Burgess su Valentino: "I podi non bastano per essere campione"

Jeremy Burgess ritiene che sarà molto difficile per Valentino Rossi vincere il suo decimo titolo solo con dei piazzamenti a podio e che avrà bisogno di più vittorie se vuole riuscirci.

Burgess su Valentino: "I podi non bastano per essere campione"
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing, Marc Marquez, Repsol Honda Team
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Podio: il secondo classificato Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Podio: il secondo classificato Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Marc Marquez, Repsol Honda Team
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing
Valentino Rossi, Yamaha Factory Racing

L'australiano ha lavorato con Rossi da quando è entrato nella top class (2000), si il titolo della 500, che i sei successivi in MotoGP, l'italiano li ha raggiunti con Burgess come capo meccanico.

Alla fine del 2013, alla conclusione del primo anno in Yamaha del "Dottore" dopo la brutta esperienza in Ducati (2011 e 2012), i due hanno preso strade diverse e Rossi ha puntato su Silvano Galbusera, con il quale l'anno scorso ha perso il titolo per appena 5 punti.

Lo scorso fine settimana, in occasione dell'arrivo della MotoGP in Australia, l'ingegnere era a Phillip Island per aiutare gli organizzatori con alcune questioni, e durante questa parentesi ha parlato con Motorsport.com per dire la sua sulla stagione in corso.

Dopo il ritiro, Burgess si è concentrato su un'attività meno stressante rispetto a quando ha lavorato accanto a Rossi, Freddie Spencer, Wayne Gardner e Mick Doohan, il più famoso tra i piloti che ha aiutato.

"Passo la giornata a giocare a golf e a tennis, e guardo le gare in TV" ha scherzato venerdì. Il nativo di Adelaide è probabilmente una delle voci più attrezzate ad offrire il proprio parere in merito alle prestazioni del pilota di Tavullia nel periodo più recente, oltre che a parlare di argomenti più generali, come la conquista del titolo di Marc Marquez in Giappone.

"Forse Valentino non è il più veloce sul giro singolo, ma è ancora uno dei più forti in gara. E' vero che non ha vinto il titolo ancora una volta, ma è stato molto vicino a farlo nel 2015. Dal mio punto di vista, e al contrario di quanto pensa la maggior parte della gente, non ha perso il titolo nelle ultime tre gare, ma molto prima. Ha deciso di concentrarsi a raccogliere dei podi, ma non è abbastanza per essere campione ora, devi vincere le gare" ha detto Burgess, che ammette di essere sorpreso degli errori commessi dal suo ex pilota, in particolare quelli che lo hanno fatto cadere.

"Vale ha fatto diversi errori quest'anno, su tutti hanno catturato la mia attenzione quelli di Assen e del Giappone. Quello in Olanda è stato molto insolito, perché lui normalmente non cade quando è al comando" ha aggiunto l'australiano, che usa Marquez per completare il concetto: "Marc è in grado di evitare gli incidente perché è molto agile. Valentino, con gli anni, è diventato più lento nelle sue reazioni".

condividi
commenti
Fotogallery: le rimonte più belle di Valentino Rossi
Articolo precedente

Fotogallery: le rimonte più belle di Valentino Rossi

Articolo successivo

La colonna di Randy Mamola: "Jorge svegliati, supera la paura!"

La colonna di Randy Mamola: "Jorge svegliati, supera la paura!"
Carica i commenti