sopra al gruppo".

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

Articolo successivo
Ufficiale: Dani Pedrosa ha annunciato il ritiro. Smetterà di correre al termine della stagione

Articolo precedente

Ufficiale: Dani Pedrosa ha annunciato il ritiro. Smetterà di correre al termine della stagione

Articolo successivo

Pedrosa sul ritiro: "Alle corse ho dato tutto me stesso. Ora le mie priorità sono diventate differenti"

Pedrosa sul ritiro: "Alle corse ho dato tutto me stesso. Ora le mie priorità sono diventate differenti"
Carica i commenti