Nei segreti della Kawasaki KX450F

Nei segreti della Kawasaki KX450F

Per la stagione 2011 modifiche al motore a iniezione e al telaio

Il mondo del motocross è in agitazione per l'arrivo delle attese novità per la stagione 2011. Dopo la KTM è la volta della Kawasaki calare i suoi assi: ecco la KX450F che costituisce la base per molti piloti impegnati nelle classi top del motociclismo. Il design del telaio in alluminio ad alta rigidità, i componenti delle sospensioni e la messa a punto mirano a garantire un’ottima stabilità alle alte velocità, specie in rettilineo, per permettere ai rider di esprimersi al massimo. Il motore a iniezione monocilindrico a 4 tempi da 449 cc raffreddato a liquido eroga una potenza incisiva dai bassi agli alti regimi. L’eccellente elasticità e risposta in accelerazione consentono di disporre di coppia a qualunque regime, permettendo al pilota di guadagnare rapidamente accelerazione anche dai regimi più bassi. Oltre agli ovvi vantaggi, l’iniezione del carburante aumenta la risposta in accelerazione della KX450F, specialmente in fase di atterraggio dopo un salto. Già dotato di messa a punto stile reparto corse e parti, quali il pistone ad alte prestazioni con fondo bridged-box (introdotto con il modello KX450F 2010 per la prima volta tra le motocross di serie), il motore 2011 rivisto è caratterizzato da una maggiore risposta ai bassi regimi, una percezione migliore nei cambi marcia e altre messe a punto che soddisfano le norme più rigorose sulle emissioni acustiche. Lo snello telaio perimetrale in alluminio della KX450F è una struttura leggera composta da parti forgiate, estruse e fuse. Il bilanciamento e le tarature del telaio sono stati eseguiti in funzione delle esigenze dei piloti da gara. Il baricentro e le dimensioni chiave (posizioni del perno del forcellone, pignone e assale posteriore) sono stati selezionati in modo che la ruota posteriore spinga la moto in avanti, anziché indurre all’impennata. Il telaio del modello 2011 è stato sottoposto a una messa a punto accurata e le revisioni apportate al telaio e alle sospensioni garantiscono un comportamento migliore in curva, una maggiore trazione della ruota posteriore, una maggiore sensazione di stabilità della ruota anteriore e una maggiore precisione in curva. Resta invariata la ben nota stabilità alle alte velocità che caratterizza la KX450F.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Motocross Italiano
Articolo di tipo Ultime notizie