MotoGP
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
14 mag
-
17 mag
Evento concluso
28 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
1 giorno
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
8 giorni
18 giu
-
21 giu
Canceled
25 giu
-
28 giu
Canceled
09 lug
-
12 lug
Canceled
G
GP della Repubblica Ceca
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
71 giorni
G
GP d'Austria
13 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
78 giorni
G
GP di Gran Bretagna
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
92 giorni
G
GP di San Marino
10 set
-
13 set
Prossimo evento tra
106 giorni
G
GP di Aragon
25 set
-
27 set
Prossimo evento tra
121 giorni
G
GP di Thailandia
02 ott
-
04 ott
Prossimo evento tra
128 giorni
15 ott
-
18 ott
Prossimo evento tra
141 giorni
23 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
149 giorni
G
GP della Malesia
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
155 giorni
13 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
170 giorni
20 nov
-
22 nov
Prossimo evento tra
177 giorni
G
GP di Valencia
27 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
184 giorni

Agostini: "Vale ha vinto per 20 anni, ma ora si parla di Marquez"

condividi
commenti
Agostini: "Vale ha vinto per 20 anni, ma ora si parla di Marquez"
Di:
22 lug 2019, 09:12

Nell'intervista al Corriere della Sera il campione del mondo 15 volte ricorda il suo ritiro: "Ho pianto per due giorni. Mi svegliavo di notte, sudato. Mi sognavo di correre ancora, ma era giunto il mio tempo". Rossi? "Nessuno ha il diritto di dirgli cosa deve fare, solo lui sa...".

“Tutti gli sportivi lo sanno. Il momento di ritirarsi arriva per tutti”. Giacomo Agostini, 15 titoli mondiali ne ha parlato con Paolo Lorenzi sulle colonne del Corriere della Sera.

L’intervista di Motorsport.com a Lin Jarvis, managing director della Yamaha, ha lasciato il segno: “La Yamaha e la MotoGP sono pronti per il ritiro di Rossi. Lui non rappresenta più il nostro futuro”.

Leggi anche:

Valentino Rossi è in vacanza e tace. Papà Graziano ha preso ieri la parola sulla Gazzetta Sportiva, ma contava più quello che non ha detto di quello che ha dichiarato. E ora il tema scottante lo tocca Agostini…
“Io ho pianto per due giorni. Mi svegliavo di notte, sudato. Mi sognavo di correre ancora, ma dentro di me sapevo di aver compiuto il passo giusto. Come l’ho capito? Quando certi risultati non erano più raggiungibili. Potevo vincere ancora, ma sapevo che qualcosa ormai era cambiato”.

 


Sarà così anche per il Dottore?
“Non posso dirlo io. Valentino è ancora capace di ottime prestazioni. Nessuno ha il diritto di dirgli cosa deve fare. Ma nessuno meglio di lui può analizzare la situazione che sta vivendo. Quando lottavo per il secondo o terzo posto e la vittoria sfuggiva, ho capito da solo che stava arrivando il giorno della resa”.

La MotoGP avrà dei contraccolpi dall’eventuale stop di Valentino?
“All’inizio ne risentiremo. È stato così anche per Muhammad Ali, per Maradona, per Eddy Merckx. Tutti loro hanno lasciato un vuoto perché il grande pubblico ama chi dura nel tempo e ogni volta accetta il confronto, sapendo di poterlo vincere ancora. Rossi ha vinto per oltre vent’anni, ma all’estero si parla sempre più di Marquez. Perché il destino dei grandi è di essere battuti. Prima o poi arriva qualcuno più bravo di te”.

 

Articolo successivo
Voci di ritiro? Graziano Rossi: "A Vale non gliene frega un accidente"

Articolo precedente

Voci di ritiro? Graziano Rossi: "A Vale non gliene frega un accidente"

Articolo successivo

MotoGP: Lorenzo salterà anche i GP di Repubblica Ceca e Austria

MotoGP: Lorenzo salterà anche i GP di Repubblica Ceca e Austria
Carica i commenti