Domenicali: "Lorenzo? Cercheremo di vincere il Mondiale insieme quest'anno e di dargli la 'paga' il prossimo"

condividi
commenti
Domenicali:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
27 giu 2018, 14:34

L'amministratore delegato della Ducati ha detto di essere stufo di dover commentare l'addio di Jorge a fine anno, ribadendo di essere contento che la Rossa ora abbia a disposizione due piloti vincenti per le prossime 12 gare.

Foto di gruppo con Claudio Domenicali, AD Ducati Motor Holding, sul palco con la Ducati Monster 25esimo Anniversario
Domenicali, Gigi Dall'Igna, General Manager Ducati Team
Claudio Domenicali, AD Ducati Motor Holding, sul palco con Andrea Dovizioso e la Ducati Monster 25esimo Anniversario
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Podio: Claudio Domenicali, Ducati
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Podio: il vincitore della gara Jorge Lorenzo, Ducati Team

La presentazione della decima edizione della World Ducati Week è stata anche l'occasione per parlare di MotoGP con l'amministratore delegato della Casa di Borgo Panigale, Claudio Domenicali.

Prima della grande kermesse di Misano ci saranno ancora due appuntamenti fondamentali, questo fine settimana ad Assen e poi al Sachsenring, nei quali Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo dovranno provare ad accorciare una classifica che li vede staccati di 49 punti dal leader Marc Marquez, nonostante le due vittorie consecutive del maiorchino a Mugello e Barcellona.

"Penso che siamo in un bellissimo momento, perché, anche se la classifica non ci sorride, abbiamo fatto delle grandi gare. Siamo molto forti, la moto è forte e i piloti ce l'hanno in mano. Dovizioso ha 49 punti di distacco dalla vetta, che sembrano tantissimi, ma in realtà in tante gare siamo andati più forte rispetto all'anno scorso. Ho visto Andrea molto bello in sella alla moto, ma poi i punti li dovrà contare lui" ha detto Domenicali.

Inevitabilmente, a Domenicali è stato chiesto anche della partenza di Lorenzo a fine stagione, che è stata definita proprio quando il tre volte iridato della classe regina è riuscito a trovare un feeling perfetto con la sua Desmosedici GP. L'AD si è detto ben contento che la Ducati possa contare su due piloti vincenti fino al termine della stagione.

"Non ne posso più di dover parlare di Lorenzo che è sulla via della partenza. Jorge è un pilota sotto contratto con la Ducati e siamo contentissimi che abbia ancora 12 gare da fare con noi e che vada forte. Tutti quelli che 'gufano' dicendo: 'speriamo che smetta di andare forte', sono dei corvi che marcano male" ha detto.

"Nel comunicato con cui ho dato il benvenuto a Danilo (Petrucci) nella squadra, auguravo a Jorge di vincere il Mondiale, cosa che secondo me è ancora possibile, anche se siamo lontani 49 punti. In sintesi, siamo ben contenti di avere due piloti che tutte le volte che cominciano un weekend pensano di poter vincere la gara invece che averne uno solo" ha aggiunto.

Incalzato ancora su un possibile rammarico legato al non essere riusciti a concretizzare prima che fosse troppo tardi questo grande potenziale, ha ribadito che è inutile pensare al passato e che si può solo cercare di trarre il massimo da queste ultime 12 gare insieme e che poi l'anno prossimo Jorge sarà invece un avversario da battere.

"E' evidente che noi abbiamo scelto Jorge pensando che potesse andare forte ed è altrettanto evidente che è stato molto spiacevole che ci siano voluti 18 mesi per trovare la quadra insieme" ha spiegato.

"Però noi non siamo persone che guardano indietro, cerchiamo di guardare avanti. Nel passato è andata come è andata, adesso guardiamo al futuro, cerchiamo di vincere il Mondiale insieme quest'anno e l'anno prossimo cerchiamo di dargli la paga. Questo è lo spirito naturale delle competizioni, quindi l'anno prossimo cercheremo di mettere Danilo davanti ad Jorge. Sembra impossibile, ma niente è impossibile" ha concluso.

Prossimo articolo MotoGP
Lorenzo: "Dopo le due vittorie dobbiamo dimostrare di essere forti anche ad Assen"

Previous article

Lorenzo: "Dopo le due vittorie dobbiamo dimostrare di essere forti anche ad Assen"

Next article

Valentino: "Assen? La Yamaha non vince da un anno. Dobbiamo lavorare più duro"

Valentino: "Assen? La Yamaha non vince da un anno. Dobbiamo lavorare più duro"