MotoGP
28 mar
Prove Libere 1 in
17 giorni
G
GP di Doha
02 apr
Prossimo evento tra
23 giorni
G
GP d'Argentina
08 apr
Postponed
G
GP delle Americhe
15 apr
Postponed
G
GP del Portogallo
16 apr
Prossimo evento tra
37 giorni
G
GP di Spagna
29 apr
Prossimo evento tra
50 giorni
G
GP di Francia
13 mag
Prossimo evento tra
64 giorni
G
GP d'Italia
27 mag
Prossimo evento tra
78 giorni
G
GP della Catalogna
03 giu
Prossimo evento tra
85 giorni
G
GP di Germania
17 giu
Prossimo evento tra
99 giorni
G
GP d'Olanda
24 giu
Prossimo evento tra
106 giorni
G
GP di Finlandia
08 lug
Prossimo evento tra
120 giorni
G
GP d'Austria
12 ago
Prossimo evento tra
155 giorni
G
GP di Gran Bretagna
26 ago
Prossimo evento tra
169 giorni
G
GP di Aragon
09 set
Prossimo evento tra
183 giorni
G
GP di San Marino
16 set
Prossimo evento tra
190 giorni
G
GP del Giappone
30 set
Prossimo evento tra
204 giorni
G
GP d'Australia
21 ott
Prossimo evento tra
225 giorni
G
GP di Malesia
28 ott
Prossimo evento tra
232 giorni
G
GP di Valencia
11 nov
Prossimo evento tra
246 giorni

Alex Marquez: "Non ero pronto quando Marc si è infortunato"

Nella sua seconda stagione in MotoGP, il più giovane dei fratelli Marquez si è posto l'obiettivo di proseguire con la progressione che ha mostrato nella seconda parte del primo anno.

Alex Marquez: "Non ero pronto quando Marc si è infortunato"

Due podi consecutivi, in Francia e ad Aragon (soprattutto il secondo, perché arrivato sull'asciutto), dimostrano che lo spagnolo è destinato a diventare uno dei protagonisti principali anche in MotoGP prima o poi.

Dopo una prima stagione che è stata distorta sia dall'impatto della pandemia del Coronavirus che dall'infortunio di suo fratello Marc, uomo di punta della Honda, il #73 sarà al via con il team con cui avrebbe dovuto debuttare nel 2020. Cosa che invece ha fatto con il team Repsol Honda a causa di varie incompatibilità che ora sono state risolte con la partenza di Cal Crutchlow.

Anche se Alex ha diviso il box con suo fratello solo nella prima gara, la tranquillità che avrà in LCR gli permetterà di costruire quella costanza che ha fissato come obiettivo prioritario in vista della stagione che inizierà il 28 marzo in Qatar.

"L'obiettivo non è il risultato, ma continuare con la tendenza della seconda metà della scorsa stagione. Per me il 2020 non è stato facile. Ci sono stati dei momenti complicati, soprattutto perché l'infortunio di Marc ha fatto sì che in certi momenti Taka (Nakagami) ed io dovessi portare tutto il peso dello sviluppo. Non ero pronto per questo", ha ammesso il nuovo pilota della Honda LCR, nel giorno in cui sono stati svelati i nuovi colori della sua moto.

Leggi anche:

Uno degli aspetti che il catalano spera di migliorare rispetto alla scorsa stagione è la prestazione in qualifica, un elemento chiave in MotoGP, soprattutto data la quantità di tempo che si può perdere nei primi giri. La sua miglior posizione in griglia è stato il decimo posto nel Gran Premio di Teruel, ad Aragon, dove una settimana prima era salito sul podio.

"Questo è il mio secondo anno e so che devo migliorare. L'aspetto principale è la qualifica, perché la regolarità dipende da questo. La domenica ho sempre un buon ritmo, ma partire da dietro mi penalizza molto", ha detto Marquez, che durante l'inverno ha lavorato molto duratemente su questo aspetto: "Mi sono allenato molto con le moto da flat track, per essere più aggressivo nei primi giri. Se parti dietro, puoi perdere anche quattro secondi al primo giro, ed è quasi impossibile recuperarli dopo".

Riguardo alla RC213V, ha spiegato che il congelamento del motore ha lasciato poco spazio all'evoluzione. "La Honda ha modificato piccole cose, perché il motore è congelato. La moto sarà un'evoluzione di quella che abbiamo usato nella seconda metà della scorsa stagione", ha detto il pilota di Cervera, che si è tolto un peso unendosi al team LCR, una squadra meno sotto ai riflettori rispetto a quella ufficiale.

"Il vantaggio principale di essere in questa squadra è quello di poter lavorare in 'background', in un ambiente in cui c'è meno pressione. Ha più tranquillità e il gruppo di lavoro è più piccolo, più familiare, e questo è un bene", ha concluso Alex.

La moto de Álex Marquez, Team LCR Honda

La moto de Álex Marquez, Team LCR Honda
1/15

Foto di: Team LCR

Alex Márquez, Team LCR Honda

Alex Márquez, Team LCR Honda
2/15

Foto di: Team LCR

Alex Márquez, Team LCR Honda

Alex Márquez, Team LCR Honda
3/15

Foto di: Team LCR

Alex Márquez, Team LCR Honda

Alex Márquez, Team LCR Honda
4/15

Foto di: Team LCR

Alex Márquez, Team LCR Honda

Alex Márquez, Team LCR Honda
5/15

Foto di: Team LCR

Alex Márquez, Team LCR Honda

Alex Márquez, Team LCR Honda
6/15

Foto di: Team LCR

Alex Márquez, Team LCR Honda

Alex Márquez, Team LCR Honda
7/15

Foto di: Team LCR

Alex Márquez, Team LCR Honda

Alex Márquez, Team LCR Honda
8/15

Foto di: Team LCR

Alex Márquez, Team LCR Honda

Alex Márquez, Team LCR Honda
9/15

Foto di: Team LCR

La moto de Álex Marquez, Team LCR Honda

La moto de Álex Marquez, Team LCR Honda
10/15

Foto di: Team LCR

Alex Marquez, Lucio Cecchinello, Team LCR Honda

Alex Marquez, Lucio Cecchinello, Team LCR Honda
11/15

Foto di: Team LCR

Alex Marquez, LCR Honda

Alex Marquez, LCR Honda
12/15

Foto di: Team LCR

Alex Marquez, LCR Honda

Alex Marquez, LCR Honda
13/15

Foto di: Team LCR

Alex Marquez, Team LCR Honda

Alex Marquez, Team LCR Honda
14/15

Foto di: Team LCR

Alex Márquez

Alex Márquez
15/15
condividi
commenti
La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales

Articolo precedente

La nuova era Yamaha in MotoGP può "liberare" Vinales

Articolo successivo

Petronas e Suzuki svelano le date di presentazioni delle moto

Petronas e Suzuki svelano le date di presentazioni delle moto
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie MotoGP
Evento Presentazione LCR Honda
Piloti Alex Marquez
Team Team LCR
Autore Oriol Puigdemont