Con quale moto correrà la VR46 di Rossi in MotoGP?

Con il team VR46 di Valentino Rossi che ha confermato di avere un posto nel Campionato del Mondo MotoGP la prossima stagione, la domanda ora è: con quali moto?

Con quale moto correrà la VR46 di Rossi in MotoGP?

Ad oggi nulla è certo, solo che la squadra italiana avrà uno sponsor importante e che è stato confermato che VR46 sarà sulla griglia del campionato del mondo MotoGP 2022 come squadra privata.

VR46 prenderà i posti attuali del team Esponsorama Avintia, che scomparirà dalla classe regina e che negli ultimi anni ha gareggiato con materiale Ducati, rafforzando il rapporto per diventare, lo scorso anno, un team satellite della fabbrica di Borgo Panigale.

In un accordo a tre, quest'anno il team di Raul Romero gareggia con una moto verniciata Avintia nelle mani di Enea Bastianini, che ha un contratto diretto con Ducati, e un'altra con i colori della VR46, guidata da Luca Marini, il cui stipendio è pagato dall'accademia del fratello Valentino Rossi e che è il germe della futura struttura sponsorizzata da Aramco, società di proprietà della holding saudita Tanal Entertainment Sport & Media.

In attesa di un annuncio, l'Aramco Racing Team VR46 firmerà un contratto con la MotoGP per il periodo 2022-2026, così come gli altri team satellite e i produttori della classe regina. Da lì sarà Valentino Rossi e il suo staff a gestire completamente la nuova formazione, e il primo e più importante compito è quello di ottenere un fornitore per le moto.

Ad oggi le possibilità più fattibili sul tavolo sono di rimanere con Ducati, sfruttare il rapporto contrattuale di Valentino con Yamaha o, e questa è l'opzione preferita di Rossi, convincere Suzuki a mettere due moto in più a bordo e, naturalmente, consegnarle alla sua nuova struttura.

Le condizioni di Ducati

Il produttore italiano ha ammesso recentemente a Motorsport.com che vuole mantenere sei moto sulla griglia 2022, come ha fatto negli ultimi anni. Oltre alle due moto factory e Pramac, Ducati potrebbe fornire due prototipi ufficiali al nuovo team VR46 nel 2022, ma il marchio italiano ha una condizione: che possa scegliere uno dei due piloti, pagando quel lato del garage. Ad oggi, quella posizione andrebbe ad Enea Bastianini. Questa circostanza si scontra con i desideri della squadra di Rossi, che vuole gestire la formazione dei piloti come meglio crede.

Qui entrambi i partiti hanno una posizione forte. VR46 avrà un budget grazie al nuovo sponsor e non ha bisogno dell'aiuto di Ducati per pagare pilota e materiale. Gli italiani, che sono al corrente delle mosse di Rossi da settimane, hanno delle trattative avanzate con il Gresini Racing, che ha già firmato un accordo per continuare in MotoGP per il periodo 2022-2026, dissociandosi dall'Aprilia, e che sarebbe felice di avere una moto e un pilota in collaborazione con Borgo Panigale.

Non va dimenticato che il compianto Fausto Gresini aveva firmato un contratto con Fabio Di Giannantonio nell'ottobre dello scorso anno per correre quest'anno nel team Moto2 e fare il salto in MotoGP nel 2022. Quindi in un accordo con Ducati, Gresini avrebbe la sua parte della struttura completata.

Leggi anche:

Il rapporto con Yamaha si raffredda

Quella che sembrava l'opzione più naturale fino a pochi mesi fa, ovvero collaborare con Yamaha, si è assolutamente raffreddata. Il marchio di Iwata ha un pre-accordo con l'attuale team satellite, Petronas SRT, come annunciato dal team manager malese Razlan Razali, che ha all'inizio di marzo ha detto: "Yamaha ci ha presentato una proposta per i prossimi cinque anni", parlando del periodo 2022-2026.

Tuttavia, tutti sono consapevoli dei legami tra il produttore giapponese e Valentino Rossi, con il quale lavorano a stretto contatto su diversi fronti, come un contratto per l'uso delle moto al VR46 Motor Ranch, la scuola di formazione dei piloti che viene organizzata lì su base regolare, oltre ad essere diventato il fornitore di abbigliamento per il team ufficiale quest'anno attraverso VR46 Racing Apparel.

Con 12 squadre e 24 moto previste per il 2022, ad oggi solo 22 sembrano essere più o meno assicurate. Yamaha non ha intenzione di passare da quattro a sei prototipi in pista, ma se Suzuki e Aprilia non si fanno avanti, e se Valentino glielo chiede, la casa di Iwata potrebbe prenderlo in considerazione o, in definitiva, lasciare Petronas senza i suoi due prototipi attuali. Entrambe le situazioni però sono complicate al momento.

Suzuki, la grande desiderata

In cima alla lista dei desideri di VR46 c'è la nuova GSX-RR di Suzuki, la moto campione in carica e probabilmente la più equilibrata sulla griglia. L'outfit italiano ha già tenuto colloqui con i membri del team nel paddock, sia l'anno scorso che nelle ultime settimane, ma la Casa di Hamamatsu non ha deciso in questa fase se metteranno due moto in più in griglia nel 2022.

Dal ritorno alla classe regina nel 2015, si è parlato di moto satellite Suzuki, ma ad oggi ci sono stati pochi progressi in questo senso. Il rapporto con l'ex team manager Davide Brivio, amico personale di Rossi, era una porta aperta per l'affare, ma con la partenza del dirigente italiano verso la Formula 1 le opzioni si sono ridotte.

I vertici di Hamamatsu non sono convinti della necessità di raddoppiare la loro presenza in MotoGP, né si sentono pressati dal desiderio di Dorna che tutti e sei i costruttori concorrenti abbiano moto satellite.

Infatti, Suzuki è stato l'ultimo produttore ad annunciare un accordo per rimanere in MotoGP alla fine di quest'anno. Una chiara indicazione che la fretta non è nella loro natura.

Aprilia, se non c’è altra soluzione

Una partnership con Aprilia non è stata finora un'opzione per la VR46, che lo scorso ottobre ha negato al produttore italiano l'ingaggio di uno dei suoi piloti emergenti, Marco Bezzecchi. Tuttavia, il miglioramento delle prestazioni che la RS-GP 2021 ha mostrato all'inizio della stagione potrebbe rendere il produttore di Noale un'opzione, a condizione che falliscano le altre. Per Valentino Rossi non sarà facile convincere il suo nuovo sponsor principale delle virtù di scegliere quella che fino all'anno scorso era stata la moto peggiore della griglia.

condividi
commenti
Bagnaia: "Quest'anno posso essere più forte a Jerez"

Articolo precedente

Bagnaia: "Quest'anno posso essere più forte a Jerez"

Articolo successivo

Gresini Racing: la moglie Nadia è il nuovo team owner

Gresini Racing: la moglie Nadia è il nuovo team owner
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP di Spagna
Autore Germán Garcia Casanova