Bagnaia: "Il terzo posto il miglior risultato possibile"

Il pilota della Ducati ha vissuto un GP dai due volti. In crisi all'inizio per mancanza di grip, Pecco è riuscito a rimontare nel finale sino a chiudere sul terzo gradino del podio.

Bagnaia: "Il terzo posto il miglior risultato possibile"

Dopo aver illuso tutti ieri con una pole sensazionale ed inaspettata è arrivata oggi la doccia gelata per Pecco Bagnaia. Il pilota della Ducati è riuscito a mettere una pezza ad una gara diventata subito complicata ed ha concluso sul terzo gradino del podio dopo una grande rimonta messa in mostra nel finale.

Dopo due vittorie consecutive, Bagnaiai si è dovuto accontentare di un piazzamento alle spalle di Marquez e Quartararo e proprio il secondo posto del francese consente al pilota della Yamaha di potersi giocare il primo match point iridato tra tre settimane a Misano.

Pecco, a fine gara, ha spiegato i problemi che l’hanno rallentato nelle battute iniziali ma ha sottolineato come abbia avuto la pazienza necessaria per entrare in confidenza con la sua Ducati e risalire dalla sesta alla terza piazza.

 “Sono partito abbastanza bene, ma Marc è stato fortissimo al via. Io non ho provato una staccata esagerata anche perché non avevo lo stesso grip di ieri. Ho aspettato che la gomma iniziasse a funzionare e quando è entrata nella corretta finestra ho aspettato che calasse il ritmo degli altri. Era davvero facile arrivare a fine gara senza gomma posteriore ed ho anche finito l’anteriore”.

“Sia Marc che Fabio mi hanno detto che la loro gomma ha offerto grip sin da subito come capitato a me a Misano, mentre con la mia faticavo soprattutto nelle curve a destra. Sono cose che possono capitare, ma dobbiamo capire perché”.

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Francesco Bagnaia, Ducati Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

Oltre al poco grip iniziale, Pecco ha anche lamentato una difficoltà fisica nell’affrontare i 20 giri in programma. Affrontare il primo settore ricco di curve e controcurve si è rivelato più complicato del previsto a causa della scarsa agilità della Ducati.

“Le condizioni di oggi sono state le più estreme del weekend. È stata dura, ma il terzo posto era il miglior risultato possibile. Fabio è stato fortissimo, mentr Marc è stato intoccabile. Noi più di così non potevamo fare e dobbiamo essere contenti del risultato”.

Leggi anche:

“Era veramente difficile guidare perché la pista era fisicamente devastante. La nostra moto, soprattutto nel primo settore, era veramente impegnativa. Quando superavo le prime curve tiravo un sospiro di sollievo. Fare i cambi di direzione era molto pesante, ma stiamo lavorando su questo aspetto”.

Ovviamente Bagnaia ha guardato anche alla classifica mondiale che vede adesso Quartararo in vantaggio di 52 punti. Il pilota della Ducati è consapevole che le speranze di titolo sono ridotte al lumicino, ma non è apparso particolarmente demoralizzato.

 “Purtroppo ho perso molti punti in campionato ed adesso è davvero dura, ma non mi sento giù di morale. Questo weekend non è stato facile per noi e la nostra moto era in crisi negli avvallamenti a differenza della Honda. È un aspetto sul quale stiamo lavorando”.

Pecco ha poi voluto sottolineare come abbia preferito non spruzzare lo champagne sul podio in rispetto della famiglia di Dean Berta Vinales scomparso la scorsa settimana.

“Mi sembrava rispettoso nei confronti della famiglia di Vinales non festeggiare con la champagne. Credo sia stato corretto così”.

condividi
commenti
MotoGP: Marquez è ancora lo "sceriffo" di Austin, Bagnaia terzo

Articolo precedente

MotoGP: Marquez è ancora lo "sceriffo" di Austin, Bagnaia terzo

Articolo successivo

Quartararo: "Un secondo posto posto più bello di una vittoria"

Quartararo: "Un secondo posto posto più bello di una vittoria"
Carica i commenti