Bagnaia: "Marquez potrebbe rientrare in lotta per il titolo"

Il leader del Mondiale di MotoGP, secondo a Jerez, pensa di poter fare bene a Le Mans grazie al buon adattamento della Ducati alla pista francese. Poi non esclude ancora Marquez dalla lotta al titolo.

Bagnaia: "Marquez potrebbe rientrare in lotta per il titolo"

Per Francesco Bagnaia e la Ducati l'inizio del Motomondiale 2021 non avrebbe potuto scattare in maniera migliore. Sebbene il piemontese non abbia ancora vinto una gara nel corso di questa stagione, dopo il secondo posto ottenuto a Jerez de la Frontera è diventato per la prima volta in carriera il leader del Mondiale di MotoGP.

Ora i protagonisti della classe regina del Motomondiale approdano al Bugatti Circuit di Le Mans per disputare il Gran Premio di Francia. Storicamente la pista transalpina è sempre stata teatro di prestazioni importanti da parte delle Rosse, e questo Bagnaia lo sa.

"Sono leader da soli 10 giorni, è bello e piacevole, ma abbiamo fatto solo 4 gare ed è troppo presto per pensarci. prendiamo gara per gara. Qui ho fatto 3 podi, ho vinto in Moto2, ho fatto podio in Moto3 ed è una pista che si adatta bene alla Ducati. Il meteo? Dovremo vedere. Potrebbe piovere, vedremo. Lo scorso anno ho fatto fatica nella seconda parte di gara a causa di una rimonta. Sono contento perché la Ducati va bene sulla pioggia, ma le gomme saranno difficili da gestire".

"E' molto difficile prevedere l'esito di una corsa sul bagnato. Dovremo vedere se saremo competitivi come a Jerez, ma la Ducati può adattarsi bene a tutte le piste che ci attendono. Ora si adatta bene a tutte le piste, è una moto molto forte".

Marc Marquez è rientrato a correre in MotoGP dopo 9 mesi e tre operazioni al braccio dovute alla frattura procurata in una tremenda caduta nel primo appuntamento del Motomondiale 2020. Il talento della Honda è rientrato a Portimao, ma è ancora ben lontano dagli standard che aveva offerto prima del GP di Spagna del 2020. Eppure Bagnaia non si sente di escludere il catalano dalla lotta al titolo 2021.

"Difficile da dire se Marquez sia fuori dalla lotta per il campionato. Per me non è semplice tornare dopo 9 mesi e tornare. Nei test di questa stagione, dopo 3 mesi di attesa, ho avuto sensazioni strane, le peggiori in sella a una moto. Lui torna dopo 9 mesi e diverse operazioni. A Portimao ha fatto bene, ha faticato a Jerez, ma se a Le Mans dovesse piovere potrebbe sentirsi meglio. Lui è ancora forte e se riuscisse a stare meglio, potrebbe rientrare nella lotta per il titolo".

Le Mans, come detto, sarà una pista dove le Ducati potrebbero concedere il bis dopo la strepitosa doppietta arrivata all'Angel Nieto di Jerez appena 2 settimane fa. Bagnaia ha spiegato i motivi che potrebbero portare le Rosse ancora sul podio.

"Le Mans non è una pista stop and go. Ci sono curve lunghe. Non si raggiunge velocità molto alte. In questa pista si può usare l'holeshot solo in uscita di alcune curve. Noi però abbiamo una buona frenata, una buona stabilità e questo ci può aiutare più dell'accelerazione della nostra moto".

Bagnaia, già a Jerez, ha lavorato a lungo sulle partenze. Oggi, nel corso della conferenza stampa piloti del giovedì a Le Mans, ha spiegato il perché: "Il nostro sistema di partenza funziona bene, ma devo ancora migliorare. Dobbiamo lavorare anche sulle gomme. Sto lavorando su questo. A Jerez ho provato qualcosa di differente per cercare di far funzionare meglio il sistema di partenza".

Per concludere, l'ex pilota del team Pramac ha sottolineato come 10 anni fa lui e Jack Miller - oggi compagni di squadra in Ducati - riuscirono a salire sul podio a Jerez quando ancora correvano entrambi nel campionato spagnolo.

"10 anni fa non pensavamo di trovarci qui e salire sul podio correndo per la Ducati ufficiale. Ricordo quella gara, fu un gran momento. E Jack era con me sul podio. Era già alto come ora, io invece gli arrivato alla spalla. Ero proprio un bambino. Ora siamo in un team ufficiale, quello Ducati, ed è proprio una gran bella storia".

condividi
commenti
Morbidelli: “Il contratto Petronas parla di moto ufficiale nel 2022”

Articolo precedente

Morbidelli: “Il contratto Petronas parla di moto ufficiale nel 2022”

Articolo successivo

Rossi: "Schwantz vede ancora forza in me: lo dimostrerò"

Rossi: "Schwantz vede ancora forza in me: lo dimostrerò"
Carica i commenti