Ciabatti: "Se Ducati non è felice, allora gli altri?"

Paolo Ciabatti, direttore sportivo della Ducati, ha minimizzato l'importanza di non aver vinto nessuna delle due gare su un circuito favorevole come quello del Qatar, ma ha sottolineato la leadership di Zarco e il potenziale esibito dalla maggior parte dei piloti del marchio.

Ciabatti: "Se Ducati non è felice, allora gli altri?"

Che Losail sia la pista ideale per la Desmosedici GP, per sfruttare i suoi punti di forza, è una tesi convalidata dalle statistiche: prima dell'inizio di questa stagione, la Casa di Borgo Panigale vi aveva vinto nelle ultime due occasioni, nel 2018 e nel 2019, con Andrea Dovizioso come protagonista.

In entrambe le occasioni, Dovizioso ha sfruttato l'enorme potenza della sua moto per battere Marc Marquez. Il rettilineo di oltre un chilometro determina una grande possibilità di duelli uno contro uno, cosa che è stata resa abbondantemente chiara nelle prime due gare di questo 2021, nelle quali, nonostante tutto, sono state le Yamaha di Maverick Vinales e Fabio Quartararo a conquistare il gradino più alto del podio.

Si potrebbe pensare che questa indicazione possa iniziare a preoccupare i vertici della Rossa. Ma la realtà è ben diversi agli occhi dell'azienda bolognese, che preferisce allargare il campo d'analisi per dare un giudizio.

Leggi anche:

Per il direttore sportivo del marchio, concludere che la Ducati passerà un brutto periodo perché non ha vinto in Qatar è una lettura eccessivamente riduzionista, che non ha senso, perché secondo lui gli aspetti positivi superano di gran lunga quelli negativi.

"Si potrebbe pensare che la Ducati non abbia vinto su una pista favorevole. Ma abbiamo conquistato entrambe le pole position, facendo il nuovo record del circuito (Bagnaia), abbiamo occupato quattro dei sei posti sul podio e siamo in testa al campionato con Zarco", ha detto Ciabatti a Motorsport.com.

"Ovviamente mi sarebbe piaciuto vincere almeno una gara, ma se noi non siamo felici, come possono esserlo gli altri marchi?".

Per Ciabatti il grande potenziale della Desmosedici GP è stato mostrato chiaramente a Losail, anche se l'introduzione delle nuove gomme Michelin, avvenuta lo scorso anno, è il fattore che alla fine ha determinato chi fosse in grado di vincere.

"Chi si basa sul fatto che la Ducati ha vinto in Qatar nel 2018 e nel 2019, con Dovizioso, non tiene conto del fatto che le gomme usate allora non avevano nulla a che vedere con quelle attuali, che bisogna gestire", ha spiegato Ciabatti. "Già nei test pre-stagionali del 2020, Dovi non era così competitivo come lo era stato prima. Quindi siamo molto soddisfatti del miglioramento che abbiamo fatto", ha concluso.

Paolo Ciabatti, Director Deportivo de Ducati Corse, Gigi Dall'Igna, Director General del Equipo Ducati

Paolo Ciabatti, Director Deportivo de Ducati Corse, Gigi Dall'Igna, Director General del Equipo Ducati
1/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Segundo lugar Johann Zarco, Pramac Racing y Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing

Segundo lugar Johann Zarco, Pramac Racing y Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing
2/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team
3/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
4/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
5/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
6/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
7/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
8/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
9/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
10/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
11/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team, Francesco Bagnaia, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team, Francesco Bagnaia, Ducati Team
12/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team
13/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing, Francesco Bagnaia, Ducati Team

Johann Zarco, Pramac Racing, Francesco Bagnaia, Ducati Team
14/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing, Francesco Bagnaia, Ducati Team

Johann Zarco, Pramac Racing, Francesco Bagnaia, Ducati Team
15/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
16/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
17/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
18/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
19/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
20/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing

Johann Zarco, Pramac Racing
21/39

Foto di: Pramac Racing

Jorge Martin, Pramac Racing

Jorge Martin, Pramac Racing
22/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Pramac Racing

Jorge Martin, Pramac Racing
23/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Pramac Racing

Jorge Martin, Pramac Racing
24/39

Foto di: Pramac Racing

Jorge Martin, Pramac Racing

Jorge Martin, Pramac Racing
25/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Pramac Racing

Jorge Martin, Pramac Racing
26/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing

Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing
27/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing

Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing
28/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing

Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing
29/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing

Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing
30/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing

Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing
31/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing y el segundo lugar Johann Zarco, Pramac Racing

Tercer lugar Jorge Martin, Pramac Racing y el segundo lugar Johann Zarco, Pramac Racing
32/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Ganador de la pole Jorge Martin, Pramac Racing parc ferme

Ganador de la pole Jorge Martin, Pramac Racing parc ferme
33/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Ganador de la pole Jorge Martin, Pramac Racing parc ferme

Ganador de la pole Jorge Martin, Pramac Racing parc ferme
34/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Ganador de la pole Jorge Martin, Pramac Racing, Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing parc ferme

Ganador de la pole Jorge Martin, Pramac Racing, Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing parc ferme
35/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing, ganador de la pole Jorge Martin, Pramac Racing parc ferme

Johann Zarco, Pramac Racing, ganador de la pole Jorge Martin, Pramac Racing parc ferme
36/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Johann Zarco, Pramac Racing, ganador de la pole Jorge Martin, Pramac Racing parc ferme

Johann Zarco, Pramac Racing, ganador de la pole Jorge Martin, Pramac Racing parc ferme
37/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Top 3 Clasificados: ganador de la pole Jorge Martin, Pramac Racing, Johann Zarco, Pramac Racing, Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing parc ferme

Top 3 Clasificados: ganador de la pole Jorge Martin, Pramac Racing, Johann Zarco, Pramac Racing, Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing parc ferme
38/39

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Jorge Martin, Pramac Racing

Jorge Martin, Pramac Racing
39/39

Foto di: Pramac Racing

condividi
commenti
Dovizioso: "Troppa elettronica in MotoGP"

Articolo precedente

Dovizioso: "Troppa elettronica in MotoGP"

Articolo successivo

Johann Zarco, la leadership della rinascita

Johann Zarco, la leadership della rinascita
Carica i commenti