Crutchlow: "Con un braccio così molti non correrebbero"

Cal Crutchlow ha spiegato i problemi al braccio che continuano a tormentarlo e si è detto preoccupato di dover affrontare sei gare di fila per il finale di stagione.

Crutchlow: "Con un braccio così molti non correrebbero"

Crutchlow ha subito un'operazione all’avambraccio destro dopo il Gran Premio di Stiria di agosto ed è stato costretto a saltare i due round di Misano a causa delle complicazioni dell'intervento. Continuando a lottare contro il gonfiore al braccio, Crutchlow ha corso fino al 10° posto nel GP di Catalunya, ma i problemi non sono migliorati nei 10 giorni successivi.

“Ho passato 10 giorni a casa e 10 giorni in ospedale a vedere chirurghi, effettuare risonanze magnetiche e così via. Il mio braccio non è in una grande situazione al momento, onestamente parlando”

“È uno dei motivi per cui non ho girato nei test di Portimao. Voglio preservare il braccio. Quindi, ancora una volta correrò questo fine settimana e poi andrò a trovare il dottor Mir e mi consulterò con lui su quale sia l'opzione migliore da fare perché il braccio è molto gonfio ed il muscolo flessore è molto, molto duro per qualche motivo”.

“La pelle è completamente attaccata al muscolo e ai tendini e non riusciamo a toglierla. Qualunque cosa proviamo, non si può togliere. Fisioterapia, massaggi, si può fare quello che si vuole, ma è come una super colla. Quindi, come potete immaginare, non ci sono fasce. Il tessuto cicatriziale normalmente si attaccherebbe alla fascia, ma non ci sono fasce, quindi si attacca al muscolo”.

Crutchlow non si è detto preoccupato per il suo braccio "a lungo termine", ma vuole essere prudente nel gestirlo per le prossime sei gare in sette settimane, quando la stagione del MotoGP volgerà al termine.

“Non so se dovrò saltare qualche gara, ma credo che la maggior parte delle persone non sarebbe in grado di guidare, o comunque neanche vorrebbe farlo. Questa, però, non è una cosa di cui andare fieri. Non vorrei trovarmi in questa situazione”.

“Io continuerò a fare il mio lavoro perché lo amo e voglio essere in pista. La cosa positiva è che questa problematica non crea pericoli per gli altri piloti sul tracciato, ma è una preoccupazione mia per quel che riguarda il mio braccio”.

“Non guarirà nelle prossime settimane, non c'è dubbio. Non sono preoccupato per il braccio a lungo termine. Penso che il braccio si sistemerà una volta che avrò risolto il problema, anche se non sappiamo di cosa si tratti al momento”.

“Tuttavia credo che se continuerò a correre l'anno prossimo, e se potrò riposarmi durante l’inverno, il braccio tornerà pienamente operativo. La preoccupazione attuale è per queste sei gare di fila che saranno difficili da affrontare”.

condividi
commenti
Simulazione MotoGP: a Le Mans rischio graining

Articolo precedente

Simulazione MotoGP: a Le Mans rischio graining

Articolo successivo

MotoGP, Le Mans, Libere 1: il bagnato esalta Smith e Aprilia

MotoGP, Le Mans, Libere 1: il bagnato esalta Smith e Aprilia
Carica i commenti