MotoGP
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
5 giorni
G
GP di Andalusia
24 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
12 giorni
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
25 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
32 giorni
G
GP di Stiria
21 ago
-
23 ago
Prossimo evento tra
40 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
60 giorni
G
GP dell'Emilia Romagna
18 set
-
20 set
Prossimo evento tra
68 giorni
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
75 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Canceled
09 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
89 giorni
G
GP di Aragon
16 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
96 giorni
G
GP di Teruel
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
103 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Canceled
G
GP d'Europa
06 nov
-
08 nov
Prossimo evento tra
117 giorni
G
GP di Valencia
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
124 giorni
20 nov
-
22 nov
Canceled

Anche la KTM porta in pista una nuova carena in Thailandia

condividi
commenti
Anche la KTM porta in pista una nuova carena in Thailandia
Di:
18 feb 2018, 08:19

La Casa austriaca ha modificato leggermente i concetti introdotti da Ducati e Suzuki, applicando un profilo in carbonio nella parte inferiore del cupolino "schiacciato" che ha utilizzato nella seconda parte del 2017.

La battaglia agli "armamenti" aerodinamici prosegue senza esclusione di colpi nei test collettivi della MotoGP sul tracciato thailandese di Buriram.

Se nei giorni scorsi era toccato a Ducati e Suzuki portare al debutto delle nuove carene pensate per aumentare la downforce, l'ultima ad iscriversi al club è stata la KTM, che ha introdotto un concetto leggermente diverso rispetto alla concorrenza.

Nella passata stagione, la Casa austriaca aveva schiacciato il cupolino ai lato della presa d'aria dell'airbox, dando in un certo senso una forma alare ai bordi. Ripartendo da questo, ha applicato un profilo in carbonio subito sotto al cupolino.

Red Bull KTM Factory Racing, dettaglio della caarena
Red Bull KTM Factory Racing, dettaglio della caarena

Photo by: KTM

Inoltre, se sulle moto della concorrenza tendono a scendere lungo i fianchi della moto (salvo per le versioni più "light" mostrate da Ducati e Suzuki), in questo casol'impatto è limitato alla zona del cupolino. Successivamente però ha montato anche una seconda versione, che prevede anche una seconda parte montata più in basso, ai lati della carena che copre il motore. (che potete vedere nel tweet qui sotto).

 

In attesa dei primi riscontri da parte di Bradley Smith e di Mika Kallio (Pol Espargaro è assente per infortunio), eccovi intanto le prime immagini di questa nuova soluzione.

Articolo successivo
Test Buriram, Giorno 3, Ore 14: brilla Zarco, faticano Rossi e Lorenzo

Articolo precedente

Test Buriram, Giorno 3, Ore 14: brilla Zarco, faticano Rossi e Lorenzo

Articolo successivo

Vinales, allarme Yamaha: "Proviamo di tutto e non funziona niente!"

Vinales, allarme Yamaha: "Proviamo di tutto e non funziona niente!"
Carica i commenti