Doohan: "Marquez non è in forma e la Honda non è la moto di un tempo"

Il cinque volte campione del mondo della 500cc Mick Doohan ha sottolineato i problemi che Marc Marquez e la Honda stanno vivendo quest'anno, ma è fiducioso che possano tornare ad essere vincenti.

Doohan: "Marquez non è in forma e la Honda non è la moto di un tempo"

Dopo essersi fratturato l'omero del braccio destro nel luglio 2020, Marc Márquez è stato sottoposto a tre operazioni ed è rimasto ai margini della MotoGP per nove mesi, facendo il suo ritorno nel terzo Gran Premio della stagione 2021, a Portimao. Tuttavia, l'otto volte campione del mondo non era ancora al meglio dal punto di vista fisico.

Oltre a questo, si è ritrovato a fare i conti con una RC213V che gli stessi piloti Honda hanno definito "critica" in diverse occasioni. Questo ha ulteriormente complicato la stagione del #93, che dopo 13 gare ne ha vinte solo due, in entrambe le occasioni su circuiti che girano in senso antiorario - Sachsenring ed Austin - che quindi condizionano meno il suo lato infortunato.

Nonostante tutto, il pilota di Cervera, è quello piazzato meglio nel Mondiale tra i portacolori della Casa dell'Ala dorata (settimo) ed è anche l'unico ad essere salito sul podio nel 2021, anche se non è stato sufficiente per evitare la seconda stagione consecutiva a secco di titoli per la Honda.

Leggi anche:

Un uomo che conosce bene la HRC e sa anche cosa significa fare i conti con un grave infortunio è Mick Doohan. Nel 1992, l'australiano ha subito una frattura alla tibia destra che gli era quasi costata la gamba. Dopo essere riuscito a recuperare, è però diventato il dominatore della scena, conquistando cinque titoli consecutivi tra il 1994 ed il 1998, prima che un altro infortunio all'inizio del 1999 lo spingesse al ritiro.

"Penso che Marquez non sia davvero in forma al momento", ha detto Doohan al podcast "In the Fast Lane". "Anche la moto penso che sia un po' fuori strada, la Honda chiaramente non è la moto che era prima... Marc ha appena iniziato a ritrovare la forza nel suo braccio destro, quindi penso che questo sia stato il problema".

"Lo sport non aspetta mai nessuno, è stato fuori per molto tempo e ormai si corre praticamente ogni settimana", ha aggiunto.

Nonostante questa situazione, l'ex pilota australiano è fiducioso che la Honda e Marquez possano tornare a conquistare un titolo insieme.

"E' chiaro che può guidare, ma non è più in grado di farlo come prima. Ma con il talento che ha e se la Honda riesce a rendere di nuovo la moto più consistente, penso che abbia sicuramente le credenziali per tornare a lottare per il titolo", ha aggiunto.

condividi
commenti
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull
Articolo precedente

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

Articolo successivo

Mir: "Difendere il titolo di MotoGP non è una pressione"

Mir: "Difendere il titolo di MotoGP non è una pressione"
Carica i commenti