Brembo lavora su un disco freno più grande per la MotoGP

Le esigenze estreme richieste agli impianti frenanti su alcuni circuiti, soprattutto in Austria, ha portato la Brembo a progettare un nuovo sistema frenante per evitare situazioni come quella vissuta da Maverick Vinales lo scorso anno.

Brembo lavora su un disco freno più grande per la MotoGP

Nel bel mezzo del Gran Premio di Stiria dello scorso anno, Maverick Vinales è rimasto apparentemente senza freni e ha dovuto lanciarsi fuori dalla sua M1, che è andata a sbattere contro gli airfence e poi è scoppiata in fiamme.

La gara dello scorso 23 agosto al Red Bull Ring è stata interrotta dalla bandiera rossa quando Joan Mir era in testa alla corsa, ed è ripresa dopo che la moto di Vinales è stata rimossa e le barriere ripristinate, con Miguel Oliveira che è andato a trionfare dopo la ripartenza.

Anche se inizialmente la Yamaha ha dato la colpa del guasto ai freni, alla fine ha ammesso che oltre a non aver usato i dischi del diametro raccomandato dal costruttore (340 mm e non i 320 standard), ha anche montato un set di parti usate, che di fatto ha portato all'incidente.

Nuovi freni per l'Austria

Pur non avendo alcuna responsabilità per quanto accaduto, il fornitore di impianti frenanti della MotoGP, Brembo, ha sviluppato un nuovo sistema per migliorare ulteriormente la sicurezza sulle piste più impegnative, e oltre al Red Bull Ring - dove si correrà due volte quest'anno in agosto - sarà utilizzato a Motegi, in Thailandia e probabilmente a Sepang, sempre che si possa correre su quelle piste nell'ultima parte della stagione a causa della pandemia.

Il nuovo "super freno" Brembo è composto da dischi e pastiglie in carbonio ventilati, mantiene l'attuale diametro più grande (340 mm) e dopo un attento studio da parte degli ingegneri del marchio, è stato progettato per generarare ventilazione per evitare di aumentare la temperatura e mantenerlo nel range massimo di lavoro, circa 700-800 gradi, senza perdere efficacia.

Questo lunedì, nel test ufficiale sul circuito di Barcellona, la maggior parte dei piloti, tra cui Valentino Rossi, ha avuto la possibilità di provarli e dare un feedback agli ingegneri della Brembo.

"Abbiamo provato i nuovi freni per l'Austria, dove sono sottoposti a molto stress, e la sensazione è stata buona. Mi sono piaciuti e naturalmente li userò lì", ha detto il pilota italiano del Team Petronas.

Un ingegnere di pista di uno dei piloti più forti della MotoGP ha spiegato a Motorsport.com: "Abbiamo testato questi freni per la prima volta lunedì. Dopo l'incidente dell'anno scorso abbiamo bisogno di avere un margine di temperatura. Non aggiungono prestazioni, sono solo per migliorare la sicurezza", ha detto.

"Dopo averli testati, abbiamo visto che ci dà un margine di sicurezza prima di raggiungere i 1000 gradi", che sarebbe il limite a cui questo sistema di frenata può funzionare prima che il disco in carbonio possa iniziare ad oscillare.

Dischi da 360mm per il 2022

"Con il disco da 340 mm, la MotoGP sta raggiungendo il limite. Abbiamo evoluto la ventilazione e la massa del disco, così come l'area di contatto. Ora sono più grandi, con una presa d'aria per raffreddarlo. Abbiamo anche lavorato sulla geometria del disco e delle pastiglie", ha detto a Motorsport.com Andrea Pellegrini, ingegnere Brembo per la MotoGP e Customer Manager.

"In Austria ci sono temperature molto alte nel sistema e ci sono punti di frenata ad alta energia", spiega Pellegrini. "Con questi nuovi dischi speriamo di essere in grado di offrire le stesse prestazioni con una gamma di temperature operative più bassa".

Brembo ha già portato questi nuovi sistemi frenanti al test pre-stagionale in Qatar.

"Alcuni piloti hanno avuto la possibilità di testarli sul circuito di Losail, ma le richieste sui freni su quella pista non sono per nulla simili a quelle dell'Austria, quindi li abbiamo testati a Barcellona perché le richieste sono più simili, mentre al Sachsenring e ad Assen sono medie e basse, rispettivamente", ha spiegato l'ingegnere, riferendosi alle prossime due tappe del calendario prima dell'Austria in agosto.

"Quasi tutti i piloti hanno potuto provarli lunedì al test, solo o tre non li hanno usati", ha continuato. "Il feedback generale è stato molto buono da parte dei piloti", certifica l'ingegnere.

Nonostante questo nuovo progresso, Brembo continua a lavorare e ricercare per aumentare la capacità dei suoi impianti frenanti, e anche la sicurezza dei piloti, anche se alcuni, per il loro stile, continuano ad utilizzare dischi freno da 320 mm.

"Oggi quasi tutte le squadre usano già dischi da 340 mm, perché le MotoGP vanno sempre più forte e con l'aerodinamica serve più potenza frenante", ha detto Pellegrini.

"Per il prossimo anno stiamo lavorando su un disco più grande, 360 mm, che dovrà essere omologato da Dorna e IRTA", ha detto l'ingegnere.

Le dimensioni dei cerchi ed il design attuale della parte anteriore delle MotoGP permetterebbero un disco da 360 mm, che sarebbe il massimo, quindi Brembo spera di essere in grado di implementare queste parti di diametro maggiore già nel 2022 per migliorare la frenata e la sicurezza dei piloti.

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
1/45

Foto di: Repsol Media

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
2/45

Foto di: Repsol Media

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
3/45

Foto di: Repsol Media

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
4/45

Foto di: Repsol Media

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
5/45

Foto di: Repsol Media

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
6/45

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
7/45

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
8/45

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
9/45

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
10/45

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
11/45

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
12/45

Foto di: Repsol Media

Pol Espargaró, Repsol Honda Team
Pol Espargaró, Repsol Honda Team
13/45

Foto di: Vaclav Duska Jr.

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
14/45

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
15/45

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
16/45

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
17/45

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
18/45

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
19/45

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
20/45

Foto di: Yamaha MotoGP

Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
Fabio Quartararo, Yamaha Factory Racing
21/45

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
22/45

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
23/45

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
24/45

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
25/45

Foto di: Yamaha MotoGP

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
26/45

Foto di: Yamaha MotoGP

Francesco Bagnaia, Ducati Team
Francesco Bagnaia, Ducati Team
27/45

Foto di: MotoGP

Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
Joan Mir, Team Suzuki MotoGP
28/45

Foto di: MotoGP

Lorenzo Savadori, Aprilia Racing Team Gresini
Lorenzo Savadori, Aprilia Racing Team Gresini
29/45

Foto di: MotoGP

Marc Márquez, Repsol Honda Team
Marc Márquez, Repsol Honda Team
30/45

Foto di: MotoGP

Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
Maverick Viñales, Yamaha Factory Racing
31/45

Foto di: MotoGP

Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing
Miguel Oliveira, Red Bull KTM Factory Racing
32/45

Foto di: MotoGP

Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
33/45

Foto di: Brembo

Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
34/45

Foto di: Brembo

Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
35/45

Foto di: Brembo

Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
36/45

Foto di: Brembo

Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
37/45

Foto di: Brembo

Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
38/45

Foto di: Brembo

Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
39/45

Foto di: Brembo

Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
40/45

Foto di: Brembo

Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
41/45

Foto di: Brembo

Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
Detalle de los frenos Brembo de MotoGP
42/45

Foto di: Brembo

Pinzas de freno Brembo
Pinzas de freno Brembo
43/45

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Pinzas de freno Brembo
Pinzas de freno Brembo
44/45

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Detalle del freno Brembo
Detalle del freno Brembo
45/45

Foto di: Brembo

condividi
commenti
KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"
Articolo precedente

KTM: così Oliveira è riuscito a domare di nuovo la "bestia"

Articolo successivo

Espargaro vede qualcosa dei primi anni KTM nella crisi Honda

Espargaro vede qualcosa dei primi anni KTM nella crisi Honda
Carica i commenti