Honda ritrova Bradl, potrà correre a Barcellona

Stefan Bradl torna in pista al Gran Premio di Catalogna, dopo aver saltato la seconda gara di Misano a causa di un problema al braccio. Il weekend di Barcellona inoltre rappresenterà l’appuntamento di casa di Alex Marquez.

Honda ritrova Bradl, potrà correre a Barcellona

In una stagione decisamente negativa per Honda, arriva una notizia confortante nella settimana dell’ottavo appuntamento stagionale. Al Gran Premio di Catalogna, HRC ritrova Stefan Bradl, costretto a saltare la seconda gara di Misano per un problema al braccio. Il team ufficiale torna così al completo e schiera due moto, la #73 di Alex Marquez e la #6 del sostituto del Campione del mondo in carica.

Inizialmente la presenza del pilota tedesco non era sicura, ma è arrivata oggi la conferma ufficiale: Bradl sarà a Barcellona, una pista dove in passato ha ottenuto dei risultati buoni. Con il team LCR infatti ha chiuso in top 5 in tre occasioni. Il pilota Honda è pronto ad affrontare il weekend di gara: “Il mio braccio va molto meglio, è stato difficile non correre a Misano, ma è stato meglio per me e per tutti. Ora, con una settimana di riposo mi sento bene e motivato a tornare. Ho ottenuto buoni risultati in passato con Honda a Barcellona, ma dobbiamo capire dove siamo quest’anno. Alex e Taka hanno svolto dei test e delle gare positivi a Misano, non vedo l’ora di aiutare loro ed il team HRC a migliorare”.

Proprio Alex Marquez arriva alla gara di casa forte del settimo posto conquistato al Gran Premio dell’Emilia Romagna della scorsa settimana. Per lo spagnolo è il miglior risultato in MotoGP ed è fiducioso dopo i test effettuati a Misano: “Arriviamo a Barcellona con positività dopo il nostro miglior risultato. Sono contento dei progressi fatti e non vedo l’ora di correre in Catalogna con Honda. Sicuramente sarà un’esperienza diversa dal normale e mi mancherà vedere tutti i fan sulle tribune, perché è sempre una sensazione speciale. Speriamo di poter regalare un bello spettacolo a tutti, così potranno godersi la gara ovunque saranno! Negli ultimi tre anni ho conquistato due vittorie ed un podio, mi piace molto la pista”.

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
1/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
2/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
3/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
4/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
5/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
6/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
7/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
8/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
9/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
10/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
11/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
12/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
13/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
14/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
15/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Stefan Bradl, Repsol Honda Team
Stefan Bradl, Repsol Honda Team
16/16

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

condividi
commenti
Ducati-Bagnaia: la fortuna di chi non ha saputo decidere
Articolo precedente

Ducati-Bagnaia: la fortuna di chi non ha saputo decidere

Articolo successivo

Ecco perché Mir può replicare il Mondiale di Robert Jr

Ecco perché Mir può replicare il Mondiale di Robert Jr
Carica i commenti