MotoGP
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
14 mag
-
17 mag
Evento concluso
28 mag
-
31 mag
Evento in corso . . .
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
6 giorni
18 giu
-
21 giu
Canceled
25 giu
-
28 giu
Canceled
09 lug
-
12 lug
Canceled
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
69 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
76 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
90 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
104 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
119 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
126 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
139 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
147 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
153 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
168 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
175 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
182 giorni

Brno, Libere 2: bella zampata di Pedrosa davanti a Petrucci con le nuove ali Ducati

condividi
commenti
Brno, Libere 2: bella zampata di Pedrosa davanti a Petrucci con le nuove ali Ducati
Di:
3 ago 2018, 13:09

Il pilota della Honda si mette alle spalle il suo momento nero e torna davanti a tutti, precedendo Petrux e Bautista. Occhio però a Dovizioso, quinto con le hard. Valentino è settimo dietro a Vinales, Marquez decimo.

Anche se ormai ha deciso di appendere il casco al chiodo a fine anno, Dani Pedrosa sembra intenzionato a godersi l'ultimo scorcio della sua carriera in MotoGP. O almeno questa è la sensazione che ha dato la prestazione sfoderata dal pilota della Honda nella seconda sessione di prove libere del GP di Repubblica Ceca.

Dopo un periodo che lo aveva visto veramente in ombra, oggi pomeriggio abbiamo ritrovato il Pedrosa delle giornate migliori, che quando è stato il momento di andare a fare il "time attack" ha messo tutti alle spalle della sua RC213V con un crono di 1'55"976 che lo ha reso il solo capace di scendere sotto all'1'56".

Nella sua scia però sono molto vicine le Ducati di Danilo Petrucci e di Alvaro Bautista, staccate rispettivamente di 123 e di 168 millesimi. "Petrux" ha portato al debutto sulla sua GP18 le nuove ali studiate dalla Casa di Borgo Panigale, che domani dovrebbero arrivare anche sulle due Desmosedici GP ufficiali, mentre lo spagnolo ha dimostrato ancora una volta che forse questa MotoGP lo vuole pensionare un po' troppo presto.

La grande sorpresa di questa FP2 però è senza ombra di dubbio il malese Hafizh Syahrin: sfruttando la scia di Valentino Rossi, il pilota malese è riuscito addirittura ad arrampicarsi fino alla quarta posizione, pagando appena 224 millesimi dalla vetta e risultando il migliore tra i piloti Yamaha.

Attenzione però ad Andrea Dovizioso, perché come questa mattina ha dato la sensazione di avere delle carte molto buone da giocarsi in questo weekend: è vero che il ducatista è quinto a 242 millesimi, ma è anche il primo ad aver ottenuto il proprio tempo con la gomma hard al posteriore, mentre gli altri lo hanno fatto con la soft.

L'unico ad esserci riuscito nella top 10 oltre a lui è il leader del Mondiale Marc Marquez, ma bisogna scorrere la classifica fino alla decima posizione per trovare la sua Honda, più lenta di oltre quattro decimi rispetto alla Rossa di "Desmodovi" a parità di gomme.

Tornando a scorrere la classifica, in sesta e settima posizione ci sono le due Yamaha ufficiali di Maverick Vinales e Valentino Rossi, staccate rispettivamente di quattro e cinque decimi dalla vetta. Ma nella top 10 c'è anche l'altra con i colori Tech 3 affidata a Johann Zarco, nono dopo essere stato il più veloce nella FP1.

Il quadro dei piloti che al momento avrebbero accesso diretto alla Q2 è completato da Tito Rabat, ottavo con la GP17 della Reale Avintia. Questo vuol dire che al momento ci sono diversi nomi pesanti che passerebbero dalla Q1. Su tutti, quello di Jorge Lorenzo, che non è riuscito ad andare oltre al 15esimo tempo con la sua Ducati ufficiale.

Davanti al maiorchino però ci sono altri nomi interessanti: per esempio, in 11esima e 12esima piazza ci sono le due Suzuki di Andrea Iannone ed Alex Rins, seguite dalla Ducati Pramac di Jack Miller e dalla Honda LCR di Cal Crutchlow, che chiude il pacchetto dei piloti racchiusi nello spazio di appena un secondo.

Bisogna arrivare fino alla 16esima posizione, dunque, per trovare la migliore delle Aprilia, che è quella del rientrante Aleix Espargaro, tallonata dalla KTM del fratello Pol. Arretra al 18esimo posto invece Stefan Bradl, in pista come wild card con la terza Honda della HRC.

Nella sua scia, appena una manciata di millesimi più indietro, c'è poi la Honda della Marc VDS dell'altro rientrante Franco Morbidelli. In coda al gruppo, infine, la Suzuki della wild card Sylvain Guintoli.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Speed Trap
1 26 Spain Daniel Pedrosa Honda 18 1'55.976     167.714 311
2 9 Italy Danilo Petrucci Ducati 16 1'56.099 0.123 0.123 167.536 310
3 19 Spain Alvaro Bautista Ducati 19 1'56.144 0.168 0.045 167.471 308
4 55 Malaysia Hafizh Syahrin Yamaha 14 1'56.200 0.224 0.056 167.390 308
5 4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 16 1'56.218 0.242 0.018 167.364 311
6 25 Spain Maverick Viñales Yamaha 17 1'56.392 0.416 0.174 167.114 309
7 46 Italy Valentino Rossi Yamaha 17 1'56.480 0.504 0.088 166.988 306
8 53 Spain Tito Rabat Ducati 18 1'56.521 0.545 0.041 166.929 313
9 5 France Johann Zarco Yamaha 16 1'56.535 0.559 0.014 166.909 307
10 93 Spain Marc Márquez Alenta Honda 18 1'56.635 0.659 0.100 166.766 309
11 29 Italy Andrea Iannone Suzuki 18 1'56.644 0.668 0.009 166.753 306
12 42 Spain Alex Rins Suzuki 19 1'56.661 0.685 0.017 166.729 309
13 43 Australia Jack Miller Ducati 16 1'56.915 0.939 0.254 166.367 309
14 35 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 17 1'57.014 1.038 0.099 166.226 311
15 99 Spain Jorge Lorenzo Ducati 18 1'57.205 1.229 0.191 165.955 310
16 41 Spain Aleix Espargaro Aprilia 15 1'57.417 1.441 0.212 165.655 307
17 44 Spain Pol Espargaro KTM 15 1'57.473 1.497 0.056 165.576 310
18 6 Germany Stefan Bradl Honda 18 1'57.479 1.503 0.006 165.568 310
19 21 Italy Franco Morbidelli Honda 15 1'57.498 1.522 0.019 165.541 306
20 38 United Kingdom Bradley Smith KTM 15 1'57.506 1.530 0.008 165.530 308
21 30 Japan Takaaki Nakagami Honda 18 1'57.647 1.671 0.141 165.331 306
22 12 Switzerland Thomas Lüthi Honda 16 1'57.729 1.753 0.082 165.216 304
23 45 United Kingdom Scott Redding Aprilia 13 1'57.941 1.965 0.212 164.919 303
24 17 Czech Republic Karel Abraham Ducati 17 1'58.127 2.151 0.186 164.660 309
25 10 Belgium Xavier Simeon Ducati 16 1'58.453 2.477 0.326 164.206 308
26 50 France Sylvain Guintoli Suzuki 17 1'58.617 2.641 0.164 163.979 307

 

Articolo successivo
Stoner pronto ad abbandonare il ruolo di collaudatore Ducati a fine 2018

Articolo precedente

Stoner pronto ad abbandonare il ruolo di collaudatore Ducati a fine 2018

Articolo successivo

La MotoGP annuncia le date dei test pre-campionato 2019

La MotoGP annuncia le date dei test pre-campionato 2019
Carica i commenti