Bagnaia incredulo: "Non mi aspettavo di essere a meno di un secondo al primo test"

condividi
commenti
Bagnaia incredulo:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
21 nov 2018, 18:29

Il campione del mondo della Moto2 è stato una delle note liete dei test di Valencia, riuscendo subito a portare la sua Ducati del Pramac Racing a soli sei decimi dalla vetta, senza commettere la minima sbavatura.

Francesco Bagnaia, Alma Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Alma Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Alma Pramac Racing
Francesco Bagnaia, Pramac Racing
Johann Zarco, Red Bull KTM Factory Racing, Francesco Bagnaia, Alma Pramac Racing

Pecco Bagnaia è stato sicuramente una delle note liete dei test collettivi della MotoGP a Valencia. Arrivando da campione del mondo della Moto2 aveva sicuramente tanti occhi puntati addosso, ma lui stesso ha ammesso che neppure lui avrebbe pensato che questi due giorni in sella alla Ducati del Pramac Racing potessero andare così bene.

Per prima cosa, il pilota piemontese non ha commesso la minima sbavatura, ma soprattutto è stato molto veloce, chiudendo con l'11esimo tempo ad appena sei decimi dalla miglior prestazione di Maverick Vinales. Davvero non male per un esordiente.

"Sicuramente non mi sarei aspettato di essere sotto al secondo di distacco al primo test. Ieri sono stato a nove decimi ed oggi a sei. La cosa che mi piace molto è il feeling che riesco ad avere con la moto, perché non trovo punti a sfavore rispetto alla Moto2. Mi sembra tutto molto meglio" ha detto a caldo Pecco.

Leggi anche:

Poi è entrato un po' più nello specifico del programma di lavoro che ha completato nella seconda giornata: "Oggi abbiamo lavorato molto sul discorso di staccare, fermarla in staccata e farla girare. Abbiamo trovato delle cose positive e sono molto contento. Abbiamo provato anche a fare un 'time attack', che è una cosa molto diversa dalla Moto2 e non mi è venuto neanche malissimo, quindi sono contento. Bisognerà ancora imparare ancora tantissime cose, però al momento sono davvero soddisfatto sia per la squadra che per la moto. Abbiamo già trovato una strada da seguire, ma a Jerez proveremo a ripartire da zero per rifare uno step".   

Verso la fine della giornata c'è stato anche un piccolo brivido, perché ha leggermente perso il posteriore in staccata alla curva 2, ma anche in questo caso se l'è cavata molto bene: "Mi si è messa un po' di traverso, perché devo ancora imparare a gestire bene i freni. Mi è partita un po' dietro, ma è bello che quando ritorna giù comunque è già lì e non sei in ritardo su ogni cosa". 

Leggi anche:

Oggi ha anche trovato Jorge Lorenzo sulla sua strada e lo ha osservato un po' da dietro prima di superarlo: "E' un qualcosa di incredibile. Essere dietro ad un pilota come Jorge Lorenzo fa effetto. Non ho ho capito chi fosse, pensavo fosse Oliveira. Quando poi ho visto che era Jorge e come guidava, mi ha lasciato un po' a bocca aperta, perché comunque è come se avessi trovato anche Valentino, Marquez o Dovizioso. E' sempre bello vedere un pilota così da vicino".

Quando poi gli è stato fatto notare che è stato molto prudente nel superarlo, ha aggiunto: "Non potevo arrivare subito e passarlo. Poi devo ancora prendere le misure, perché è una moto completamente diversa dalla Moto2, soprattutto per quanto riguarda il punto d'attacco, e in staccata è difficile. Devo ancora prendere le misure per pensare di fare un sorpasso aggressivo". 

 
Articolo successivo
Morbidelli: "Anche oggi la Yamaha mi ha dato buone sensazioni, soprattutto nel time attack!"

Articolo precedente

Morbidelli: "Anche oggi la Yamaha mi ha dato buone sensazioni, soprattutto nel time attack!"

Articolo successivo

Vinales: "Non ho ancora deciso quale motore scegliere, ma devo essere veloce in curva"

Vinales: "Non ho ancora deciso quale motore scegliere, ma devo essere veloce in curva"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento Test di novembre a Valencia
Sotto-evento Mercoledì
Location Valencia
Piloti Francesco Bagnaia
Team Pramac Racing
Autore Matteo Nugnes