Assen, Libere 1: Marquez precede le due Yamaha di Vinales e Rossi, cade Lorenzo

condividi
commenti
Assen, Libere 1: Marquez precede le due Yamaha di Vinales e Rossi, cade Lorenzo
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
29 giu 2018, 08:56

Il pilota della Honda è subito il più veloce, ma le M1 si mostrano competitive in Olanda. Dovizioso è quinto dietro a Miller, mentre Jorge scivola alla curva 9 e chiude settimo alle spalle di Iannone.

Marc Marquez è stato il più veloce nella prima sessione di prove libere del GP d'Olanda di MotoGP, ma la notizia interessante di questa FP1 è che le Yamaha sembrano poter dire la loro ad Assen, proprio dove un anno fa è arrivata l'ultima vittoria iridata di una M1.

Il pilota della Honda ha messo tutti in fila con un crono di 1'34"227, ma nella sua scia ci sono proprio le due moto del Team Movistar, con Maverick Vinales secondo con un ritardo di 177 millesimi e Valentino Rossi terzo a 286 millesimi. Le novità dei test di Barcellona, dunque, non hanno portato grossi passi avanti, ma le M1 viste nel weekend del GP di Catalogna sembrano per il momento bastare per fare bene in Olanda.

In quarta posizione c'è la prima delle Ducati, che a sorpresa è la "vecchia" GP17 di Jack Miller, con l'australiano che ha chiuso a poco più di tre decimi, precedendo quella ufficiale di Andrea Dovizioso, che invece di decimi ne ha pagati poco più di quattro. Tra le altre cose, va sottolineato che questa volta il forlivese ha cominciato subito il weekend con la carena da alto carico.

Questa non è stata comunque la sola novità nel box della Casa di Borgo Panigale, perché si è visto un telaio con un rinforzo in carbonio nella zona vicina alla sella, che in teoria avrebbe dovuto debuttare con Michele Pirro al Mugello, cosa che però non è stata possibile a causa della brutta caduta del collaudatore.

In sesta posizione c'è Andrea Iannone, che a sua volta per questo fine settimana ha deciso di puntare sul telaio con il rinforzo in carbonio della Suzuki che ha promosso nei test di Barcellona. Il pilota di Vasto ha chiuso a 457 millesimi dalla vetta, precedendo un Jorge Lorenzo stavolta partito un po' più a rilento ed anche incappato in una scivolata d'anteriore alla curva 9 nel finale.

Sicuramente si merita un bravo Franco Morbidelli, che è stato capace di piazzare addirittura in ottava posizione la sua Honda della Marc VDS, proprio davanti a quella con i colori LCR di Cal Crutchlow, ma anche alla RC213V ufficiale di Dani Pedrosa, che invece si è dovuto accontentare della 14esima posizione, subito dietro di un altrettanto deludente Johann Zarco con la Yamaha Tech 3.

La top 10 si completa con Danilo Petrucci, arrivato ad Assen non al 100% a causa di un mignolo del piede fratturato nella caduta dei test di Barcellona. Il portacolori del Pramac Racing comunque ha assicurato che la cosa per il momento non gli sta creando troppi problemi.

Discreta la prestazione delle altre due GP17 di Alvaro Bautista e Tito Rabat, che sono subito fuori dalla top 10, mentre la seconda Suzuki di Alex Rins è solamente in 15esima piazza, giusto davanti alla KTM di Bradley Smith, autore anche di un'escursione fuori pista senza conseguenze, ed all'Aprilia di Aleix Espargaro. Va detto comunque che sono ben 14 i piloti racchiusi nello spazio di meno di un secondo.

Cla # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Speed Trap
1 93 Spain Marc Márquez Alenta Honda 21 1'34.227     173.529 312
2 25 Spain Maverick Viñales Yamaha 19 1'34.404 0.177 0.177 173.204 314
3 46 Italy Valentino Rossi Yamaha 20 1'34.513 0.286 0.109 173.004 306
4 43 Australia Jack Miller Ducati 20 1'34.548 0.321 0.035 172.940 307
5 4 Italy Andrea Dovizioso Ducati 19 1'34.637 0.410 0.089 172.778 315
6 29 Italy Andrea Iannone Suzuki 21 1'34.684 0.457 0.047 172.692 307
7 99 Spain Jorge Lorenzo Ducati 16 1'34.811 0.584 0.127 172.461 311
8 21 Italy Franco Morbidelli Honda 20 1'34.820 0.593 0.009 172.444 307
9 35 United Kingdom Cal Crutchlow Honda 19 1'34.898 0.671 0.078 172.302 313
10 9 Italy Danilo Petrucci Ducati 18 1'35.037 0.810 0.139 172.050 310
11 19 Spain Alvaro Bautista Ducati 16 1'35.096 0.869 0.059 171.944 316
12 53 Spain Tito Rabat Ducati 21 1'35.102 0.875 0.006 171.933 306
13 5 France Johann Zarco Yamaha 19 1'35.146 0.919 0.044 171.853 309
14 26 Spain Daniel Pedrosa Honda 19 1'35.182 0.955 0.036 171.788 311
15 42 Spain Alex Rins Suzuki 21 1'35.245 1.018 0.063 171.675 308
16 38 United Kingdom Bradley Smith KTM 17 1'35.271 1.044 0.026 171.628 307
17 41 Spain Aleix Espargaro Aprilia 17 1'35.289 1.062 0.018 171.595 307
18 44 Spain Pol Espargaro KTM 19 1'35.376 1.149 0.087 171.439 312
19 17 Czech Republic Karel Abraham Ducati 18 1'35.669 1.442 0.293 170.914 310
20 55 Malaysia Hafizh Syahrin Yamaha 20 1'35.838 1.611 0.169 170.612 309
21 45 United Kingdom Scott Redding Aprilia 20 1'35.935 1.708 0.097 170.440 306
22 30 Japan Takaaki Nakagami Honda 20 1'35.955 1.728 0.020 170.404 307
23 12 Switzerland Thomas Lüthi Honda 19 1'36.471 2.244 0.516 169.493 304
24 10 Belgium Xavier Simeon Ducati 19 1'36.955 2.728 0.484 168.647 307

 

Articolo successivo
Valentino: "Come al solito la Yamaha va piano con gli sviluppi, bisogna avere un po' di pazienza"

Articolo precedente

Valentino: "Come al solito la Yamaha va piano con gli sviluppi, bisogna avere un po' di pazienza"

Articolo successivo

Jorge Lorenzo conferma che Gabarrini non lo seguirà in Honda l'anno prossimo

Jorge Lorenzo conferma che Gabarrini non lo seguirà in Honda l'anno prossimo
Carica i commenti