Di Giannantonio: “La MotoGP è incredibile, farei subito una gara!”

Fabio Di Giannantonio ha debuttato in MotoGP nei test di Jerez de la Frontera svolti tra giovedì e venerdì. Il primo approccio con la classe regina è stato positivo e il pilota romano che guiderà la Ducati del team Gresini non nasconde l'entusiasmo, al termine di un test che considera soddisfacente.

Di Giannantonio: “La MotoGP è incredibile, farei subito una gara!”

La stagione 2022 vedrà molti italiani debuttare in MotoGP e un piccolo assaggio del prossimo anno lo abbiamo avuto nei due giorni di test a Jerez de la Frontera, che si sono svolti tra giovedì e venerdì. Sulla pista andalusa è sceso in pista anche Fabio Di Giannantonio, promosso alla classe regina con il team Gresini. Il pilota romano affiancherà Enea Bastianini e ha già avuto modo di provare la MotoGP in questi due giorni di test.

Le prime sensazioni sono state incredibili per il rookie, che una volta sceso dalla moto si è mostrato entusiasta di questa nuova avventura che lo attende. Se si guarda la classifica dei tempi, Diggia non è propriamente tra i migliori, ma si sa che nei test non si cerca il tempo, anzi. Il romano ha lavorato molto sull’adattamento alla nuova moto, in cui ha iniziato a familiarizzare con l’elettronica e i primi feedback sono decisamente positivi.

Di Giannantonio non nasconde l’entusiasmo, impossibile farlo quando si guida una Ducati in MotoGP, soprattutto alla luce dei grandi risultati ottenuti nel 2021. L’esordiente ha completato i due giorni di test in cui ha iniziato a prendere confidenza con la sua Desmosedici: “Sono molto contento di aver iniziato la seconda giornata così come avevamo lasciato la prima. Nel primo run ero già veloce, ho eguagliato il tempo del pomeriggio prima. Di questo sono molto contento perché significa che abbiamo imparato già qualcosa dalla prima giornata”.

Fabio Di Giannantonio, Gresini Racing

Fabio Di Giannantonio, Gresini Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

“Abbiamo iniziato a lavorare un po’ sull’elettronica, che sembra un po’ la chiave in MotoGP e per me è tutto nuovo – prosegue Diggia entrando nel dettaglio del lavoro svolto – Abbiamo provato a capire dove migliorare, dove dare più o meno potenza, e tutti i controlli che abbiamo. Ho migliorato il feeling, ma è stato un peccato che la giornata sia stata rovinata dal vento, le condizioni erano un po’ critiche. C’è molto grip, ma anche tanto vento, soprattutto nelle curve veloci, con le ali della moto è difficile controllare la moto. Ma nel complesso sono veramente molto felice, sto guidando una MotoGP!”.

I test di Jerez hanno rinvigorito il pilota romano, che rivela di essere arrivato all’ultimo Gran Premio di Valencia un po’ scarico: “Onestamente mentre arrivavo a Valencia mi sentivo mentalmente molto stanco. Ma adesso non voglio fermarmi! Ho toccato il nuovo gioco e vorrei continuare, magari fare altri test o anche una gara! Ma è anche giusto fermarsi per riposare un po’ il fisico e la mente e preparare bene la nuova stagione. Sicuramente dovrò allenarmi molto, non tanto di più rispetto a prima, ma comunque dovrò farlo perché la MotoGP è tosta. Ma sarò sicuramente pronto!”.

La nuova stagione lo vedrà dunque schierarsi sulla griglia di partenza con il team Gresini, che dal 2022 abbraccia il progetto Ducati e porta in pista uno dei piloti che ha seguito sin dai suoi primi passi. Per questo Di Giannantonio è decisamente grato alla squadra: “Il team Gresini è quello che ha creduto in me dall’inizio, mi ha dato l’opportunità di arrivare nel mondiale, di ottenere grandi risultati in Moto3, poi in Moto2 e ora farmi debuttare nella classe regina. È qualcosa di incredibile, quindi sono molto grato”.

Fabio Di Giannantonio, Gresini Racing

Fabio Di Giannantonio, Gresini Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Fotogallery MotoGP | L'ultima giornata di test a Jerez
Articolo precedente

Fotogallery MotoGP | L'ultima giornata di test a Jerez

Articolo successivo

Puig: "Honda ha trovato la direzione giusta per lo sviluppo"

Puig: "Honda ha trovato la direzione giusta per lo sviluppo"
Carica i commenti