Dovizioso: "Pirro mi ha detto che la Ducati 2019 sembra stia andando già bene..."

condividi
commenti
Dovizioso:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
01 nov 2018, 10:59

Il pilota forlivese è impegnato a difendere la seconda posizione nel Mondiale 2018 di MotoGP, ma ha già un occhio rivolto alla prossima stagione, così accenna ai primi collaudi della nuova moto fatti da Pirro a Valencia.

Sepang è una delle tappe del Mondiale cerchiate sul calendario con un pennarello rosso sia dalla Ducati che da Andrea Dovizioso. Il forlivese è infatti padrone dell'autodromo di Sepang in quanto è riuscito a portare a casa la vittoria nelle ultime due stagioni.

Un tracciato, quello di Sepang, che esalta le caratteristiche della Desmosedici, ma anche quelle del 32enne di Forlimpopoli, che sotto la pioggia ha portato a casa le ultime due edizioni. Andrea proverà a fare tris quest'anno per cercare di mettere al sicuro la sua seconda posizione nel Mondiale. Per farlo, dovrà distanziare Rossi di altri 10 punti, arrivando così a 25 di vantaggio prima dell'ultimo fine settimana di gara a Valencia.

"Gli ultimi due anni qui sono stati molto importanti per noi perché siamo riusciti a portare a casa due vittorie, però sempre sotto l'acqua. Sarebbe importante per noi correre sull'asciutto, fare dei turni su asfalto asciutto perché comunque siamo in una condizione abbastanza differente dai test per quanto riguarda il bilanciamento della moto, delle ali".

"Andare ancora più forte dei test sarebbe importante per confermare la nostra velocità avendo altri feedback e altre certezze. Non sarebbe affatto male. Dovremo però guardare le previsioni perché pare che al pomeriggio pioverà sempre. Rimane però una pista molto importante per capire certi dettagli. E' una pista difficile, molto bella e in cui devi girare in condizioni molto estreme".

In questo fine settimana Dovizioso dovrà però fare i conti con il solito Marc Marquez, che, forte del titolo vinto qualche settimana fa, ora cercherà di vincere anche in Malesia per aumentare ulteriormente il suo bottino di vittorie stagionali e aiutare la Honda a vincere i titoli Costruttori e Team. Non ci sarà solo il 7 volte iridato da tenere in considerazione, ma anche le redivive Yamaha e le Suzuki.

"Mi aspetto di essere sempre competitivo. Ma mi aspetto anche Marc particolarmente forte e dopo gli ultimi risultati anche le Yamaha e le Suzuki più vicine. Hanno preso feeling tutti e due i piloti Suzuki e Maverick avrà la spinta ricevuta dalla vittoria ottenuta in Australia. Avrà influenza, perché l'ha conquistata lui e Valentino deve per forza fare risultato e questo gli darà certamente una spinta".

"Marquez secondo me è uno dei favoriti. E' particolarmente forte e vorrà vincere a tutti i costi, però mi aspetto di essere molto competitivo anche io. Jorge? Secondo me se correrà farà fatica all'inizio, ma è normale che sia così, e migliorerà turno dopo turno. Però non so bene in quale situazione si trovi, non so i dettagli. Ma penso che lui voglia arrivare a Valencia nella miglior condizione possibile, non credo che approccerà questo fine settimana per ottenere un risultato e basta. Farà di tutto per girare e ritrovare il feeling".

Per concludere il suo intervento, Andrea si è lasciato scappare una frase detta a bassa voce e a denti stretti, ma con un sorriso che può far ben sperare tutti i tifosi della Ducati in vista del 2019 riguardo la prossima Ducati Desmosedici: "Sembra stia andando bene...". Michele Pirro ha già provato la nuova moto al Ricardo Tormo di Valencia e i feedback ricevuti da Andrea sono già ottimi.

Articolo successivo
Iannone: "Fino a Valencia farò del mio meglio con la Suzuki, poi penserò solo all'Aprilia"

Articolo precedente

Iannone: "Fino a Valencia farò del mio meglio con la Suzuki, poi penserò solo all'Aprilia"

Articolo successivo

Crutchlow è stato sottoposto ad una seconda operazione dopo l'incidente in Australia

Crutchlow è stato sottoposto ad una seconda operazione dopo l'incidente in Australia
Carica i commenti