Dorna prova a spostare Aragon per trovare posto alla Thailandia

Dorna sta provando ad anticipare di 2 settimane il GP di Aragon per trovare posto al GP di Thailandia, ricreando così il poker asiatico tra ottobre e novembre.

Dorna prova a spostare Aragon per trovare posto alla Thailandia

La parte iniziale del calendario 2020 di MotoGP è stato stravolto a causa del Coronavirus. Prima la cancellazione del Gran Premio del Qatar, poi il rinvio di quelli di Thailandia hanno cambiato le carte in tavola, con i protagonisti della classe regina del Motomondiale che, a questo punto, inizieranno a lottare per i titoli a partire dal Gran Premio d'America ad Austin, in Texas, previsto il 5 d'aprile.

Il rinvio del Gran Premio di Thailandia ha fatto subito temere il peggio, complice anche un calendario fitto di impegni per la classe regina. Inizialmente sembrava compito arduo ricollocare la gara e così è realmente, ma Dorna, promotore del Mondiale di MotoGP, sta lavorando per cercare di trovare una sistemazione per la gara e fare in modo che venga svolta regolarmente in un altro momento dell'anno.

Mentre i promotori del Gran Premio d'Argentina hanno fatto sapere d'aver confermato la gara prevista per il 19 aprile, i responsabili della logistica del Mondiale stanno cercando di riconfigurare il percorso del materiale secondo il nuovo calendario, che però potrebbe accusare nuovi cambiamenti.

Leggi anche:

Una delle priorità dei promotori della categoria è trovare una sistemazione per il Gran Premio di Thailandia. In questo caso la Dorna sta lavorando per collocare il gp nel fine settimana del 4 ottobre, sistemazione che inizialmente era affidata al GP d'Aragon.

"E' possibile che si anticipi Aragon di 2 settimane per cercare di trovare una collocazione al GP di Thailandia. Però per prima cosa dobbiamo parlarne con i promotori del Motorland di Agaron e vedere se è possibile", ha affermato Carmelo Ezpeleta in un'intervista concessa a Onda Cero.

Se questo piano dovesse andare avanti, la cosa più logica sarebbe disputare la corsa ad Alcaniz nel fine settimana del 20 settembre, ossia il weekend immediatamente successivo a quello di Misano Adriatico.

La nuova collocazione del GP di Thailandia andrebbe a ricreare il poker asiatico visto nelle ultime stagioni. Buriram sarebbe la prima delle 4 gare a essere disputate, poi, dopo un fine settimana libero, ecco il GP del Giappone (18 ottobre), quello d'Australia il 25 ottobre e quello della Malesia il 1 novembre.

condividi
commenti
MotoGP: il GP d'Argentina è confermato. Per ora...
Articolo precedente

MotoGP: il GP d'Argentina è confermato. Per ora...

Articolo successivo

Il coronavirus blocca Ducati e Aprilia: moto ferme in Qatar

Il coronavirus blocca Ducati e Aprilia: moto ferme in Qatar
Carica i commenti