Moto3
G
Losail
26 mar
Prossimo evento tra
27 giorni
G
Doha
02 apr
Prossimo evento tra
34 giorni
G
Termas de Rio Hondo
09 apr
Postponed
G
Austin
16 apr
Postponed
G
Jerez
30 apr
Prossimo evento tra
62 giorni
G
Le Mans
14 mag
Prossimo evento tra
76 giorni
G
Mugello
28 mag
Prossimo evento tra
90 giorni
G
Barcellona
04 giu
Prossimo evento tra
97 giorni
G
Sachsenring
18 giu
Prossimo evento tra
111 giorni
G
Assen
25 giu
Prossimo evento tra
118 giorni
G
Kymi Ring
09 lug
Prossimo evento tra
132 giorni
G
Spielberg
13 ago
Prossimo evento tra
167 giorni
G
Silverstone
27 ago
Prossimo evento tra
181 giorni
G
Aragon
10 set
Prossimo evento tra
195 giorni
G
Misano
17 set
Prossimo evento tra
202 giorni
G
Motegi
01 ott
Prossimo evento tra
216 giorni
G
Buriram
08 ott
Prossimo evento tra
223 giorni
G
Phillip Island
22 ott
Prossimo evento tra
237 giorni
G
Sepang
29 ott
Prossimo evento tra
244 giorni
G
Valencia
12 nov
Prossimo evento tra
258 giorni

Moto3: Vietti e Arbolino, doppietta italiana a Le Mans

Seconda vittoria stagionale per il pilota dello Sky Racing Team VR46, che precede il connazionale e per entrambi si riapre il Mondiale. Arenas, terzo, torna leader.

condividi
commenti
Moto3: Vietti e Arbolino, doppietta italiana a Le Mans

Suona l'inno italiano a Le Mans per la classe Moto3, con Celestino Vietti e Tony Arbolino che hanno regalato una grande doppietta tricolore, rilanciando pesantemente anche le loro ambizioni iridate a cinque gare dal termine.

Il pilota dello Sky Racing Team VR46, che era uno dei pochi ad aver scelto la gomma dura al posteriore, è sempre rimasto nel trenino dei migliori in una gara ad eliminazione che si è conclusa con un gruppetto di 8 piloti a giocarsi la vittoria.

Il momento chiave è arrivato al penultimo giro, quando Jauma Masia, che fino a quel momento era stato il mattatore della corsa, è andato lungo alla curva 8, lasciando un varco in cui si sono infilati sia Albert Arenas che Celestino, bravissimo ad infilarli entrambi.

Il piemontese a questo punto è stato freddissimo e non ha commesso la minima sbavatura nell'ultimo giro, mentre alle sue spalle la battaglia per la seconda posizione si faceva veramente infuocata tra Arbolino ed Arenas. Tony si è infilato con grinta alla curva 3 e poi è stato bravissimo a forzare le staccate per impedire allo spagnolo di attaccarlo.

Il tutto mentre Vietti si involava verso la sua seconda affermazione stagionale ed il -16 nei confronti di un Arenas che alla fine si è piazzato terzo, riprendendosi la leadership del Mondiale con il suo quinto podio stagionale.

Il secondo posto però è altrettanto importante per Arbolino, perché 20 punti non sono tanti quando ce ne sono ancora in palio 125. Grazie alle cadute altrui invece è riuscito a limitare i danni Ai Ogura, che ha chiuso al nono posto un weekend da dimenticare e quindi ora è a -6 da Arenas.

Guarda anche:

Il grande deluso di giornata è senza ombra di dubbio Masia, che si è dovuto accontentare della "medaglia di legno" dopo aver comandato la gara per quasi tutta la sua durata, pagando a carissimo prezzo l'errore che ha commesso al penultimo giro.

Sostanziosa invece la gara di Andrea Migno, rimasto nel gruppetto di testa fino alla fine e capace di conquistare un bel quinto posto al termine di un duello piuttosto "maschio" con Ayumu Sasaki. Il gruppettino di testa poi si è completato con Raul Fernandez, al quale continua a mancare qualcosina in gara e con Gabriel Rodrigo.

A punti poi ci sono anche Dennis Foggia, Riccardo Rossi e Stefano Nepa, che hanno concluso rispettivamente in 13esima, 14esima e 15esima posizione.

Come detto, si è trattato però di una gara ad eliminazione: il primo a farne le spese è stato Romano Fenati, centrato in pieno alla curva 13 del compagno Alonso Lopez. Poi è stata la volta di Tatsuki Suzuki, caduto alla curva 8 mentre stava provando a rimontare a suon di giri veloci.

Brivido poi per Darryn Binder, tradito dalla sua KTM a 7 giri dal termine ed evitato di un soffio da chi lo seguiva alla curva 10. Non è andata altrettanto bene a John McPhee, che non ha potuto fare niente nello stesso punto per evitare Jeremy Alcoba quando gli è caduto davanti a 5 giri dal termine. Per lo scozzese ora il Mondiale si fa decisame in salita.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 Italy Celestino Vietti Ramus
KTM 22 25
2 Italy Tony Arbolino
Honda 22 0.142 20
3 Spain Albert Arenas Ovejero
KTM 22 0.198 16
4 Spain Jaume Masia
Honda 22 0.336 13
5 Italy Andrea Migno
KTM 22 0.569 11
6 Japan Ayumu Sasaki
KTM 22 0.834 10
7 Spain Raul Fernandez
KTM 22 1.361 9
8 Argentina Gabriel Rodrigo
Honda 22 1.625 8
9 Japan Ai Ogura
Honda 22 15.003 7
10 Spain Carlos Tatay
KTM 22 15.139 6
11 Spain Sergio Garcia Dols
Honda 22 15.269 5
12 Czech Republic Filip Salač
Honda 22 15.381 4
13 Italy Dennis Foggia
Honda 22 15.574 3
14 Italy Riccardo Rossi
KTM 22 15.729 2
15 Italy Stefano Nepa
KTM 22 17.743 1
16 Belgium Barry Baltus
KTM 22 18.991
17 Switzerland Jason Dupasquier
KTM 22 19.173
18 Japan Ryusei Yamanaka
Honda 22 25.148
19 Malaysia Khairul Pawi
Honda 22 26.189
20 Japan Yuki Kunii
Honda 22 26.360
21 Austria Maximilian Kofler
KTM 22 26.959
22 Turkey Deniz Öncü
KTM 22 30.306
Italy Niccolò Antonelli
Honda 18
United Kingdom John McPhee
Honda 17
Spain Jeremy Alcoba
Honda 17
Japan Kaito Toba
KTM 17
South Africa Darryn Binder
KTM 15
Italy Davide Pizzoli
KTM 12
Japan Tatsuki Suzuki
Honda 7
Italy Romano Fenati
Husqvarna 6
Spain Alonso Lopez
Husqvarna 6
Moto3, Le Mans: Masia si prende pole e record

Articolo precedente

Moto3, Le Mans: Masia si prende pole e record

Articolo successivo

Vietti: “Vittoria inaspettata, ma dobbiamo continuare così”

Vietti: “Vittoria inaspettata, ma dobbiamo continuare così”
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Moto3
Evento Le Mans
Location Le Mans Circuit Bugatti
Autore Matteo Nugnes