Barcellona, Libere 3: Dovizioso beffa Lorenzo di un soffio, Marquez resta fuori dalla Q2

condividi
commenti
Barcellona, Libere 3: Dovizioso beffa Lorenzo di un soffio, Marquez resta fuori dalla Q2
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
16 giu 2018, 08:56

Il pilota della Ducati ritocca per appena 7 millesimi il crono di ieri del compagno di squadra e si porta in vetta. Marquez cade durante il "time attack" e non riesce ad entrare nella top 10 cumulativa.

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Jorge Lorenzo, Ducati Team
Vinales' on board camera
Andrea Iannone, Team Suzuki MotoGP
Cal Crutchlow, Team LCR Honda
Danilo Petrucci, Pramac Racing
Johann Zarco, Monster Yamaha Tech 3
Tito Rabat, Avintia Racing
Dani Pedrosa, Repsol Honda Team
La moto incidentata di Marc Marquez, Repsol Honda Team

Le Ducati continuano a fare la voce grossa nel weekend di Barcellona della MotoGP, ma la notizia più grossa che arriva dal terzo turno di prove libere probabilmente è l'esclusione di Marc Marquez dal gruppo dei piloti che avranno accesso diretto alla Q2 di oggi pomeriggio.

Una Q2 alla quale le due Desmosedici GP del Factory GP si presenteranno con i primi due tempi della cumulativa, con Andrea Dovizioso che proprio nel finale ha stampato il miglior tempo assoluto della due giorni, riuscendo a limare di 7 millesimi il crono di ieri di Jorge Lorenzo in 1'38"923.

Il maiorchino, che ha provato anche una diversa soluzione aerodinamica, scartandola però, non è invece riuscito a ritoccare l'1'38"930 con cui aveva comandato la giornata di venerdì. Questo crono però gli ha comunque permesso di rimanere secondo nella cumulativa.

Una cumulativa che invece appunto non comprende Marquez nella top 10: il leader del Mondiale è caduto alla curva 10 proprio mentre stava tentando il "time attack" e quindi si ritrova 11esimo ed escluso per 134 millesimi dalla Q2. A giudicare dal passo che ha mostrato tra ieri ed oggi comunque non dovrebbe avere troppi problemi a guadagnarsela in Q1.

Tornando a scorrere la classifica, in terza posizione c'è la Yamaha di Maverick Vinales, rimasta di poco sopra al muro dell'1'39", con la Suzuki di Andrea Iannone a tallonarla appena 25 millesimi più indietro, nonostante il pilota di Vasto sia tra quelli che non sono riusciti a migliorare il tempo di ieri.

Segue poi Cal Crutchlow, quinto a 118 millesimi con la Honda LCR e bravo a reagire ad una scivolata alla curva 2 avvenuta a metà turno. Alle spalle del britannico ci sono le due Yamaha di Johann Zarco e Valentino Rossi, che a loro volta sono distanziati di appena un paio di decimi dalla vetta.

Il quadro dei piloti che accedono direttamente alla Q2 ci sono anche le due Ducati di Danilo Petrucci e Tito Rabat, che occupano l'ottavo ed il decimo posto nella cumulativa, intervallate dalla Honda di Dani Pedrosa. Ma va sottolineato come i primi dieci siano tutti racchiusi nello spazio di appena 333 millesimi.

Tra quelli con cui se la dovrà vedere Marquez in Q1 c'è la Yamaha di Hafizh Syarin, autore a sorpresa di un ottimo 12esimo tempo davanti all'Aprilia di Aleix Espargaro, che quindi non è riuscito a migliorare quanto avrebbe voluto in questa FP3. Tra i piloti esclusi poi ci sono anche tutti quelli della KTM, ma anche un Alex Rins particolarmente in difficoltà con la sua Suzuki sulla pista di casa.

Continua a faticare davvero tanto anche Franco Morbidelli, che stamattina è incappato addirittura nella terza caduta del weekend alla curva 1 e quindi è rimasto nelle retrovie con la Honda della Marc VDS.

Classifica combinata

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Speed Trap
1 4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 19 1'38.923     172.024  
2 99 Spain Jorge Lorenzo Ducati 18 1'39.677 0.754 0.754 170.723  
3 25 Spain Maverick Viñales Yamaha 21 1'39.012 0.089   171.870  
4 29 Italy Andrea Iannone Suzuki 20 1'39.597 0.674 0.585 170.860  
5 35 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 15 1'39.041 0.118   171.819  
6 5 France Johann Zarco Yamaha 19 1'39.143 0.220 0.102 171.642  
7 46 Italy Valentino Rossi Yamaha 19 1'39.150 0.227 0.007 171.630  
8 9 Italy Danilo Petrucci Ducati 19 1'39.202 0.279 0.052 171.540  
9 26 Spain Daniel Pedrosa Honda 22 1'39.219 0.296 0.017 171.511  
10 53 Spain Tito Rabat Ducati 23 1'39.256 0.333 0.037 171.447  
11 93 Spain Marc Márquez Alenta Honda 18 1'39.390 0.467 0.134 171.216  
12 55 Malaysia Hafizh Syahrin Yamaha 18 1'39.528 0.605 0.138 170.979  
13 41 Spain Aleix Espargaro Aprilia 17 1'39.712 0.789 0.184 170.663  
14 19 Spain Alvaro Bautista Ducati 19 1'39.720 0.797 0.008 170.649  
15 43 Australia Jack Miller Ducati 19 1'39.816 0.893 0.096 170.485  
16 30 Japan Takaaki Nakagami Honda 22 1'39.819 0.896 0.003 170.480  
17 21 Italy Franco Morbidelli Honda 17 1'39.872 0.949 0.053 170.390  
18 44 Spain Pol Espargaro KTM 18 1'39.973 1.050 0.101 170.217  
19 36 Mika Kallio KTM 18 1'40.034 1.111 0.061 170.114  
20 42 Spain Alex Rins Suzuki 21 1'40.040 1.117 0.006 170.103  
21 38 United Kingdom Bradley Smith KTM 19 1'40.047 1.124 0.007 170.092  
22 10 Belgium Xavier Simeon Ducati 18 1'40.291 1.368 0.244 169.678  
23 45 United Kingdom Scott Redding Aprilia 19 1'40.389 1.466 0.098 169.512  
24 50 France Sylvain Guintoli Suzuki 18 1'40.615 1.692 0.226 169.131  
25 12 Switzerland Thomas Lüthi Honda 19 1'40.638 1.715 0.023 169.093  
26 17 Czech Republic Karel Abraham Ducati 16 1'40.739 1.816 0.101 168.923

 

Articolo successivo
Fotogallery: la prima giornata di prove del GP di Catalogna di MotoGP

Articolo precedente

Fotogallery: la prima giornata di prove del GP di Catalogna di MotoGP

Articolo successivo

Michele Pirro torna in pista nella SBK tricolore a 21 giorni dall'incidente del Mugello

Michele Pirro torna in pista nella SBK tricolore a 21 giorni dall'incidente del Mugello
Carica i commenti