Lupino e Tropepe trionfano nella prima prova dell'Italiano Prestige

condividi
commenti
Lupino e Tropepe trionfano nella prima prova dell'Italiano Prestige
Di: Adriano Dondi , Giornalista
13 mar 2018, 10:38

Il maltempo ha fatto da padrone nella tappa di Arco di Trento, con continue variazioni di programma. Nella MX1 a Lupino è bastato vincere gara 2 per salire sul gradino più alto del podio. Tropepe invece è stato mattatore in MX2.

Il vero padrone della prima prova dell’Italiano Prestige è stato il maltempo che ha costretto gli organizzatori a modificare in continuazione il programma delle gare. Le previsioni davano forte pioggia nella giornata di domenica e quindi, con una decisone unanime, la Direzione Gara ha fatto disputare due manche il sabato pomeriggio e le restanti la domenica mattina. Basti pensare che la manifestazione, alle ore tredici, era già terminata. Premiazioni comprese.

Detto questo, il verdetto finale dice che Alessandro Lupino e Giuseppe Tropepe, sono i primi due ad ottenere la red plate del primo in classifica.

La MX1 non ha però visto Lupino mattatore. Il pilota delle Fiamme Oro ha “soltanto vinto” gara due mentre nelle altre, ovvero la prima manche e la Supercampione, ha fatto due settimi posti. C’è però da sottolineare che ha avuto qualche episodio sfortunato, come nella gara finale dove un sasso gli ha fatto perdere la testa della gara e probabilmente senza quell’episodio, avrebbe vinto. Tutto questo però non cambia nulla perchè Alessandro è primo in classifica e precede Jose Butron del Team Marchetti Racing e Milko Potisek, vincitore di gara uno della MX1. Ottima la prova anche di Stefano Pezzuto del Team Ghidinelli Yamaha, che ha vinto la Supercampione, sfruttato in pieno l’inconveniente di Lupino. Chiude la Top Five Simone Zecchina che dopo due belle manche, cade nella finale e si ritira.

Giuseppe Tropepe
Giuseppe Tropepe

Photo by: Adriano Dondi

Nella MX2 il mattatore è Giuseppe Tropepe che vince gara uno e si piazza terzo assoluto, ma primo della MX2, nella Supercampione. Alle sue spalle troviamo Davide Cislaghi (Team Silver Action KTM) che si aggiudica una seconda manche dominata dal primo all’ultimo giro. Morgan Lesiardo (Team Marchetti Racing), reduce dalla prima del Mondiale MX2 in Argentina, si prende il terzo gradino del podio davanti a Lorenzo Ravera (Team Maggiora Park) ed a Michele Cervellin. Il pilota delle Fiamme Oro del Team Honda Martin ha corso non al meglio a causa di un ginocchio non a posto per una caduta in gara due nella prova Mondiale in terra Argentina.

Prossimo appuntamento con il Campionato Italiano Prestige, il 22 aprile a Ponte a Egola.

Prossimo articolo Motocross Italiano