Agostini: "Le moto sono troppo importanti e veloci in MotoGP"

La tecnologia delle MotoGP è diventata sempre più importante negli ultimi anni. Questo fa sì che i record vengano battuti con regolarità, ma non è necessariamente una cosa migliore per lo spettacolo. I piloti dovrebbero tornare ad avere più importanza: è questo il pensiero della leggenda Giacomo Agostini in una conversazione con Motorsport.com.

Agostini: "Le moto sono troppo importanti e veloci in MotoGP"

Negli ultimi anni la MotoGP ha subito una curiosa evoluzione. Con la stabilità dei regolamenti, le moto sono diventate sempre più competitive. Questo si traduce in gap molto più ridotti, ma anche in un numero sempre maggiore di piloti in grado di vincere. Per esempio, Enea Bastianini ha battuto il pilota ufficiale Ducati Francesco Bagnaia proprio lo scorso fine settimana, pur guidando una moto di un anno più vecchia.

Secondo la leggenda Giacomo Agostini, nella MotoGP manca un punto di riferimento. "Non credo che ci sia qualcosa di sbagliato con lo spettacolo, ma il pubblico ha bisogno di un punto di riferimento", ha detto Agostini in una conversazione con Motorsport.com durante il Classic GP di Assen.

"Bagnaia vince, Bastianini vince, un esordiente può vincere. Ci sono diversi piloti che possono vincere, ma anche essere decimi la gara successiva. Allora la gente si chiede chi sia davvero bravo. È troppo casuale. Ma le battaglie non sono sbagliate. Oggi abbiamo sicuramente molta tecnologia, tutti hanno accesso allo stesso materiale. Non credo che ci siano 23 Maradona, 23 Verstappen o 23 Muhammed Ali sulla griglia di partenza. Si vede che tutti sono nello spazio di un secondo, il che è pazzesco".

Il pilota fa sempre meno la differenza, osserva Agostini. "Poiché c'è molta tecnologia, la moto diventa molto importante. Se manca un piccolo dettaglio nella moto, puoi essere un grande campione ma non funzionerà. Per gli altri è sempre più facile starti davanti. Ai miei tempi, il movimento del polso era molto importante, era il pilota a comandare. Ora l'elettronica prende il sopravvento immediatamente e non dipende più dal pilota. Abbiamo anche visto che si è lavorato a lungo per ottenere sempre più potenza".

Inoltre, la sicurezza delle piste è messa in discussione dall'aumento delle velocità. Il Red Bull Ring in Austria, ad esempio, è già stato modificato dopo un grave incidente che ha coinvolto Johann Zarco e Franco Morbidelli nel 2020. "Modifichiamo i motori: abbiamo 290 CV ma poi mettiamo una chicane in pista per togliere la velocità. Allora perché investiamo un sacco di soldi per trovare più potenza e velocità e poi mettiamo una chicane? Su alcuni circuiti, le MotoGP non arrivano nemmeno alla sesta marcia. Molti circuiti sono ancora uguali a quelli dei miei tempi. C'è solo più sicurezza, più vie di fuga. Ma la pista e il carattere sono sempre gli stessi. Prima era molto bella. È un problema difficile da gestire".

La soluzione è semplice, secondo Agostini. "Dobbiamo dare ai piloti più potere. Lo spettacolo non è necessariamente bello perché il motore ha 300 CV. Ai miei tempi non avevamo 300 CV, ma lo spettacolo era buono. Valentino Rossi non aveva moto così potenti nella sua carriera, ma faceva spettacolo. E' una questione di persone, non di una moto così veloce. Che tu faccia giri da 2'05" o da 2'10", non importa. Volete vedere un duello. Le 200.000 persone sugli spalti non sono sedute con il cronometro".

"È importante vedere il duello, altrimenti i piloti non possono dare spettacolo. Se riduciamo un po' la potenza, anche le moto diventano meno pericolose. I piloti devono frenare abbastanza forte per rallentare una moto di 160 chilogrammi da 300 chilometri all'ora ad una velocità normale. Ma in caso di incidente, la moto sfreccia come un proiettile. È molto pericoloso. Se si riduce la potenza, si aumenta la sicurezza e lo pneumatico rimane migliore. Chi vince allora? Il pilota migliore. È questo che vogliamo".

Jack Miller, Ducati Team

Jack Miller, Ducati Team

Photo by: Dorna

Le Sprint Race saranno stressanti per meccanici e team

Dopo il ritiro di Valentino Rossi, l'organizzazione della MotoGP deve fare i conti con un calo di ascolti e di interesse. Nelle scorse settimane è stato annunciato che dalla prossima stagione si terrà una gara sprint il sabato pomeriggio in ogni weekend di gara. Agostini non pensa che queste siano necessariamente un male per la MotoGP, ma pensa che le altre classi ne usciranno schiacciate.

"Non lo so", ha detto Agostini con un sospiro, rispondendo alla domanda sull'introduzione delle gare sprint. "Forse potrebbe diventare come la Formula 1, ma abbiamo già tre classi con la Moto3 e la Moto2. Sono tante. Ai miei tempi, ho corso diversi GP sia nella 350cc e nella 500cc. Ma si trattava solo di piloti che facevano più gare. Ora è la stessa moto che deve essere preparata per entrambe le gare, sabato e domenica".

Avendolo già provato sulla sua pelle, sul raddoppio delle gare ha aggiunto: "Si trattava di un massimo di 24 gare all'anno. Ora ce ne sono 42, che sono davvero tante. Non solo per i piloti, ma soprattutto per i team e i meccanici. Dobbiamo vedere cosa ci porterà, forse sarà positivo".

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Photo by: Dorna

La MotoGP ha bisogno di nuovo di un Verstappen o un Maradona

Prima di essere presente ad Assen, Agostini è stato ospite d'onore a Monza il fine settimana precedente, dove ha potuto sventolare la bandiera a scacchi al termine del Gran Premio d'Italia di Formula 1. La classe regina del motorsport ha in campo alcune vere e proprie vedette. Si pensi a Fernando Alonso, Lewis Hamilton o Max Verstappen. Nella MotoGP, questo aspetto è un po' carente ora che Valentino Rossi ha detto addio.

"La MotoGP è bella, le gare sono belle", ritiene Agostini. "Ma abbiamo bisogno di una vera star dopo il ritiro di Valentino e gli infortuni di Marc Marquez. È quello che stiamo aspettando ora, i giovani piloti che stanno arrivando al top. I fan vogliono vedere piloti che fanno cose che non possono fare da soli. La gente vuole essere sorpresa da ciò che un pilota fa".

"È quello che fa Max Verstappen, che vince molto ed è diventato un eroe. È successo con Maradona nel calcio, con Eddy Merckx nel ciclismo. Ricordo che mi alzavo nel cuore della notte per guardare gli incontri di boxe di Cassius Clay (Muhammed Ali). Faceva cose che nessun altro poteva fare e la gente vuole vedere questo. Questo è ciò che ci aspettiamo ora in MotoGP".

Con il ritiro di Andrea Dovizioso all'inizio di questo mese, il cambio della guardia è davvero completo. Della griglia della MotoGP 2010, solo Aleix Espargaro è ancora in attività. Sulla domanda se la nuova generazione abbia le carte in regola per riempire il vuoto lasciato dai "vecchi" piloti, Agostini è sembrato ottimista

"Abbiamo sicuramente questi ragazzi con potenziale. Marc Marquez è tornato, è molto aggressivo e si diverte a far divertire il pubblico. Corre sempre forte e vuole rendere felici gli spettatori. Ma ha anche bisogno di piloti con cui competere. Un Bagnaia o un Quartararo, ci sarà anche Bastianini. Quartararo è già campione e sta iniziando solo ora a lottare con Bagnaia. Se Marquez può unirsi a loro, sarà solo un bene per il campionato. È quello che stiamo aspettando".

Leggi anche:
condividi
commenti
MotoGP | Rins: un podio sfumato per evitare Quartararo
Articolo precedente

MotoGP | Rins: un podio sfumato per evitare Quartararo

Articolo successivo

MotoGP | Miller: "Caos Aragon? Non si può dare la colpa ai device"

MotoGP | Miller: "Caos Aragon? Non si può dare la colpa ai device"