Cecchinello torna a pensare alle due moto per il 2015

Cecchinello torna a pensare alle due moto per il 2015

Lucio è già alla ricerca di sponsor per schierare anche una RCV1000R da affidare ad un giovane

Lucio Cecchinello non si arrende: lo scorso anno ha provato con tutte le sue forze a raddoppiare il suo impegno in MotoGp, ma alla fine non è riuscito a trovare il budget per schierare anche una Honda RCV1000R accanto alla RC213V di Stefan Bradl (la cui presenza in squadra è a sua volta in dubbio per il 2015).

Questo non vuol dire però che il manager italiano abbia accantonato definitivamente il suo progetto. Anzi, con la Casa giapponese che ha già reso nota la sua intenzione di dotare di valvole pneumatiche anche la sua "Open", l'interesse di Lucio per questa possibilità è addirittura aumentato, a patto però di poter inserire in squadra un giovane con cui allestire un programma a lungo termine.

"Ho sempre voluto una squadra con due piloti, perché credo che la nostra squadra sia perfettamente in grado di sostenerla. Ma lo farei con un obiettivo chiaro: dare un'opportunità ad un pilota giovane. Non mi interessa un pilota che arriva perché ha uno sponsor o per motivi politici. Il mio sogno per l'anno prossimo è questo e sto già parlando con diversi potenziali sponsor per concretizzarlo" ha detto Cecchinello a MotorCycleNews.

Più che un problema di budget, a fermarlo potrebbe essere però quello legato alla disponibilità della moto: Shuhei Nakamoto ha lasciato intendere che anche l'anno prossimo saranno quattro le RSV1000R a disposizione dei clienti, dunque avrebbe bisogno della rinuncia di una delle squadre che già ne dispongono. Con Gresini ed Aspar intenzionati a mantenere le loro, l'unica speranza sembra essere legata ad un cambiamento dei piani di Karel Abraham e della sua squadra di famiglia.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati MotoGP
Articolo di tipo Ultime notizie