Bastianini: "Mi sento sempre più parte del gruppo di testa"

Il pilota della Ducati Avintia è una delle rivelazioni di questa parte conclusiva della stagione: ad Austin ha ottenuto il terzo piazzamento nella top 6 consecutivo e ora guarda con grande ottimismo al ritorno a Misano, dove ha centrato il primo podio in MotoGP. Sulla vicenda Oncu è stato durissimo: "Andava sospeso fino a fine campionato".

Bastianini: "Mi sento sempre più parte del gruppo di testa"

Non chiamatelo più sorpresa, perché ormai sta diventando una certezza. L'apprendistato non è stato facile all'inizio della stagione, ma da qualche gara a questa parte Enea Bastianini sta iniziando a ritagliarsi un ruolo da protagonista anche in MotoGP, tra le altre cose sfoderando sempre delle rimonte pazzesche. Senza dimenticare poi che dispone di una Ducati GP19, quindi non esattamente del mezzo più evoluto della griglia.

Il rookie romagnolo ha conquistato la terza top 6 consecutiva ad Austin, risalendo di ben dieci posizioni rispetto a quella che occupava sullo schieramento di partenza del Gran Premio delle Americhe. All'ultimo giro ha anche approfittato di un contatto tra Joan Mir e Jack Miller per infilarli entrambi e prendersi la sesta posizione. Ma ormai il portacolori dell'Avintia Esponsorama sembra essersi guadagnato lo status di pilota in grado di battagliare nelle posizioni di vertice con regolarità.

"Sono contento, perché da Silverstone ad oggi abbiamo fatto veramente uno step grosso. Ogni gara mi sento sempre di più di far parte del gruppo di testa. Penso di potermela giocare sempre nelle prime posizioni. Oggi non pensavo di arrivare sesto, perché partivo 16esimo e su una pista come Austin sapevo che non era facile rimontare, ma ci sono riuscito", ha detto Enea dopo la gara.

"All'ultimo giro ho aspettato che facessero un errore davanti a me, perché Mir e Miller li vedevo belli carichi. Alla fine si sono toccati alla curva 15 e mi sono buttato dentro, quindi è venuto fuori questo sesto posto", ha aggiunto.

Leggi anche:

Il prossimo appuntamento sarà di nuovo a Misano, dove un paio di settimane fa ha conquistato il suo primo podio nella classe regina. E' normale quindi che per il Gran Premio dell'Emilia Romagna e del Made in Italy l'asticella degli obiettivi possa essere addirittura più alta.

"Ovviamente l'obiettivo è migliorarsi, quindi fare meglio del terzo posto. Ma bisogna essere realisti, perché ogni weekend è a sé e le condizioni saranno diverse, sicuramente ci sarà più fresco. Vedremo dove saremo quando torneremo a Misano, ma ci proveremo".

Essendo uno dei più giovani sullo schieramento, con un passato abbastanza fresco in Moto3, Enea è stato interpellato anche sul terribile incidente visto in Texas, che ha portato alla squalifica per due Gran Premi del pilota che lo ha innescato, il turco Deniz Oncu.

"Io lo avrei sospeso fino alla fine del campionato in realtà. Per me Oncu è stato veramente aggressivo, ma quello normalmente è il suo stile. Ho seguito la Moto3 e mi sembra leggermente sopra le righe in tutte le gare. Sono manovre che bisognerebbe evitare, ma ricordo bene che quando si è più giovani si è anche più incoscienti".

"Con tutto quello che è già successo quest'anno, bisogna prestare più attenzione. Per me non è stato giusto neppure fare una gara di cinque giri, perché sappiamo bene che chi sa di poter arrivare davanti avrebbe fatto qualcosina in più per riuscirci, aumentando i rischi".

Quando poi gli è stato chiesto se pensa che la situazione sia peggiorata in Moto3 rispetto ai suoi tempi, ha aggiunto: "Quando correvo io c'era qualche pilota che andava un po' fuori dalle righe, ma non tanto come stiamo vedendo negli ultimi due o tre anni".

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Enea Bastianini, Esponsorama Racing

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Articolo precedente

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Articolo successivo

Martin: "Non ha senso che io sia stato penalizzato, è ingiusto"

Martin: "Non ha senso che io sia stato penalizzato, è ingiusto"
Carica i commenti