Bezzecchi finalizza il passaggio alla Yamaha Petronas nel 2022

Secondo quanto ha appreso Motorsport.com, Marco Bezzecchi sta definendo i dettagli del contratto che lo vedrà debuttare in MotoGP nella prossima stagione con Petronas Sepang Racing Team.

Bezzecchi finalizza il passaggio alla Yamaha Petronas nel 2022

In un mercato che è esploso nell'ultimo mese, l'attuale pilota dello Sky Racing Team VR46 in Moto2 ha raggiunto un accordo con con la squadra satellite della Yamaha.

Anche se tutto sembrava pronto per Bezzecchi per unirsi a Luca Marini nel debutto della VR46 nella classe regina, previsto per la prossima stagione con Ducati, questa mossa getta ulteriori dubbi su un progetto che non è del tutto chiaro.

Con l'aggiunta del pilota riminese, Petronas SRT riempie uno dei due posti vacanti che ha per il 2022, in attesa dell'annuncio della partenza di Valentino Rossi, prevista per questo pomeriggio alle 16:15 sul circuito di Spielberg.

Leggi anche:

La sorprendente decisione presa da Maverick Viñales, che subito dopo Assen, l'ultimo Gran Premio prima della pausa estiva, ha informato Yamaha della sua decisione di uscire dal contratto in essere con un anno d'anticipo, quindi alla fine del 2021, permetterà a Franco Morbidelli di passare nel team ufficiale Yamaha, dove sarà ancora una volta affiancato nel box da Fabio Quartararo.

Anche se la prima scelta di SRT è sempre stata quella di firmare Raul Fernandez, la forte pressione di KTM sullo spagnolo ha fatto sì che abbia optato per firmare con Tech3, come riportato da Motorsport.com al Gran Premio d'Olanda e come KTM ha intenzione di rendere ufficiale a breve.

L'arrivo di Bezzecchi alla Petronas, nel frattempo, significa che Marini avrà un altro compagno di squadra, ed è a questo punto che la possibilità che possa raggiungerlo suo fratello Valentino dall'altra parte del garage, se decide di non ritirarsi, torna alla ribalta. Ma è un qualcosa che scopriremo solo tra qualche ora.

condividi
commenti
MotoGP: Red Bull Ring crocevia del Mondiale e del mercato

Articolo precedente

MotoGP: Red Bull Ring crocevia del Mondiale e del mercato

Articolo successivo

MotoGP, Red Bull Ring: bisogna fare attenzione al posteriore

MotoGP, Red Bull Ring: bisogna fare attenzione al posteriore
Carica i commenti