Bradley Smith pensa al ritiro se non dovesse trovare un posto in MotoGP nel 2019

condividi
commenti
Bradley Smith pensa al ritiro se non dovesse trovare un posto in MotoGP nel 2019
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
07 giu 2018, 11:13

Il pilota della KTM ha ammesso di non avere interesse ad emigrare nella Superbike e che come alternativa potrebbe valutare solo un ruolo da collaudatore con la possibilità di correre qualche gara da wild card.

Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing
Bradley Smith, Red Bull KTM Factory Racing

Anche se ci siamo messi alle spalle meno di un terzo dell'intero calendario della MotoGP 2018, il mercato piloti ha già espresso i suoi verdetti principali, ma c'è anche chi guarda al futuro con la prospettiva di poter anche pensare di appendere il casco al chiodo al termine del Mondiale.

Nel caso di Bradley Smith è stato addirittura il diretto interessato a confermare la cosa in occasione del weekend del GP d'Italia. Il pilota britannico è reduce da un anno e mezzo davvero complicato in sella alla KTM e sa già di non fare più parte dei piani della Casa austriaca, che per il prossimo anno ha già annunciato Johann Zarco e Pol Espargaro per il factory team, ma anche Miguel Oliveira e Hafizh Syahrin per le due RC16 che saranno affidate al team Tech 3.

Al momento Smith non sembra essere nel mirino di nessun'altra squadra, ma sembra aver preso la cosa piuttosto con filosofia ed ha ammesso che il suo unico interesse è proseguire in MotoGP, altrimenti è anche disposto a fermarsi.

"Penso che questo sia il mio 13esimo anno, o forse il 14esimo nel Motomondiale. Ho avuto una bella carriera, perché ho avuto modo di guidare le moto migliori del mondo contro i piloti più forti del mondo. E se non fosse più disponibile una di queste moto, sarei felice di chiudere questo capitolo ed allontanarmi dalle corse. L'unica cosa che mi motiva davvero è correre contro i migliori. Quindi, se non dovessi trovare un posto in MotoGP, probabilmente proverei a fare qualcosa di diverso. Magari ancora nel paddock, ma certamente non correrei" ha detto Smith.

Quando poi gli è stato chiesto se valuterebbe un ruolo alla Mika Kallio, ovvero da collaudatore con la possibilità di disputare anche qualche wild card, ha lasciato intendere che questo tipo di scenario non gli dispiacerebbe per niente.

"Tutto dipende da quali saranno le possibilità. Come collaudatore, hai ancora la possibilità di lavorare all'interno del paddock e guidare le moto migliori. Quello che sta facendo Mika sarebbe una cosa fantastica, ma dobbiamo aspettare e vedere se fosse davvero disponibile un'opportunità del genere. Come ho detto, il mio cuore mi sta dicendo che in questo momento non mi piacerebbe tutto quello che non è una MotoGP".

La Superbike invece non lo attira per niente: "No, non sono un pilota da moto di serie. Ho sempre guidato delle moto da GP. So in cosa sono bravo e so cosa mi piace. Non frantendetemi, in Superbike ci sono tanti piloti di talento, ma non sono sicuro che sarebbe quello che fa per me".

Informazioni aggiuntive di Gerald Dirnbeck

Prossimo articolo MotoGP

Su questo articolo

Serie MotoGP
Piloti Bradley Smith
Team Red Bull KTM Factory Racing
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie